Tinsel Show, la Christmas make up collection di Fenty Beauty: colore e luminosità allo stato puro

 

Si chiama Tinsel Show, un nome non scelto a caso: il termine “tinsel”, in inglese, designa le “decorazioni natalizie”; il che è tutto dire. Fondendo colori ipnotici, ampie dosi di fascino e una miriade di bagliori, Fenty Beauty ha battezzato così la sua Christmas make up collection, che rivisita i prodotti più iconici del brand declinandoli in formato travel-size. Il connubio tra luminosità e seducenti colori, d’altronde, non è nuovo al marchio fondato da Rihanna, e non poteva certo mancare all’ appuntamento con le feste di fine anno. I kit sfoggiano un packaging splendido, raffigurante un tripudio di cromie e di luci, la collezione è essenziale ma contiene tutto quel che serve per brillare: lipgloss, illuminanti in svariate versioni, rossetti liquidi…prodotti che garantiscono un risultato ammaliante pur mantenendo un’ allure soft, luccicante ma estremamente naturale. Ladies and Gentlemen, riflettori puntati su Tinsel Show!

 

GLOSSY POSSE MINI GLOSS BOMB COLLECTION

Close-up sulle labbra: questa limited edition, che reinterpreta i bestseller Gloss Bomb Universal Lip Luminizers, include 5 mini lipgloss. Accanto alla shade-cult Fussy, un rosa confetto che vira al lilla, vengono proposte 4 nuance nuovissime e dal finish shimmer come Pretty Please (fucsia), Hot Chocolit (un marrone incredibilmente ricco), Confetti (un color opale iridescente) e Cheeky (un rosso-arancio brillante). La loro formula, arricchita di burro di karitè, lucida le labbra rendendole più piene, più polpose, persino più golose grazie a un delizioso aroma di pesca e di vaniglia.

 

 

MINI BODY LAVA TRAVEL-SIZE BODY LUMINIZER

Vacanze ai Tropici o sulla neve? Penseranno questo di voi quando, grazie a un velo sottile di Body Lava, sfoggerete una carnagione deliziosamente dorata.  L’ illuminante per il corpo di Fenty Beauty diventa travel-size (come l’ intera collezione Tinsel Show) e adotta la tonalità Who needs clothes?!, un oro rosa universale – destinato cioè a tutti gli incarnati – declinato in un gel leggerissimo che fonde la lucentezza delle microperle con il colore puro. Il risultato? Un finish satinato che dona una radiosità istantanea.

 

 

BOMB BABY 2 MINI  LIP AND FACE SET

Se “illuminare” è il must di questa collezione, il kit composto da due cult di Fenty Beauty, Killawatt Foil Freestyle Highlighter (nella shade Sand Castle) e Gloss Bomb Universal Lip Luminizer (nella shade Sweet Mouth, nuova di zecca), dà luce a viso e labbra avvalendosi di un duo cromatico che spazia dall’ oro rosa al rosa ghiaccio. Killawatt spicca per la sua texture cream-to-powder ultrariflettente, mentre Gloss Bomb sfoggia il tipico finish brillante, idratante e assolutamente non vischioso che lo rende irresistibile. Anche Bomb Baby 2 Mini Lip and Face Set viene proposto, naturalmente, in mini dimensioni.

 

LIL STUNNA MINI LONGWEAR FLUID LIP COLOR

Tinsel Show non poteva non includere un vero e proprio must-have del brand di Rihanna, Stunna Lip Paint. Lo ritroviamo (sempre in versione mini) in un’ affascinante gradazione di burgundy scuro, Underdawg, la nuance ideale per i party di fine anno. Questo iconico rossetto, liquido ma dal finish matte una volta steso sulle labbra, è ricco di pigmenti ed a lunghissima tenuta. La sua texture è talmente soffice da scongiurare le grinze e da mantenere intatto l’effetto vellutato: non vi accorgereste neppure di indossarlo, se non fosse per gli sguardi che cattura.  Uno sfizioso dettaglio in più. La confezione di Lil Stunna Mini Longwear Fluid Lip Color richiama volutamente un addobbo dell’ albero di Natale, ed è perfetta – come tutti i kit della collezione – per un regalo davvero speciale.

