Milano Fashion Week: flash dalle sfilate delle collezioni PE 2021 (parte 1)

1.MOSCHINO

Ritorna il consueto excursus di VALIUM sulle Fashion Week. Si comincia da Milano, per motivi strettamente “patriottici” e associati alla valorizzazione del Made in Italy: come ogni anno – per motivi di tempo e spazio – accenderò i riflettori solo su alcune delle collezioni presentate, cercando di coglierne lo spirito e di evidenziare, a livello di immagini, alcuni dei look più rappresentativi. Nella capitale meneghina, ve lo avevo già anticipato, le linee Primavera Estate 2021 sono andate in scena tramite show virtuali via video e sfilate in passerella vere e proprie. Le misure preventive anti-Covid sono ormai ben delineate: distanziamento e uso della mascherina hanno costituito i must di ogni parterre. E se le presentazioni sul catwalk sono prevalse, non sono mancate di certo  la fantasia e l’ inventiva nel proporre scenografie spettacolari. Straordinarie prove di estro hanno caratterizzato anche i fashion show virtuali, come vedremo in questo post: alcuni possono essere definiti delle autentiche opere d’arte che hanno lasciato gli spettatori senza fiato. Le collezioni rimarcano quasi all’ unanimità tematiche relative al post-lockdown, al cambiamento, a un nuovo mondo e un nuovo gusto scaturiti dal periodo della pandemia da Coronavirus. Cominciamo subito, quindi, il nostro viaggio nella Settimana della Moda di Milano.

 

2. MOSCHINO

3.MOSCHINO

MOSCHINO ha letteralmente incantato il pubblico con uno show in versione “teatro dei burattini”. Servendosi del prezioso apporto di Jim Henson, colui che inventò i celebri Muppets, fa sfilare in passerella 40 marionette con le fattezze di bellissime modelle. Persino il parterre non lascia nulla al caso: in prima fila, tra gli altri, notiamo un’ attenta Anna Wintour che sfoggia il suo iconico caschetto e gli occhiali neri. Ad ispirare Jeremy Scott è il Théâtre de la Mode, i burattini che i couturier francesi del dopoguerra “mandavano in tournée” vestiti con le loro mise in miniatura per rilanciare la moda parigina nel mondo. La collezione di Moschino è decisamente splendida, un inno all’ Haute Couture più squisita. Una palette nei femminili toni del turchese, del rosa e dell’ oro esalta svasate creazioni in tulle, pencil dress da sirena ricchi di ruches, lunghi abiti orlati di scenografiche piume. Ma Scott non rinuncia al suo tocco magico: ogni look (o quasi) rivela l’abito nel suo divenire, mostrando mix sperimentali di stoffe, cuciture in bella vista e sorprendenti giochi di “dritto e rovescio” dei tessuti con tanto di impunture. La Couture diventa la risposta alla “tuta da ginnastica” imperante nel lockdown, l’archetipo e il sogno legati alla moda. Il gusto imperituro del bello contrapposto alla sciatteria “casereccia” della quarantena.

 

1.VERSACE

VERSACE presenta Versacepolis, una città (novella Atlantide) immersa nei fondali dell’ oceano: sulla sabbia degli abissi sono ancorate antiche statue, colonne, capitelli, e fluttuano polipi enormi e coloratissimi. La collezione prende spunto dal passato (i “Tresor de la Mer” portati in passerella da Gianni Versace nel 1992) per affrontare il futuro dell’ era post-Covid, e lo fa tramite stupefacenti outfit acquatici. Color block in dosi massicce (un tripudio di arancione, fucsia, verde acido, turchese) e fantasie di stelle marine profuse sugli abiti fanno da leitmotiv, come l’ allure sensualissima dei look. I bustier e i crop top hanno coppe che ricordano scintillanti conchiglie, miriadi di ruches asimmetriche rievocano le increspature delle onde e un plissè fittissimo richiama il perenne movimento del mare. La stella marina regna ovunque, persino sui bijoux e sugli accessori,  tramutandosi nell’ emblema di una collezione in cui una seduttività audace, travolgente, “liberata”, si esprime tramite il fascino di un mondo sommerso che Donatella Versace porta a galla evidenziando la sua immensa potenza visiva.

