Paris Fashion Week: 10 flash dalle collezioni AI 2019/20

ALEXANDER MCQUEEN Sarah Burton ci porta a Macclesfield, nel nord dell’ Inghilterra, dove è nata e cresciuta. Ispirandosi ai mulini in cui è si concentra la produzione tessile, alle tradizioni, ai festival, alle brumose lande locali, manda in scena una collezione contraddistinta da una straordinaria ricercatezza sartoriale: risaltano stupefacenti “English rose” plasmate su un voluminoso, scultoreo tripudio di taffetà tinto di fucsia, rosso e nero.

Ultimo appuntamento con il focus che VALIUM dedica alle Fashion Week delle collezioni Autunno/Inverno 2019/20. Il finale, in grande stile, è ambientato nella Ville Lumière: dal 25 Febbraio al 5 Marzo scorso, la settimana della moda parigina è stata un susseguirsi di creazioni, trend e motivi ispiratori di sorprendente suggestività. I riflettori si accendono sulle maxi spalline che rievocano gli anni ’80, ma esibiscono forme “scolpite” del tutto contemporanee; intriganti reminiscenze coinvolgono anche le decadi dei ’70 e dei ’50, di cui viene rielaborato il coté ribelle così come quello di matrice glam-chic. E se un tripudio floreale si affianca ad accenti “amorosi” e romantici, non mancano input prettamente attuali quali il mondo digital o i conflitti planetari: la moda, avvalendosi di una sartorialità squisita, fa uno statement ed espone il suo punto di vista su questi temi.

 

DIOR Lo chic si coniuga con la ribellione, la classe con la sovversività: Maria Grazia Chiuri guarda alla foto in cui la Principessa Margaret, per il suo ventunesimo compleanno, fu immortalata in un meraviglioso evening dress di Christian Dior da Cecil Beaton. Si rifà quindi ai Fifties delle Teddy Girl, rivoluzionarie figure femminili, reinterpretando pezzi iconici dell’ heritage della Maison come il tailleur Bar, il blouson nero in pelle, l’ abito Miss Dior, alla luce di una controcultura che all’ epoca dilagò letteralmente.

 

SAINT LAURENT – Focus sulle spalle, squadrate e super importanti. E poi, un omaggio agli anni ’70 tanto amati da Monsieur Yves: a prevalere sono giacche da smoking in varie declinazioni indossate con i soli collant, ma anche minidress monospalla, short abbinati ad alte cinture e a cappelli a falda larga. Il tutto, aggiornato ad un mood potentemente contemporaneo. Il total black predomina, acceso dal luccichio delle perline, mentre il finale è un susseguirsi di look surreali che, tra stampe zebrate e piume, stupisce tingendosi di cromatismi fluo.

 

CHANEL – Lunghi cappotti di tweed, pantaloni ampi e morbidi, fedora che replica sofisticatamente il pattern degli outfit: è un’ eleganza molto bon chic quella pensata da Karl Lagerfeld – insieme a Virginie Viard- per il suo “gran finale” chez Chanel. Questa volta la Maison ci trasporta in uno scenario alpino,  tra le montagne innevate, con lo “Chalet Gardenia” sullo sfondo. Pied-de-poule e stampe check la fanno da padrone, alternandosi alle fantasie nordiche riprodotte sulle gonne e sugli abiti in lana che, strizzati in vita, si svasano a campana con estrema grazia.

 

BALMAIN – Una femminilità fatta di contrasti che convivono in libertà e senza etichettature: la donna pensata da Olivier Rousteing alterna coprispalle impreziositi da un tripudio di rose a borchie e spuntoni disseminati sui biker jacket, sugli stivaletti, sui minidress dalla linea scultorea, non lesinando audaci outfit in piume o lunghi abiti con trama a rete declinati nel mohair più soffice. Berretti in pelle con visiera donano grinta a look che spaziano dal denim al cuoio, dalla vernice al PVC trasparente, delineando una seduttività potentemente unconventional.

 

VALENTINO – Romanticismo e poesia, in senso sia figurato che letterale: Pierpaolo Piccioli – in collaborazione con Jun Takahashi di Undercover –  li profonde a man bassa in una collezione il cui leitmotiv, una stampa neoclassica raffigurante due amanti che si baciano, viene intervallato da motivi di farfalle e rose. Affascinato dal “Movimento per l’ Emancipazione della Poesia”, che è solito disseminare liriche sui muri di tutto il mondo, il designer si avvale dell’ apporto di giovani poeti quali Robert Montgomery, Greta Bellamacina, Mustafa The Poet e Yrsa Daley-Ward per riprodurre versi in ogni più recondito angolo degli abiti e degli accessori.