 

 

 

 

Gucci Rouge à Lèvres Lunaison: l’incanto lunare dei glitter

 

Manca più di un mese alla Holiday Season, ma le collezioni make up natalizie già proliferano. “Stay tuned” su VALIUM, vi presenterò delle limited edition davvero da sogno! Il loro denominatore comune è lo scintillio: eh già, perchè come vedrete sarà un’ esplosione di riflessi a fare da leitmotiv. Gucci non sfugge alla regola e la applica ad un duo di lipstick portabilissimi sin d’ora, nonostante la “luccicanza”. Potremmo chiamarla proprio così, rievocando lo “shining” Kubrickiano: un bagliore che trascende la realtà, che si associa misteriosamente all’ ultraterreno. Non a caso, infatti, i due Rouge à Lèvres sono stati battezzati Lunaison, “lunazione”, ovvero il periodo che coincide con l’ avvicendamento delle fasi lunari. E della luna possiedono la magia eterea ma al tempo stesso sfolgorante, coniugando un tripudio di glitter iridescenti con due tonalità di forte impatto: il rosso e il turchese. La colorazione, tridimensionale e audace, viene accentuata da una pigmentazione intensa, la texture cremosa si fonde con il finish scintillante originato dai glitter e dalle perle cangianti. Brillantezza e cromatismo sono il binomio che contraddistingue i Rouge à Lèvres Lunaison, ispirati al glamour della Old Hollywood; fantasia, eclettismo e libertà rappresentano i valori che esprimono, i medesimi della Maison Gucci. Le loro nuance, 25 Goldie Red e 710 Fay Turquoise, conquistano anche grazie allo sfavillio che emanano: 25 Goldie Red è un “rosso Gucci“, scelto ad hoc da Alessandro Michele. I suoi emblemi sono il numero 25 e una stella, due leitmotiv nell’ iconografia del brand fiorentino. La preziosità dell’ astuccio, tinto di fucsia ed adornato di incisioni Déco, sbalordisce al pari del rossetto. 710 Fay Turquoise è un turchese “metafisico”, quasi mistico, che i glitter dotano di puro incanto. L’astuccio in cui è racchiuso, dal design identico a quello di Goldie Red, sfoggia un verde luminoso esaltato dal color oro del tubetto. Entrambi i lipstick sono arricchiti da accenti di violetta e da una soave fragranza fruttata.

 

 

Se poi volete lasciarvi contagiare ulteriormente dal fascino dei Rouge à Lèvres Lunaison, non perdetevi lo spot che Colin Dodgson ha realizzato per la Holiday Season di #GucciBeauty: una toeletta su cui è appoggiata una miriade di rossetti, bibelot che si alternano a candele accese, ghiaccioli che pendono dai lampadari mentre la neve infuria nella stanza…L’ atmosfera è fatata, tipicamente invernale. E trascina subito nel regno di un’ incantevole Ice Queen.

 

La ad di Colin Dodgson

 

 

 

Tarocchi, cosmo e mistero: arriva MAC x Pony Park, la make up collection più esoterica di MAC

 

Esiste un mese più magico di Ottobre? Forse no, dato che una festa come Halloween lo conclude in gran bellezza. Dall’ esoterismo halloweeniano ai Tarocchi il passo è breve: non a caso, proprio in questi giorni MAC presenta la sua nuovissima collezione, creata in collaborazione con la make up artist coreana Pony Park (al secolo, Park Hye Min) dalla quale prende il nome. Un’ aria di mistero spira sin dal packaging dei prodotti di MAC x Pony Park, nero e impreziosito da una riproduzione dorata dei Tarocchi dedicati alla luna, al sole, alle stelle…Simboli tanto emblematici quanto celestiali. Il che non stupisce, data la passione nutrita da Pony Park per gli Arcani Maggiori e per la loro iconografia, ma anche per i cristalli: questa collezione, quindi, non poteva che essere un fatato e sofisticato omaggio al cielo stellato. MAC l’ ha appena lanciata sia on line, che nei suoi store disseminati in tutto il mondo, ammaliandoci con il mood incantevolmente enigmatico che emana.