 

2.VERSACE

3.VERSACE

 

1.GIORGIO ARMANI

GIORGIO ARMANI accentua il coté minimal e senza tempo del suo stile signature, proponendo una collezione dai tratti essenziali ma morbida e fluttuante. Alla sfilata e a “Timeless Thoughts”, il documentario dedicato alla filosofia di Armani, ha dedicato ampio spazio La7, che ha trasmesso entrambi (il fashion show, in diretta TV) sabato scorso con tanto di omaggio finale, la replica di “American Gigolo” – il film in cui gli abiti indossati da Richard Gere, firmati Armani, consacrarono la fama dello stilista in tutto il mondo. Per la creazione dei look della collezione PE 2021, Re Giorgio si è ispirato a un concetto di stile post-lockdown: a una consapevolezza zen si affiancano il senso del comfort, il luccichio discreto di una moda che continua sì ad incarnare il bello, il senso della vita che va avanti, ma puntando su capi all’ insegna della qualità e di tutto ciò che è destinato a durare nel tempo. Ecco quindi i suit che ricordano un pigiama, le giacche sagomate dalle forme arrotondate, i pantaloni fluidi e ad anfora, i coat vestaglia, i pattern a quadretti “sfrangiati”, le ampie gonne lunghe, impalpabili,  abbinate a top dritti e lineari. La leggerezza del tulle e uno scintillio costante rappresentano i leitmotiv più sfiziosi della collezione. Anche la palette cromatica non è mai sopra le righe: il grigio perla, il blu, il celeste e il famoso “greige” Armani si alternano al verde menta, l’unica concessione a tonalità più vivaci.

 

2.GIORGIO ARMANI

3.GIORGIO ARMANI

 

1.VALENTINO

VALENTINO, al passo con l’evoluzione dei tempi, inserisce la sua ricerca in un processo di cambiamento e ri-significazione: Pierpaolo Piccioli rilegge i codici stilistici della Maison non tanto dal punto di vista estetico, bensì identitario. Il risultato è l’ approccio ad un romanticismo che si fa espressione dei valori di libertà individuale; la libertà di essere se stessi, di affermare la propria unicità senza paura, e al tempo stesso di abbracciare l’inclusività e la tolleranza per forgiare un mondo ideale. Anche la location della sfilata riflette questa nuova fase: al lusso maestoso si sostituisce la scarna essenzialità delle Fonderie Macchi di Milano, uno spazio che, rievocando il “Guerrilla Gardening”, il plant artist giapponese Satoshi Kawamoto impreziosisce con una sua installazione a base di piante e fiori selvatici provenienti da otto paesi diversi. Ricordate la poetica immagine del fiore che nasce tra l’asfalto? E’ una pregnante metafora del concept di questa collezione. I look, indossati da modelli selezionati attraverso uno street casting, sono all’ insegna di un’ eleganza disinvolta: risaltano le camicie, colorate, oversize, indossate da sole a mò di minidress oppure, nel caso di modelli arricchiti da balze e volants, abbinate ai jeans. Il pizzo e il crochet definiscono abiti lineari, mentre una serie di vestiti da sera si avvale delle trasparenze, di miriadi di ruches “verticali” e di un tulle fluttuante per instaurare un link con la tipica Valentino Couture. Ricorre una stampa floreale su fondo giallo tratta dall’ archivio della Maison: iconica oggi come ieri, quando Anjelica Huston la esibì in un mitico photoshoot realizzato da Gian Paolo Barbieri nel 1972.

 

2.VALENTINO

3.VALENTINO

 

TO BE CONTINUED…

 

 

Edie

 

” Edie e Andy! Bisognava vederli. Bisognava proprio! Tutti e due vestiti allo stesso modo, maglietta dolce vita, t-shirt a righe. Andy indossava jeans di velluto nero, stivali a tacco alto: terribili, li odiavo. Quando li aveva non riusciva mai a stare in equilibrio. (….) Edie si conciava in modo da assomigliare a lui, ma l’effetto era tutto diverso! La t-shirt, le calze nere, gli orecchini lunghi; era di una bellezza sconvolgente. (…) metteva a disposizione il fascino e i luccichii…Quando entrava in un posto, tutti si voltavano. E se non si voltavano, nel giro di venti secondi combinava qualcosa che li costringeva a farlo. Lanciava dei gridolini, si metteva a ballare o a piroettare. Era avida di gente. Era una delle più grandi divoratrici di tutti i tempi. Ma divorava seducendo. Se c’erano venti persone in una stanza ed entrava lei, l’energia saliva di colpo. Tutti la smettevano di fare i loro numeri noiosi: era arrivato quel mostro di fascino. La gente era dispostissima a farle fare la primadonna. Volevano solo starle intorno perché da lei emanava fascino….Se Fuzzy voleva recitare la parte del re del ranch, lei recitava quella della figlia del re. Dovunque andasse, faceva la parte della principessa. ”

 

Da “Edie: una biografia americana” di Jean Stein

 

 

 

Photo via Laura Loveday from Flickr, CC BY-NC-SA 2.0

 

Glitter People

 