 

MAISON MARGIELA – Sulla linea delle tematiche sviluppate nella collezione Artisanal Primavera/Estate 2019, John Galliano porta avanti il concetto di “degenerazione” degli abiti e di “decadenza digitale”. Entrambi conducono a una purificazione estrema degli outfit, che vengono ridotti al nucleo attraverso sartoriali rielaborazioni della loro struttura portante. Leitmotiv sono le spalle enfatizzate, le maniche allungate, l’ essenzialità delle linee. Tra cuciture a vista, graffiti multicolor e inaspettati sbuffi di piume, il brand ridefinisce i crismi della sua nuova estetica senza tralasciare le ormai iconiche Mary Jane ultrapiatte, stavolta rigorosamente in total black.

 

CELINE – Hedi Slimane abbandona il glam-rock del suo esordio con Celine a favore del mood “bourgeois” insito nel DNA del brand. L’ ispirazione spazia a cavallo tra gli anni ’70 e gli ’80, ripristinando gonne-pantalone, jeans skinny, bluse con jabot, mantelle anche in pelliccia e una grande quantità di blazer. Torna il giaccone in shearling, il golfino scintilla d’oro in stile disco e i look sono completati da cuissardes oltre il ginocchio. Predominano colori sobri come il beige, il blu, il grigio, il nero, affiancati a pennellate di bordeaux. L’allure anni ’70 è accentuata dagli occhiali da sole “aviator” che all’epoca facevano furore.

 

GIVENCHY – “The Winter of Eden”, “l’ Inverno dell’ Eden”, è il titolo della collezione. E come in uno stato di grazia cristallizzato ed idilliaco al tempo stesso, Clare Waight Keller sposa armonicamente forme geometriche, ben scolpite,  con il fascino soave delle fantasie floreali e del plissé. Il focus è sulle spalle e sulle maniche, esaltate rispettivamente da maxi volumi arrotondati e grandi strutture a campana, ma risaltano anche le inedite puffer jacket che vanno a sovrapporsi a spolverini lineari. Ricordano un vero e proprio giardino dell’ Eden, invece, gli abiti “fioriti”, plissettati e con colletto a ruche: declinati in colori vivaci, ma non squillanti, rievocano la preziosità degli antichi vasi giapponesi.

 

COMME DES GARçONS – Il nero trionfa, in questa collezione ispirata al “buio” del mondo contemporaneo. Rei Kawawubo mette la sua proverbiale ricerca sulle forme, sui volumi e sui materiali al servizio di creazioni a dir poco spettacolari: “armature” in pelle e gomma, crinoline futuribili, vistosi cappucci, linee a palloncino quando non a vera e propria sfera si accompagnano a fitte ruche, intarsi in rete ed abiti che sembrano ridotti a brandelli a causa di un’ esplosione. Sono look che hanno un so che di apocalittico, rievocano le bombe e le macchine da guerra, ma più che al “militaresco” rimandano a una sorta di gotico avantgarde. A un “Raduno delle Ombre” (così Kawawubo battezza la sua collezione) che, riunendosi, riescono a esorcizzare ogni male.

 

 

 

 

 

 

London Fashion Week: 10 flash dalle collezioni AI 2019/20

SIMONE ROCHA – I virtuosismi in tulle si alternano ad una vernice molto fetish che rimanda alla pellicola “Peeping Tom” di  Michael Powell. Maniche a sbuffo e forme a palloncino predominano, abiti impalpabili sorprendono grazie a reggiseni a vista, culotte intraviste tra le trasparenze e calzettoni evidenziati dalle lunghezze mini. La collezione è un’ omaggio a Louise Bourgeois, l’ artista che da sempre ispira Simone Rocha.

VALIUM prosegue nel suo viaggio verso le capitali della moda. Oggi è la volta di Londra e della sua Fashion Week: dalle sfilate delle collezioni Autunno/Inverno 2019/20 ho, come sempre, selezionato dieci look emblematici. La capitale inglese sancisce il trionfo delle piume, delle linee a uovo o palloncino e delle morbide maniche a sbuffo, alternando silhouette essenziali ad una sartorialità scultorea. Il tulle si conferma tessuto al top ed ancora una volta è Molly Goddard a dotarlo di  un twist potentemente iconico, mentre sul versante pattern predominano svariate declinazioni del “mix and match”. Il colore esplode in pennellate vivide, non di rado fluo, mentre un tripudio di nuance pastello esalta creazioni sognanti. Da segnalare l’ evoluzione stilistica di Burberry guidato da Riccardo Tisci: un inedito e sbalorditivo amalgama in cui il Dna del brand si fonde con lo sportswear e con la lingerie più cool.