 

Pony Park nell’ad della collezione

MAC x Pony Park, in limited edition, include due highliter, una palette occhi, una serie di lipstick liquidi dai colori ipnotici, un gloss “plumping” dedicato alle labbra, pennelli e ciglia finte oltre che, dulcis in fundo, uno spray adibito al fissaggio del trucco.  Seguitate a leggere, se volete addentrarvi nei più magici meandri del suo universo.

 

 

Lo sguardo si ammanta di tutto l’ incanto possibile con Eyeshadow x 8: Hocus Pocus, una palette di  otto ombretti declinati in un’ affascinante gamma di rosa, oro e bronzo-dorati. Per caratterizzarla, Pony Park ha scelto il Tarocco della Luna. Simbolo degli aspetti più reconditi della mente, l’inconscio e la memoria, l’astro d’argento si associa al lato onirico, intuitivo e fantasioso dell’ animo umano. Gli ombretti di Hocus Pocus (il nome rimanda ad una sorta di “Abracadabra”) riflettono questi indizi tramite cromie avvolgenti e al tempo stesso delicate, ad alto tasso di pigmenti: sono Brownie Points (un rosa duochrome), Lie Low (un marrone-oro che vira al pesca), LaDiDa (un bronzo che vira al rosso perlato), Lo and Behold (un prugna vagamente rossiccio), All in All (un oro che vira al bronzo perlato), Carboncopy (un beige-rosa che vira al ghiaccio perlato), Blanche Cloud Nine (un marrone chiaro che vira al rosa) e Touch Wood (un marrone-rossastro perlato).

 

 

Gli illuminanti inclusi nella limited edition non potevano che essere “lunari”. Ne sono presenti due, gli Extra Dimension Skinfinish Highlighter: entrambi vantano un finish satinato ed olografico che riveste la pelle di riflessi. Sono disponibili nelle tonalità Sky’s the Limit (un oro chiaro platinato) e Cold Comfort (un lavanda pallido e bluastro). Il Sole e le Stelle rappresentano i Tarocchi a cui si associano: il primo, emblema della luce che risplende nell’ anima, il secondo, allegoria del contatto con il cosmo, della speranza e del destino.

 

 

Il clou della collezione è senza dubbio costituito dai Matte Lip Mousse, nove lipstick a dir poco stellari (è il caso di dirlo). La loro texture è in realtà una mousse iper soave, a lunga durata e dalla coprenza che può essere modulata a proprio piacimento. Il finish matte, ma oltremodo soffice, ne intensifica la colorazione e le proprietà idratanti. Le nuance dei Matte Lip Mousse esplorano diverse gradazioni di rosa e di rosso: i loro nomi? My Better Half (un rosso intenso), Moot Point (un vinaccia avvolgente), Cordon Bleu (un rosa vivace), One-Hit Sharp Cookie (un nude dai toni caldi), Off the Record (rosso vino), Love is Blind (un fucsia freddo e vibrante), Stone’s Throw (burgundy), Beck and Call (un rosa freddo e delicato) e Privacy Please (un corallo vivido che vira al rosa). A contraddistinguere i Matte Lip Mousse sono i Tarocchi delle Stelle. Per chi ama dar volume alle proprie labbra, rimpolpandole a dovere, c’è invece Lip-Plumping Lip Gloss, un gloss lucidissimo e tinto di rosa tenue.

La limited edition MAC x Pony Park si conclude, infine, con una rivisitazione dello spray fissante per il make up Prep+Prime Fix+, un cult del brand, che attraverso microperle luminose mantiene il trucco inalterato e dona al volto un magnifico aspetto glowy. Due pennelli con le setole di diversa consistenza, Face Powder Brush e Duo Fibre Eye Shader Brush (l’uno dedicato alla stesura delle polveri, l’altro ideale per le sfumature), completano la collezione insieme a False Lashes, un paio di ciglia finte: tutti strumenti che accentuano ulteriormente il fascino di una collezione intrisa di seduttività cosmica.