” Sartre mi ha allevato, aiutato, accettato. Devo a lui e ai grandi come lui, Picasso, Camus, Mauriac, se la mia adolescenza fu intellettualmente così lussuosa. E l’aver contribuito a far diventare l’esistenzialismo una moda, una specie di twist… “

Juliette Gréco

 

 

 

 

Frase tratta dal libro “Intervista con il mito” di Oriana Fallaci, ed. Rizzoli

Photo by Ron Kroon / Anefo / CC0 via Wikimedia Commons

 

 

Autunno Inverno 2020/21: la palette cromatica di Pantone

SAMBA 19-1662 (LFW) – Alexander McQueen

 

I colori rappresentano uno dei punti di forza dell’ Autunno: le foglie, prima di cadere, si tingono di un tripudio di stupefacenti sfumature. Non è un caso che in questo periodo dell’ anno il foliage – ovvero il mutamento cromatico del fogliame – sia uno dei fenomeni più ammirati. Persino Pantone inserisce gradazioni che ricordano quelle delle foglie morte nella sua palette stagionale, e lo fa sia per quanto riguarda la Fashion Week di Londra che quella di New York. Oggi andremo a scoprire, quindi, quali sono le tonalità che il noto brand statunitense di catalogazione dei colori propone per l’Autunno Inverno 2020/2021: tralasceremo i classici a favore delle nuance più prettamente associate al momento, indicative delle esigenze e delle espressioni di questi specifici mesi freddi. Che non variano poi così tanto, in fondo, dall’ una e dall’ altra parte dell’ Oceano Atlantico. Se le colorazioni della New York Fashion Week riflettono il desiderio di unicità e al tempo stesso di funzionalità, qualità e durevolezza puntando su sfumature versatili e senza tempo, le cromie scelte per la London Fashion Week rivelano le stesse aspirazioni. In aggiunta, la capitale del Big Ben sfoggia tonalità che esternano un tocco di ottimismo e di determinazione. Le due palette evidenziano svariate gradazioni di burgundy, arancio e verde. Il giallo si mixa al green risultando vagamente acido, il beige abbraccia shade che rimandano a un nude scuro o a toni più sabbiosi, mentre il blu, presente tra le nuance “newyorkesi” con il Color of the Year Classic Blue, si dirama in una doppia versione, intensa e luminosa. Il rosa, ormai ufficializzato come timeless, appare in una tonalità pallida di rosa antico. Il viola, dal canto suo, instaura un connubio con il magenta e prende il nome di Magenta Purple. Qui sopra e qui di seguito, la parata delle cromie Pantone viene associata a dei look esemplificativi declinati nelle stesse sfumature delle palette riferite alla London (LFW) e alla New York Fashion Week (NYFW). Ma attenzione: le mise che ho selezionato sono abbinate ai colori Pantone corrispondenti e NON necessariamente rientrano tra le sfilate delle Fashion Week in questione.

 

MANDARIN RED 17-1562 (LFW) – Preen by Thornton Bregazzi

 

TRUE BLUE 19-4057 (LFW) – Sally LaPointe

 

EXUBERANCE 17-1349 (LFW) – Dion Lee

 

MILITARY OLIVE 19-0622 (LFW) – JW ANDERSON

 

CELERY 14-0647 (LFW) – Bottega Veneta

 

ULTRAMARINE GREEN 18-5338 (LFW) – Emilia Wickstead

 

STRONG BLUE 18-4051 (LFW) – Carolina Herrera

 

BURNT HENNA 19-1540 (LFW) – Ferragamo

 

TAWNY BIRCH  17-1225 (LFW) – Elisabetta Franchi

 

AMBERGLOW 16-1350 (NYFW) – Christian Wijnants

 

SANDSTONE 16-1328 (NYFW) – Max Mara

 

CLASSIC BLUE 19-4052 (NYFW) – Oscar de la Renta

 

GREEN SHEEN 13-0648 (NYFW) – Erdem

 

ROSE TAN 16-1511 (NYFW) – Marc Jacobs

 

FIRED BRICK 19-1337 (NYFW) – Lanvin

 

PEACH NOUGAT 14-1220 (NYFW) – Molly Goddard

 

MAGENTA PURPLE 19-2428 (NYFW) – MSGM

 

 

 

Mabon, Equinozio di Autunno

 