 

VICTORIA BECKHAM – Una femminilità decisa ma soft al tempo stesso, fatta di silhouette essenziali e fluide. Pantaloni ampi, attillati maglioncini in cachemire e gonne longuette delinano uno chic che si accende di squarci di rosso vivo. Coloratissimi anche gli stivali, aderenti come una seconda pelle e declinati in versione open toe. Lady Beckham, che ha appena lanciato il suo canale YouTube, è senza dubbio un vulcano di energia.

 

ERDEM – Eleggendo a musa la Principessa Orietta Doria Pamphilj, la collezione pullula di sofisticate linee a uovo, piume, fiocchi avvolti attorno al collo e profusi sugli abiti longuette a balze. Non mancano full skirt dal sapore anni ’60, mentre i fiori tanto amati dal designer si alternano ad  un pattern check in stile “bon ton”. Lunghi veli neri ricoprono il volto e gli outfit accentuando una allure misteriosa, vagamente dark, che ben si accorda con l’aristocratica eleganza delle creazioni.

 

MOLLY GODDARD – Gli abiti in tulle, un “trademark” dello stile Goddard, raggiungono l’apice della ricercatezza sartoriale: sbuffi, balze e fitte ruches ne fanno dei veri e propri capolavori scultorei. Per questa stagione si tingono di colori fluo e si indossano rigorosamente con i pantaloni, abbinati agli scarponcini casual che Penelope Chilvers ha creato per il fashion show. Tra gli accessori clou rientra anche un passamontagna che lascia scoperto il volto, di frequente annodato intorno al collo a mò di sciarpa.

 

BURBERRY – Con “Tempest” (questo il nome della collezione), Burberry consolida l’ iter della sua nuova fase creativa. Riccardo Tisci si rifà a due distinti filoni tematici, rielaborando suggestioni 90s nel primo, dove lo sportwear e rivisitazioni avantgarde del “check” prevalgono, e donando una allure inedita (top sleeveless in pelle, mantelle che adornano il trench come fossero strascichi) al secondo, più prettamente riferito all’ heritage del brand.

 

PETER PILOTTO – L’ ispirazione attinge a Zsolnay, celebre brand ungherese di ceramiche, e tutta una serie di look “acquarellati”, in sognanti tonalità pastello e dalle linee arrotondate, cattura letteralmente l’occhio. In un tripudio di frange, piume e pattern floral che rievocano carte da parati rétro, risalta lo scintillio metal di mise ultraplissettate come le tuniche di certe sculture della Grecia Antica.

 

CHALAYAN – Pochi colori: il bianco, il nero, il blu, il burgundy, il grigio, giostrati tra la tinta unita, il pattern fiorito e quello a righe. Linee nette ben si coniugano con asimmetrie e sapienti drappeggi. Materiali suddivisi tra tessuto e pelle accentuano il vigore di creazioni dalla femminilità essenziale, costantemente combinata con dettagli di corsetteria. Chalayan celebra il suo 25mo e manda in scena tre look che declamano il verbo “Essere” coadiuvati dai marionettisti di Bunraku.

 

CHRISTOPHER KANE – “Liquid Ladies”, ovvero il fetish in chiave chic: Kane esplora le declinazioni del desiderio a 360° e si addentra nell’ universo dei “Looners” (attratti dai palloni), dei “Rubberist” (fan della gomma) e degli “Sploshers”(amanti del liquido spalmato sul corpo), rendendo queste denominazioni degli slogan ricorrenti nella collezione. Look eleganti/intriganti evidenziano catenelle di cristalli a multiplo giro, bordature borchiate e numerosi dettagli in gomma.

 

MARY KATRANTZOU – Ispirandosi ai quattro elementi (fuoco, terra, aria, acqua), Katrantzou dà vita ad una collezione di raffinatissima couture. Trionfano ruches e piume di struzzo, la palette cromatica è un’ esplosione di colori arcobaleno. In quanto principi fondanti di vita, i quattro elementi si traducono in look che evocano una natura rigogliosa, straordinarie infiorescenze, galassie stratosferiche: un viaggio nelle meraviglie della creazione primordiale.