 

 

 

Givenchy Le Rouge, Le Rouge Deep Velvet e Le Rouge Night Noir, una triade di rossetti che omaggia la Couture di Clare Waight Keller

 

Givenchy, ovvero Couture nella moda nonché nel make up, dove i prodotti della Maison fanno sfoggio di lussuose qualità sensoriali. Per l’Autunno, le labbra si vestono di uno chic del tutto speciale grazie a tre linee di rossetto appena lanciate: si chiamano Le Rouge, Le Rouge Deep Velvet e Le Rouge Night Noir. La triade, un sofisticato omaggio agli stilemi di Clare Waight Keller, è composta da lipstick che sono il complemento ideale delle creazioni della designer, da due anni al timone creativo di Givenchy, e vanta un look impeccabile persino nella confezione. Basti pensare che Le Rouge, Le Rouge Deep Velvet e Le Rouge Night Noir sfoggiano, rispettivamente, astucci di vera pelle, di sontuoso velluto rosso e scintillanti su base “noir”, questi ultimi a richiamare la collezione Autunno Inverno 2018/19 da cui i rossetti prendono il nome (Night  Noir, appunto). Preziosa è anche la palette cromatica delle tre linee, che spazia dai colori più intensi ad un connubio di nero e di nuance sfavillanti: denominatore comune, una texture morbida che scivola sulle labbra e le dota di un tocco di eleganza pura, esaltandole di volta in volta con un finish matte, poudré oppure madreperlato.  La Couture di Clare Waight Keller, non c’è dubbio, nella triade dei Le Rouge ha trovato il suo perfetto pendant.

 

 

LE ROUGE – Segni particolari? E’ matt, luminoso, ad alta copertura e a lunga durata: il suo colore rimane intatto per almeno 12 ore. Si avvale di una formula che combina l’acido ialuronico con i fiori di Acmelia oleracea, garantendo un potente effetto nutriente e rimpolpante. Leviga le labbra e le avvolge in un comfort estremo, straordinariamente luxury. Le nuance in cui si declina sono ben 22, tra cui le nuovissime N. 333 L’ Interdit (un rosso “ricco” e intenso), N. 218 Violet Audacieux (viola prugna), N.316 Orange Absolu (un arancio esplosivo) e N.334 Grenat Volontaire  (rosso granata). Ecco invece le rimanenti tonalità: N. 102 Beige Plume (un nude rosato), N.103 Brun Créateur (un rosa antico scuro), N. 105 Brun Vintage (un rosa antico molto scuro), N. 106 Nude Guipure (un nude rosato intenso), N. 201 Rose Taffetas (un rosa caldo ed avvolgente), N. 202 Rose Dressing (un rosa caldo scuro), N. 204 Rose Boudoir (un rosa che vira vagamente al carminio), N. 209 Rose Perfecto (un fucsia elettrico), N. 303 Corail Décolleté (rosso corallo), N. 304 Mandarine Boléro (un rosso corallo che vira all’ arancio), N. 306 Carmin Escarpin (rosso carminio), N. 307 Grenat Initié (un rosso granata chiaro), N. 315 Framboise Velours (rosso fragola), N. 317 Corail Signature (corallo), N. 323 Framboise Couture (un rosso fragola che vira al fucsia), N. 324 Corail Backstage (un corallo che vira al rosa), N. 325 Rouge Fétiche (rosso) e N. 326 Pourpre Edgy (un rosso porpora scuro).

 

L’astuccio in vera pelle di Le Rouge

 

LE ROUGE DEEP VELVET – Il suo nome è tutto un programma: vellutato, poudré e pigmentato al punto giusto da risultare cromaticamente vibrante, avvolge le labbra in una pellicola matte che le riveste per 12 ore. Il finish opaco viene arricchito dal burro di mango incluso nella sua formula, che accentua la morbidezza e la colorazione del rossetto. Sofisticato e confortevole al tempo stesso, è disponibile in sei nuance: N. 14 Rose Boisé (rosa antico), N. 25 Fuchsia Vibrant (fucsia), N. 33 Orange Sable (un arancio che vira al rosa oro), N. 37 Rouge Grainé (rosso granata), N. 42 Violet Velours (viola scuro) ed il nuovissimo N. 10 Beige Nu, un rosa nude ultrachic.