22 Settembre, Equinozio di Autunno. La terra si prepara a un lungo periodo di letargo e il sole a lasciar spazio a molte ore di oscurità. Il tempo del raccolto si conclude con il rituale della vendemmia e della lavorazione dell’uva: la sua chiusura nelle botti, dove viene lasciata a fermentare, sembra simbolizzare il processo di introspezione che l’arrivo dell’ Autunno favorisce; una meditazione sul nostro io concomitante con la stasi della natura che si va assopendo. Questa parentesi è sancita da Mabon, festività neopagana che ricorre a metà tra i due Solstizi e identifica l’Equinozio. Quel giorno, le ore di luce e di buio si equivalgono, suddivise in perfetto equilibrio. Il ciclo della semina e della raccolta, paragonabile all’ eterno ciclo di morte e di rinascita che scandisce il ritmo dell’ esistenza umana, è giunto al suo termine. Le foglie degli alberi volteggiano verso il suolo, la terra si addormenta in attesa della prossima coltivazione, gli animali fanno provviste in previsione dei rigori invernali. L’ ultimo raccolto ci ha permesso di fare un bilancio, di verificare l’entità di quanto, tra ciò che abbiamo seminato, ha dato il suo frutto. Allo stesso modo, Mabon è il momento ideale per sondare l’anima con una rinnovata consapevolezza, di effettuare una nuova “semina” in base al nostro raccolto interiore. E se l’oscurità che avanza ci invita a guardarci dentro, il torpore della natura va di pari passo con questa pausa di riflessione. Antichi rituali prevedevano l’istituzione di banchetti ricchi di bevande e cibo per propiziarsi le divinità della terra e celebrarne i doni, con l’augurio che – dopo la pausa invernale – continuassero ad elargire i loro frutti. A proposito di frutti, quale di essi se non la zucca può rappresentare l’Autunno in modo ottimale? La ritroveremo in un ruolo chiave ad Halloween (o Samhain, nella sua denominazione originaria), il 31 Ottobre: un’altra data estremamente significativa del calendario celtico e pagano.

 

 

 

 

 

279 Denim, la palette “in jeans” delle nuovissime Dior 5 Couleurs Couture

 

Oggi mi ricollego all’ articolo sulla “tendenza denim” pubblicato il 14 Settembre scorso. Ricordate quando vi ho accennato a uno spin-off di quel post? Bene, eccolo qui. Il focus è sempre il denim, ma declinato in versione make up. L’ occasione per parlarvene me la fornisce una palette di ombretti, 5 Couleurs Couture, appena lanciata da Dior: l’ iconica 5 Couleurs abbraccia la Couture e si suddivide in quattro diverse armonie cromatiche, ognuna corrispondente a un capo cult della Maison. Accanto a 279 Denim, che celebra l’ appeal intramontabile del jeans e della sua allure chic ma disinvolta, troviamo 079 Black Bow, dedicata allo charme francese, al maliardo smoky eye e alle illustrazioni raffinate di René Gruau, 689 Mitzah, dal nome di una delle muse che ispirarono il New Look, e 879 Rouge Trafalgar, che rimanda al rosso signature di Christian Dior. 279 Denim conquista all’ istante perchè si sposa mirabilmente con il nuovo stile “in jeans” incluso nelle collezioni di Maria Grazia Chiuri. Le creazioni per l’ Autunno/Inverno 2020/21, ad esempio, lo sfoggiano copiosamente, ma anche la linea Cruise 2021 è ricca di capi in denim: un’ autentica consacrazione per un tessuto senza tempo e non più relegato esclusivamente al casual.

 

 

I cinque colori di 279 Denim sprigionano tutto il fascino del jeans e delle sue sfumature potenziandolo grazie alle caratteristiche di ogni palette 5 Couleurs Couture. Innanzitutto, la texture: cremosa, impalpabile, perfettamente fondibile con la pelle. E poi, le tonalità decise e intense, a lunghissima durata. Infine il finish variegato, eterogeneo, adatto a molteplici interpretazioni del look Dior a cui rimanda la palette scelta. 5 Couleurs Couture propone finiture in versione mat, satinata, metal, madreperlata, glitterata, ma con un unico leitmotiv: la luminosità. Per applicare l’ ombretto sono disponibili due applicatori a doppia estremità, con spugnetta oppure con pennello. Analizzando gli ingredienti, notiamo che includono l’ olio di pino e l’aloe vera, entrambi estremamente leviganti e soprattutto ricchi di proprietà nutrienti; non è un caso che il prodotto risulti morbidissimo al tatto, evidenziando la sua polvere finissima e un colore ultra intenso.

 

 

Veniamo ora a 279 Denim nello specifico. Le nuance che la compongono sono quattro diversi toni di blu denim più un color oro: accostandole alle tonalità classiche potremmo dire che la palette alterna il celeste intenso all’ azzurro polvere, il blu notte al blu navy, aggiungendo poi uno spot di luminosità tramite una shade dorata. Peter Philips, Direttore Creativo e dell’ Immagine del Make Up Dior, consiglia di abbondare con le nuance di blu sulla palpebra mobile e lungo la palpebra inferiore prima di illuminare con l’oro la zona sottostante all’ arcata sopraccigliare. L’ effetto è strepitoso, un blue look dal potente impatto visivo. Non c’è che dire, il denim di Dior è cool a 360 gradi: coinvolge la moda e la esalta a tutto tondo con il make up.