 

L’astuccio in velluto rosso di Le Rouge Deep Velvet

LE ROUGE NIGHT NOIR – Magnetico, enigmatico, scintillante: questi i tre aggettivi che meglio lo descrivono. Si ispira a Night Noir, la collezione che Clare Waight Keller dedicò all’ Autunno Inverno 2018/19, e ne riflette l’allure iconica. Coniuga una base nera madreperlata con nuance misteriose che rievocano le cromie d’ Autunno più squisitamente raffinate, e vanta una formula a base di acido ialuronico e fiori di Acmelia oleracea. Il suo punto di forza sono i bagliori che emana, mirabilmente espressi in sei shade sfavillanti: N. 1 Night in Light (un nero “esoterico” e carico di charme), N.2 Night in Red (un profondo burgundy), N.3 Night in Gold (bronzo), N. 4 Night in Blue (un blu cobalto scuro), N. 5 Night in Plum (un vivace viola prugna) e N. 6 Night in Gray (un argento scuro).

 

L’astuccio luccicante di Le Rouge Night Noir

 

 

 

 

Summer 2019 Edit Heat of the Night: bagliori e sensualità torrida nella make up collection che NARS dedica all’Estate

 

Se siete rimasti intrigati dalla photogallery di On The Beach (per rivederla, cliccate qui), è tempo di approfondimenti: focus sulla torrida make up collection firmata NARS, Summer 2019 Edit Heat of the Night, che della spiaggia riflette le cromie oltre che il mood fascinosamente esotico. Le fan dell’Estate rimarranno letteralmente catturate da questa limited edition che si appropria delle sue atmosfere e le moltiplica in un tripudio di scintillante brillantezza. Luminosità e colori suggestivamente ispirati alle gradazioni della sabbia e di un tramonto sul mare sono i punti di forza della collezione; tutto inneggia al concetto di vacanza, ad una allure tropicale che non necessariamente coincide con una zona geografica, ma celebra lo stesso clima di sensualità “afosa”. L’attenzione di NARS si concentra sugli occhi e sul viso, esaltandoli grazie a due palette – Summer Lights Face Palette, pensata per il giorno, e Hot Nights Face Palette, dedicata alle magiche notti estive – contenenti ciascuna quattro ombretti, una terra abbronzante ed un illuminante per arricchire il make up di seduttivi bagliori. E le labbra? Non passano di certo in secondo piano: la formula del “matitone”, una scelta estremamente pratica, si rivela vincente. Potrete puntare su due proposte, la lucentezza satinata dei Satin Lip Pencil o il colore vellutato e saturo dei Velvet Matte Lip Pencil, consapevoli che entrambi sono nati per aggiungere un surplus di glamour alla vostra “fuga tropicale”. Che essa sia reale o immaginaria.

 

 

Impreziosire la notte, accenderla di una miriade di riflessi: la palette Hot Nights è stata creata ad hoc. La compongono quattro ombretti in tonalità avvolgenti e “cosmiche”, una terra abbronzante ed un illuminante che valorizza  il look. Gli ombretti, in fini polveri micronizzate, accentuano l’ intensità del colore pur mantenendosi impalpabili e vellutati. Le loro tonalità sono Pacific (un beige rosa iridescente), Paradis (un viola delicato iridescente), Maeva (un rosso mirtillo luminoso) e Black Sand (un prugna luminoso), che l’alternanza del finish matte e shimmer dota di un fascino ancor più ipnotico. Per un effetto pelle baciata dal sole, la terra abbronzante nella nuance Manini (un bronzo di media intensità) “riscalda” il viso e lo scolpisce con un sapiente contouring. L’ illuminante sfoggia invece uno sciccosissimo oro rosa (Tautira) per donare al make up un accento sfavillante, l’ideale per far brillare una notte d’estate.