 

 

 

 

Il close-up della settimana

Pierpaolo Piccioli durante il gran finale dell’ applauditissima sfilata di Haute Couture Primavera/Estate 2019, chiusa da Naomi Campbell

Pierpaolo Piccioli, mente creativa di Valentino, ha appena ricevuto l’ ennesimo, prestigioso riconoscimento: il Council of Fashion Designers of America l’ha infatti nominato International Women’s Designer of the Year durante la cerimonia (virtuale a causa del Covid) dei CFDA Awards. Ricordiamo che, solo due anni fa, il premio di Designer of the Year ricevuto ai Fashion Awards britannici aveva già incoronato la sua carriera “da solista” dopo il trasferimento chez Dior di Maria Grazia Chiuri. Era il 2016 quando Chiuri decise di accettare l’offerta della Maison parigina, esattamente otto anni dopo dall’ esordio alla direzione creativa di Valentino in coppia con Pierpaolo Piccioli. Dopo l’ uscita di scena della collega, il designer nato a Nettuno ha portato avanti in solitario quella che verrà storicamente ricordata come la “nuova era” della leggendaria casa di moda di Piazza Mignanelli: una visione creativa inedita che coniuga mirabilmente l’heritage della Maison con una contemporaneità intrisa di fascino e stile. Oggi, questa visione è stata premiata con uno dei riconoscimenti più importanti del fashion system statunitense. L’ annuncio della vittoria di Piccioli è stato dato da Tom Ford – presidente del CFDA dal 2019 – il 14 Settembre, giorno dell’ inaugurazione della New York Fashion Week, attraverso la digital platform Runway360. Su Instagram, lo stilista ha commentato entustasticamente la sua premiazione: “Lontano dai riflettori, dalla folla, dai brindisi e dalle feste, accetto questo premio con immensa gratitudine per la fiducia e la benevolenza dei miei colleghi e amici. La condizione atipica della cerimonia sottolinea l’essenza di questo traguardo: dedizione quotidiana e amore per la bellezza, in tutte le sue accezioni. Interpreto questo premio come un promemoria, per tutto il lavoro straordinario che ha fatto il mio team, per tutto il supporto che ho ricevuto dalla mia famiglia e per l’enorme opportunità che la vita mi ha dato, facendo quello che amo come lavoro. A volte sogno ad occhi aperti cosa farei o potrei fare se non fossi uno stilista … In fin dei conti, sono esattamente dove voglio essere. Quindi, grazie al CFDA e grazie a Tom Ford per avermi ricordato quanto sono fortunato.” Ma anche eccezionalmente geniale e ricco di talento, aggiungeremmo: tanto da aver meritato in pieno di ricevere l’ ambitissimo CFDA Award.

 

 

 

La musica, la moda, il sodalizio con Raffaello Bellavista: conversazione con Serena Gentilini, cantante e artista eclettica

 

Per VALIUM, ogni promessa è debito. Eccomi quindi pronta per una chiacchierata a tutto campo con Serena Gentilini, stilista, modella e cantante oltre che partner – sia nell’ arte che nella vita – di Raffaello Bellavista, un ospite ormai fisso di questo blog (rileggi qui la sua ultima intervista). Classe 2000, nata a Lugo di Romagna, Serena vanta un solido background nel canto e nel settore teatrale. Ad appena 20 anni ha già calcato i palchi del Teatro Sociale di Piangipane, dell’ Arena Fico di Bologna, del Teatro della Regina di Cattolica, ma non solo: il suo curriculum annovera anche esperienze all’ Harlem Jazz and Music Fest di New York e in storici club della Grande Mela come The Bitter End e lo Smalls Jazz Club. Parlando di location prestigiose non si possono tralasciare Cinecittà, Palazzo Labia a Venezia, dove Serena ha preso parte al trascinante spettacolo “Eros e Thanatos” diretto e interpretato dal Principe Maurizio Agosti, e la Tenuta Biodinamica Mara, sede di un importante evento live con la partecipazione di Alessandro Cecchi Paone. L’ attività di questa giovane promessa romagnola, però, non si limita alle performance. Amante dell’ arte a 360 gradi, eclettica per natura, Serena è un’ appassionata di fashion design e alla carriera di modella affianca quella di stilista, creando gli abiti che indossa on stage. Non le manca di certo la classe per presentarli al pubblico: la prima cosa che colpisce in lei è la grazia, che va di pari passo con una bellezza raffinata e intensa. I suoi grandi occhi nocciola, incorniciati da sopracciglia ad ali di gabbiano, coniugano profondità e dolcezza. La chioma castano scuro, lunghissima e sempre tenuta sciolta, la fa somigliare a una Madonna rinascimentale. Curiosamente, forse a causa dei colori mediterranei o dei lineamenti armoniosi che li accomunano, svariate persone rilevano una vaga similarità fisica tra Serena e Raffaello: un’ osservazione piuttosto azzeccata, a ben vedere. Quel che è certo, è che insieme hanno dato vita a un duo in perfetta sintonia. Teneteli d’occhio, perchè li attendono progetti di alto livello che includono – tra l’altro – collaborazioni con personaggi notissimi (i nomi sono rigorosamente top secret) della scena musicale. Tutto questo, e molto altro ancora, ve lo racconterà la stessa Serena rispondendo alle mie domande.