 

 

Summer Lights è la palette dedicata alle ore del giorno, e le sue shade lo dichiarano a chiare lettere: gli ombretti si chiamano Rainwater (un beige luminoso avvolgente), Hibiscus (un bronzo-giallo perlato), Papeete (un terracotta matte), Hei (un marrone luminoso), mentre la terra abbronzante porta un nome che rievoca viaggi senza meta o, a scelta, una celebre hit dei Missing Persons, “Destination Unknown”, ed è un bronzo neutro matte che dona al viso un’ intensa sfumatura ambrata. L’ illuminante Paper Flower, color champagne perlato, è il tocco finale di questo make up ad alto tasso di radiosità.

 

 

Alle labbra, la limited edition Heat of the Night dedica i Satin Lip Pencil, matitoni ultrapigmentati ed altamente idratanti. Colore vibrante e finish satin si coniugano con una versatilità all’ insegna del multiuso: i Satin Lip Pencil sono utilizzabili come rossetto, contorno labbra o, mixati ad altri prodotti, come prezioso strumento per ottenere cromie sempre nuove e sorprendenti. Le tonalità che esibiscono si ispirano ai più bei parchi internazionali e sono Golden Gate (un lilla che vira al rosa), Exbury (rosa chiaro), Balboa (un marrone che vira al rosa) e Giusti (un rosa brunito).

 

 

I Velvet Matte Lip Pencil vantano una texture cremosissima e a lunga tenuta che l’aggiunta della vitamina E, del silicone e di ingredienti emollienti dotano di incredibili proprietà nutrienti. Il finish matte viene esaltato da un tripudio di pigmenti che intensificano il colore, donando scorrevolezza e al tempo stesso un’estrema precisione al tratto. Ideali per il contorno labbra così come per accentuarne i volumi, i Velvet Matte Lip Pencil rappresentano il rossetto perfetto: morbidi, setosi, confortevoli, sono talmente eclettici da risultare al tempo stesso sobri e audaci. Le nuance in cui si declinano sono Promiscuous (un rosa orchidea), Good Times (un nude che vira al beige), Dance Fever (un marrone che vira al rosa) e Take Me Home (un rosa brunito).

 

 

 

 

Rouge Pur Couture Stud Edition: con Yves Saint Laurent il make up labbra si fa rock

 

Quando si pensa a Saint Laurent, i primi termini che vengono in mente sono “rock”, “glamour”, “rock chic” (in ordine sparso): praticamente i cardini della sua cifra stilistica dall’ era Slimane in poi. Che non ha convolto solo l’universo fashion, bensì anche le collezioni make up proposte dal brand. E nel pieno della stagione calda, Yves Saint Laurent Beauty ci sorprende con una nuova capsule in puro mood rock couture: quattro rossetti che coniugano borchie e chic, palcoscenico e passerella. Rouge Pur Couture Stud Edition accende i riflettori sulle labbra e le “manda on stage” avvalendosi di nuance vibranti, intense, inneggianti a una palette che, a partire dal rosso, esplora gradazioni come il rosa, il fucsia, l’arancio. Esplosivi ma raffinatissimi, dal finish satinato, i lipstick della capsule sfoggiano un colore ad alta pigmentazione e si avvalgono di un connubio di estratti naturali e di idrosfere che accentua le loro proprietà idratanti. Anche il pack sottolinea l’allure rock-luxury che li contraddistingue, tingendosi delle shade di ognuno ed ammantandosi di pois argentati simili a borchie. Non ci resta che scoprire insieme questa grintosissima limited edition!

 

01- Le Rouge

Smagliante, audace, travolgente, il rosso non può mancare in una collezione dedicata al rock. La nuance di 01 Le Rouge trabocca di passionalità e dona nuova linfa ad un colore spesso considerato un classico.

 

 

09 – Rose Stiletto

Il nome è un intrigante mix di femminilità e di seduzione: e 09 Rose Stiletto lo onora con il suo rosa sofisticato ma vagamente decadente, proprio come si addice a una rockstar.