La passione per il canto rappresenta solo una sfaccettatura della tua eclettica predisposizione artistica. Quando hai deciso che la musica, per te, sarebbe stata una priorità?

Sin da piccola ho sempre amato la musica. I miei genitori sono dei grandi amanti di questa arte e mi hanno cresciuto accompagnata dalle melodie di vari artisti e compositori. Un ricordo importante per me risale a una recita dell’asilo, avrò avuto 5 anni e cantavo una canzone in solo. Mi emozionó molto, sentii dentro di me che la musica sarebbe stata una cosa importantissima nel mio futuro. Iniziai così ad andare a lezione di canto e il mio amore per la musica fu chiaro. Ho capito che sarebbe stata la mia principale dedizione quando mi sono resa conto che non avrei mai desiderato fare qualcosa di diverso.

 

 

Canto, pittura, sculture in ceramica e fashion design sono alcune delle espressioni in cui incanali il tuo talento creativo. Per quanto riguarda il canto, ti sei affidata agli insegnamenti di professionisti come Emanuela Cortesi e Fulvio Massa, ma hai seguito anche masterclass vocali tenute da nomi del calibro di Gary Samuels e Deborah Zuke Smith: potresti dirci qualcosa di più rispetto a queste esperienze?

Ho iniziato il mio percorso musicale da molto piccola, la mia prima insegnante si chiamava Lucia. Crescendo ho proseguito assieme alla cantante Emanuela Cortesi, una professionista vivace e solare così come le sue lezioni. Successivamente mi sono interfacciata con il cantante lirico Fulvio Massa, incuriosita dalla tecnica vocale del bel canto ma restando sempre fedele al mio stile. Questa diversità musicale tra il mondo “pop” e quello lirico mi ha dato molto, in termini di consapevolezza vocale. Durante il mio soggiorno a New York e a Broadway ho seguito svariate masterclass canore tra cui quelle assieme a Deborah Zuke Smith e Gary Samuels, grande voce statunitense assieme a cui ho avuto il piacere di cantare al Jazz Festival di Harlem.

Quali generi ti ispirano di più, musicalmente?

Mi piacciono molti generi, sin da piccola ho sempre cercato di distillare da ognuno ció che più mi piaceva e mi rappresentava. La mia missione artistica è unire i tasselli sonori di ogni genere per creare un unico mosaico che è per me la musica. I generi da cui attingo maggiormente sono il pop, il jazz, il soul e in alcuni suoi aspetti la classica, tutti rivisitati secondo il mio spirito.

 

 

Nonostante l’amore per l’arte, hai scelto di iscriverti al liceo linguistico: una decisione che poi si è rivelata utilissima anche per il tuo percorso nel canto. Punti a una carriera internazionale o preferisci muoverti entro i confini italici?

Sì, nonostante il mio temperamento artistico ho scelto di frequentare una scuola linguistica che mi potesse dare gli strumenti per essere indipendente sia dal punto di vista manageriale sia da quello artistico nell’interpretazione di brani nelle principali lingue. Il mio intento è quello di partire dall’Italia per poi portare la mia figura in tutto il mondo.

 

Un autoritratto olio su tela di Serena

Come definiresti il tuo stile vocale?

Il mio stile vocale nasce dalla commistione di differenti correnti artistiche, dal pop al jazz al soul, con alcune sfumature di classica. Ne deriva un timbro molto particolare, caldo e raffinato, che mi permette di affrontare e interpretare con estrema originalità vari generi musicali rientrando nel cosiddetto “crossover”.

Chi sono le cantanti che ami e che più ti ispirano?

Ci sono vari artisti di vari generi che apprezzo particolarmente: Frank Sinatra, Sade, Amy Winehouse, Cher, Annie Lennox, Sting, Michael Jackson, David Bowie….Ognuno di questi ha un un aspetto musicale e stilistico che trovo interessante. Ma soprattutto, l’aspetto che più riscontro negli artisti citati è la capacità di aver creato un personaggio riconoscibile ed estremamente originale che ha detto qualcosa di nuovo in un ambiente musicale molto vicino alla saturazione. Proprio su questa idea si sviluppa il mio progetto artistico, che sta dando qualcosa che prima non c’era. Ovviamente l’innovazione ha radici in chi ha fatto la storia che tuttora viene scritta. Questi artisti hanno avuto molta rilevanza nella mia crescita, mentre ora sono concentrata esclusivamente sulla mia figura.

 

Serena insieme a Raffaello Bellavista, suo partner nella vita e nell’arte

Com’è nato il sodalizio con Raffaello Bellavista?

Mi piace sempre tenere le cose personali e belle della mia vita il più private possibile, però posso sicuramente dire che con Raffaello ci siamo incontrati grazie alla musica ed è stata una coesione totale, sia dal punto di vista sentimentale sia da quello artistico.

 

 

A Raffaello, infatti, sei legata anche da un rapporto sentimentale. Quale valore aggiunto apporta alla vostra love story il fatto di lavorare insieme, e viceversa?

Il fatto di avere entrambi questa spinta artistica interiore, che si fonde così perfettamente l’una con l’altra, rende ovviamente il rapporto ancora più magico. Infatti abbiamo scelto di unire anche la nostra musica in un format molto interessante con caratteristiche crossover.

In “Eros e Thanatos”, la performance ideata e diretta dal Principe Maurizio Agosti, il tuo contributo ha aggiunto ulteriore pathos alla rappresentazione. Hai mai pensato di diversificarti come attrice teatrale?

In passato ho più volte preso parte a rappresentazioni teatrali, anche da protagonista, con riconoscimenti e premi ricevuti, ma ho sempre dato la priorità alla parte musicale. A Venezia, in “Eros e Thanatos” questa mia esperienza pregressa è stata di grande importanza, infatti il mio intervento richiedeva una duplice abilità che ha potuto mettere in luce il mio lato musicale ma anche quello della recitazione. A Maurizio Agosti va il merito di aver colto la poliedricità della mia figura e di averla saputa con grande sapienza inserire all’interno del suo spettacolo. Nella prima parte ero su un trono totalmente immobile, dormiente, coperta da un velo. Alla fine dello spettacolo il Principe ha sollevato questo velo, con una serie di espedienti narrativi mi ha risvegliata e tra lo stupore generale ho cantato un’aria di Handel in chiave crossover accompagnata al pianoforte da Raffaello Bellavista. Concludendo, penso che “Eros e Thanatos” conoscerà un’importante seguito proprio per la sua unicità nel rappresentare un perfetto concetto di sinestesia tra più generi artistici oltre al fatto che è cucito su misura per ognuno dei protagonisti.

 

 

Due scatti tratti da “Eros e Thanatos”, la performance tenutasi nel prestigioso Palazzo Labia (sede RAI di Venezia)

La moda è un’altra delle tue diramazioni professionali. Hai sfilato e posato davanti all’ obiettivo sin da piccolissima, ma in seguito hai preferito concentrarti sul fashion design. Per quale motivo?

La professione di modella così come la vediamo oggi non rispecchia l’idea personale che ho di essa. Purtroppo ci sono molti lati, abilmente tenuti nascosti, che portano spesso questo mestiere vicino al concetto di superficialità. Inoltre personalmente non mi ha mai dato grandi emozioni sfilare e basta, semmai mi sono sentita come una sorta di manichino che si muoveva per mostrare l’abito. Ho deciso invece di esprimere me stessa anche attraverso gli abiti e non viceversa, attraverso le mie abilità di stilista e sartoriali. Sin da piccola mi ha affascinato il mondo della moda, mia nonna era una sarta bravissima, e oltre a trasmettermi qualche nozione di sartoria che poi ho sviluppato in autonomia crescendo, mi ha ispirato ad avvicinarmi anche a questo mondo. Quello che ho sviluppato è l’idea di una linea di alta moda griffata Serena Gentilini, dedicata esclusivamente ai concerti nei quali indosso le mie creazioni. Un’eccezione è concessa al mio compagno in amore e in arte Raffaello Bellavista, che talvolta indosserà i miei design. I primi capi di questa linea sono già stati mostrati con successo nel mio ultimo concerto sui colli di Rimini. All’interno della stessa serata anche Raffaello ha indossato capi di mia creazione. La linea, proprio per l’ispirazione artistica che la anima, porta il nome di “RS”. Come ultima curiosità, in fase di progettazione e poi anche una volta mostrati, mi sono state fatte offerte molto elevate per acquistare i miei abiti, ma la filosofia dietro ognuno di questi rende la linea esclusivamente personale.