 

 

13 – Le Orange

E’ un arancio così profondo da virare al corallo. 13 Le Orange sembra scaturire dalle note di un ritmo serratissimo, vorticoso e talmente trascinante da lasciare il pubblico senza fiato.

 

 

99 – Fuchsia Allusion

E’ la “regina del palcoscenico”: ipnotico, ammaliante e ricco di fascino, 99 Fuchsia Allusion cattura grazie ad una gradazione che non passa inosservata. E’ sensuale e sfrontato, ma con giocosità. Quanto basta per una seduzione DOC.

 

 

 

 

 

 

Orgasm: l’iconica make up collection di NARS risplende di nuovi, irresistibili bagliori

 

Orgasm, un nome che è tutto un programma. Non a caso, la nuance omonima griffata NARS è già diventata iconica: il voluttuoso mix tra il rosa e l’oro, suo trademark inconfondibile, viene declinato in nuove, “peccaminose” gradazioni nella Orgasm make up collection che il brand dedica alla stagione calda. Segni particolari? Lo splendore, un’ avvolgente brillantezza. Bagliori che esaltano cromie modulabili e seduttive al punto tale da catturare tutta la magia estiva. E’ proprio questo connubio di sensualità e luminosità a definire il mood inebriante, irresistibile, elettrizzante della collezione. Tre aggettivi che possono essere concentrati in un unico sostantivo: Orgasm.

 

 

La palette della linea cult di NARS in edizione “summertime” si chiama Endless Orgasm Palette e sfoggia sei shade che conquistano all’ istante. Orgasm Ecstasy (un beige delicato ricco di perle dorate), Deep Orgasm (un malva dal finish metal), Super Orgasm (un rosa iridato impreziosito da riflessi oro), Double Orgasm (un lilla/rosa iridato cosparso di riflessi argentati), Orgasm Fever (un rame cangiante) e la celebratissima Orgasm (un oro/rosa dal finish metal), densamente pigmentate, alternano un finish cremoso e satinato e possono essere stese indifferentemente sulle labbra, sulle palpebre, sulle guance e sugli zigomi.

 

 

 

L’ alto tasso di pigmenti in polvere finissima e micronizzata di Orgasm Blush garantisce un effetto vellutato, cromaticamente variegato grazie alla sua colorazione iper modulabile. Disponibile nella nuance universale Orgasm, il blush oversize di NARS fonde finish matte e luminoso in un vibrante mix.

 

 

Anche le labbra risplendono, combinando idratazione, colore e lucentezza alla massima potenza. Oil-Infused Lip Tint è un lipgloss che coniuga la sua texture oleosa (ma non grassa) con uno straordinario glamour. L’estratto di melogramo, insieme all’ olio di semi di lampone, potenziano le sue proprietà nutrienti e fanno sì che scivoli sulle labbra con estrema scorrevolezza. Oltre che nella tonalità Orgasm, potete trovarlo ora nelle nuance Disco Infernal (lilla), High Security (fucsia) e Primal Instinct (rosa).

 

 

La collezione include un lip balm in stick, Afterglow, che tinge le labbra di un velo di colore. Grazie al Monoi Hydrating Complex la morbidezza è assicurata, mentre gli antiossidanti contribuiscono a preservare la salute delle labbra. Alla shade Orgasm si sono affiancate, recentemente, cinque tonalità nuove di zecca: Hidden Pleasure (malva rosato), Tender Years (rosa), Bang Bang (corallo), Sex Symbol (lampone) e Clean Cut (trasparente), tenui ma molto “golose”.

 

 

 

Completa la linea Orgasm Liquid Highlighter, un illuminante da applicare con il contagocce. E non è un modo di dire: è sufficiente una singola goccia per donare alla pelle una luminosità mozzafiato, per levigarla e uniformarla grazie a un fluido leggero che accarezza il viso e lo fa brillare, letteralmente, di luce propria.