 

Serena in una posa da cover girl

A questo punto non posso che riallacciarmi alla filosofia che hai abbracciato sia come artista che come donna. Che cosa ci racconti, al riguardo?

Il mio punto cardine è l’integrità con se stessi, punto che ho sempre portato avanti facendo scelte all’apparenza e di fatto più difficili, che mi hanno chiesto alta determinazione e fatica, ma che mi hanno dato e mi stanno dando molta soddisfazione. Non è solo questione di realizzare se stessi e arrivare al successo, ma la qualità con la quale ci si arriva.

 

 

La tua linea RS, che produci dallo scorso agosto, al momento è focalizzata sull’ideazione di abiti di scena per te e per Raffaello Bellavista (da qui il nome, un acronimo delle vostre iniziali). Prevedi una presentazione ufficiale delle tue creazioni?

I primi capi sono già stati svelati e ne saranno svelati ulteriori durante le prossime performance. Nel 2021 presenterò l’intera linea durante un super evento per addetti ai lavori ma anche per i miei seguaci, in un’esperienza sinestetica tra varie forme d’arte facenti perno sul mio personale concetto di fashion design.

Credi che la tua attività di stilista, un giorno, possa svilupparsi in una direzione che non riguardi esclusivamente il vostro duo?

La mia linea è strettamente legata alla mia ispirazione artistica e musicale. Tengo molto a mantenere prevalentemente personale l’utilizzo degli abiti del mio marchio. Per il futuro, non posso ancora dire nulla con certezza.

 

Serena e Raffaello durante il live organizzato alla Tenuta Biodinamica Mara, sui colli riminesi

Quali sono i progetti più imminenti a cui si dedicherà la poliedrica Serena?

Presto usciranno alcuni miei singoli su tutte le piattaforme di streaming musicale. A breve saranno annunciate una serie di date nelle quali presenterò il mio format e anche quello assieme a Raffaello in sale prestigiose e con la collaborazione di artisti di grande importanza.

 

Il duo Gentilini-Bellavista con Alessandro Cecchi Paone in occasione dell’ evento alla Tenuta Mara

Serena e Raffaello, la nuova coppia della musica italiana

 

 

Ancora qualche immagine del live del duo all’ avveniristica Tenuta Mara. Tutti gli abiti indossati da Serena nelle foto (escluse quelle relative alla performance veneziana) fanno parte della sua linea RS: le stoffe sono firmate Golden Group, azienda leader nel settore tessile con base a San Marino e capeggiata dall’ imprenditore Lucio Marangoni

 

 

Photo courtesy of Serena Gentilini

 

 

La vigna

 

” Una vigna che sale sul dorso di un colle fino a incedersi nel cielo, è una vista familiare, eppure le cortine dei filari semplici e profonde appaiono una porta magica. Sotto le viti la terra rossa è dissodata, le foglie nascondono tesori, e di là dalle foglie sta il cielo. (…) Solamente un ragazzo la conosce davvero; sono passati gli anni, ma davanti alla vigna l’uomo adulto contemplandola ritrova il ragazzo. Ma nulla è veramente accaduto e il ragazzo non sapeva di attendere ciò che adesso sfugge anche al ricordo. (…) Un semplice e profondo nulla, non ricordato perché non ne valeva la pena, disteso nei giorni e poi perduto, riaffiora davanti al sentiero, alla vigna, e poi si scopre infantile, di là dalle cose e dal tempo, com’era allora che il tempo per il ragazzo non esisteva. E allora qualcosa è davvero accaduto. E’ accaduto un istante fa, è l’istante stesso: l’uomo e il ragazzo s’incontrano e sanno e si dicono che il tempo è sfumato. L’uomo sa queste cose contemplando la vigna. E tutto l’accumulo, la lenta ricchezza di ricordi d’ogni sorta, non è nulla di fronte alla certezza di quest’estasi immemoriale. Ci sono cieli e piante, e stagioni e ritorni, ritrovamenti e dolcezze, ma questo è soltanto passato che la vita riplasma come giochi di nubi. La vigna è fatta anche di questo, un miele dell’anima, e qualcosa nel suo orizzonte apre plausibili vedute di nostalgia e speranza. (…) E non accade nulla, perché nulla può accadere che sia più vasto di questa presenza. Non occorre nemmeno fermarsi davanti alla vigna e riconoscerne i tratti familiari e inauditi. Basta l’attimo dell’incontro. “

 

Cesare Pavese, estratto da “La vigna” (novella contenuta in “Feria d’agosto”)