 

 

 

 

 

La nuova era di Gucci Beauty

Uno scatto tratto dalla adv campaign della collezione (foto di Martin Parr)

Proprio ieri sera Gucci ha presentato la collezione Cruise con una iper suggestiva sfilata nei Musei Capitolini, a Roma (VALIUM ne parlerà nei prossimi giorni), ma il focus che dedico oggi allo storico brand fiorentino sarà incentrato sulla nuova era di Gucci Beauty. Fedele alla vena rétro che percorre l’immaginario di Alessandro Michele, quale prodotto più iconico del rossetto avrebbe potuto predominare nella sua prima make up collection? Gucci Beauty ha appena lanciato, infatti, una linea interamente consacrata alle labbra che inneggia al glamour della Old Hollywood: tonalità squillanti e audaci ne catturano il sinuoso fascino, preziosi astucci esaltano l’allure vintage. La ricca varietà delle nuance – 58 in tutto – si coniuga con tre formule diversissime tra loro (Rouge à Lèvres Satin, Rouge à Lèvres Voile e Baume à Lèvres), ma accomunate dalla versatilità. I Rouge à Lèvres Satin sono rossetti contraddistinti da un alto tasso di pigmenti, un finish satinato e un’ idratazione ad hoc (che si avvale di un mix di cere e resina) per una tenuta extra long. Racchiusi in un pack dorato adornato da un’incisione Déco, rievocano un vero e proprio “fetiche d’antan”, dove la soave fragranza di violetta dello stick si fonde con un mix floreal-fruttato e diviene il leitmotiv della collezione. I Rouge à Lèvres Voile puntano su un finish luminoso, idratante, impalpabile: il colore si posa sulle labbra impercettibilmente, ravvivandole con un’ incredibile lucentezza. Anche in questo caso, le proprietà idratanti sono un must che si abbina a una scorrevolezza estrema. Il risultato? Un rossetto dalla texture confortevole e leggera come un velo, prendendo in prestito il suo stesso nome. Per accentuarne il twist squisitamente femminile, il tubetto color oro è rivestito da un tappo con un pattern di rose che rimanda a certe stampe vintage datate Fifties. I Baume à Lèvres, sono, infine, dei balsami ultra idratanti. La collezione ne include uno trasparente e tre in tonalità delicate, tutti all’ insegna delle massime virtù nutrienti. Leggerissimi, i Baume à Lèvres scivolano sulle labbra scongiurando qualsiasi vischiosità; il consueto astuccio dorato, stavolta, vanta un tappo laccato di turchese quasi a ricordare una pregiata porcellana. Spetta invece al vasto range di colorazioni simboleggiare il mood profondamente eclettico, lo spirito unconventional e l’estro senza vincoli che caratterizzano l’ universo Gucci. Di seguito, una gallery di alcune shade: cliccate sulle foto per visionare la formula e la tonalità esatta.

 

 

La campagna pubblicitaria della collezione – scattata da Martin Parr e con le modelle Achok Majak, Ellia Sophia Coggins, Mae Lapres e la cantante della punk band dei Surfbort Dani Miller come testimonial – ha già fatto molto parlare di sè. In realtà, è in piena sintonia con i valori del brand: la rimessa in discussione dei clichè di bellezza, di ogni standard di perfezione. Nelle foto appaiono dei close-up di sorrisi sui generis, “corredati” di dentature irregolari e smorfie. Un’estetica “del brutto”? Piuttosto, dell’ imperfetto. Ovvero, del reale. Un inno alla “libertà” e alle “differenze” che soppiantano l'”ideale”, come da sempre proclama la filosofia di Alessandro Michele. Gucci Beauty non fa eccezione, riecheggiando i principi che hanno già coinvolto le collezioni di abiti e accessori firmate dal designer romano: il “nerd” che si contrappone al “cool”, il “no gender” in antitesi al “maschile” e al “femminile” tout court, il glam rock “à la Elton John“, eccentricamente ricco di glitter e piume, versus il glam patinato. La moda come “sogno” inteso nell’accezione di escursione onirica, più che di astrazione dal quotidiano. “Non è bello ciò che è bello”, insomma, potremmo dire parafrasando un vecchio proverbio: la bellezza ha connotati duttili, multiformi, sfaccettati. Che di certo si distanziano da una fissità stereotipata.