 

VIVIENNE WESTWOOD – Una collezione attivista per Dame Vivienne Westwood, paladina dell’ eco-sostenibile e della salvaguardia ambientale. In un travolgente mix di pattern si alternano culottes a vista, mantelle asimmetriche e completi check, senza tralasciare t-shirt “manifesto” che divulgano le ultimissime battaglie della designer. In testa, corone di cartone colorato recitano “Angel” e “World” come slogan, mentre parigine a metà coscia potrebbero essere scambiate per dei variopinti tattoo tribali.

 

 

 

New York Fashion Week: 10 flash dalle collezioni AI 2019/2020

TOMO KOIZUMI – Il designer rivelazione della NYFW ha lasciato a bocca aperta il pubblico con abiti fiabeschi, simili ad oniriche nuvole di tulle declinate in ogni infinitesima nuance dell’arcobaleno.

E’ terminata il 9 Febbraio, lasciando dietro di sè un turbinio di colori e stili. Fascinazioni urbane, suggestioni da fiaba, ispirazioni rétro hanno incantato il parterre con la loro spettacolarità mozzafiato: la New York Fashion Week ha decretato il trionfo della fantasia e della ricerca. Svariati brand hanno attinto ai loro codici, rivisitandoli con inventiva. E se ad imporsi è stata la genialità creativa, non è venuto certo meno il fattore “portabilità”. Capi sempre più calati nella daily life hanno stupito senza suscitare clamore,  conquistando grazie a un’ originalità squisita. Mentre ero alle prese con la consueta selezione di dieci look tratti dalle sfilate, è giunta la notizia della scomparsa di Karl Lagerfeld: all’ indimenticabile “Kaiser della moda”, creativo tra i più fervidi e leggendari del ‘900, VALIUM dedicherà un post domani. In questo momento, ancora frastonata dalla tristissima news, riesco solo a celebrare il ricordo di Herr Lagerfeld raccogliendomi in un rispettoso silenzio.

 

MARC JACOBS – Una fiaba vittoriana in puro stile Jacobs. Predominano ampie mantelle, maniche a sbuffo, linee svasate, e soprattutto un tripudio di piume: non è un caso che a chiudere lo show sia una fascinosissima Christy Turlington in evening dress piumato e tinto di un total black molto teatrale.

 

CUSHNIE – Una palette autunnale (bordeaux, blu notte, rosso, nero, prugna) viene accesa da squarci di pervinca e di blu Klein. Velluti e drappeggi Déco avvolti seduttivamente attorno al corpo si alternano a flares affusolati che emanano potenti suggestioni anni ’70.

 

ECKHAUS LATTA – L’ imprinting urban tipico del brand si avvale di una sartorialità sempre più ricca e ricercata che dona un twist iper cool ai minimalismi. La collaborazione con UGG si traduce in una serie di massicci boot e sabot stilosamente abbinati ad ogni look della collezione. 

 

AGATHA RUIZ DE LA PRADA – Travolgente, briosa e coloratissima, la collezione è un’ode agli inconfondibili codici del brand. Non tralasciando i cuori “trademark” gioca con i volumi, osa con gli accostamenti cromatici, stupisce con i richiami al circo e ad un mondo onirico che i fan della designer madrilena adorano letteralmente.

 

TOM FORD – Il glamour allo stato puro. Raso, velluto e pelle si fondono cromaticamente con il nero, il marrone, il grigio, il viola, il rosso ed un tripudio di nuance polvere. Predomina uno chic anni ’70 che nella rivisitazione dell’ iconico tailleur pantalone del brand raggiunge il suo apice. Tra gli accessori, il “fedora” in faux fur è già candidato a must.

 

CHRISTIAN COWAN – Un’ esplosione di colori al neon trionfa su audaci miniabiti, long dress sfrontati ed impalpabili, minifelpe abbinate a calzamaglie da danza. Il look clou? Un tutù declinato in shade di rosa vivido e con la gonna composta da una miriade di piume. Risaltano le sexy shoes adornate di orologi che portano la firma di Giuseppe Zanotti.

 

PROENZA SCHOULER – Un mix di linee fluide e rigorosamente minimal è il leitmotiv di una collezione che inneggia all’ “urban cool”. Pennellate di ocra intervallano una palette predominata dal nero, dal beige, dal blu e dal bianco, plissè fluttuanti si alternano a tailleur squadrati ed ampi abbinati a top con le maniche che penzolano dal collo come fossero sciarpe.

 

SIES MARJAN – Un mix and match di materiali (pizzo, raso, pelle, velluto, tulle) si coniuga con silhouette femminili, di volta in volta affusolate o più morbide. Alle tonalità pastello si alternano scintilii argentati, dégradé cangianti e cromie vivaci che non di rado confluiscono in un color block sofisticatamente d’impatto.

 

ALEXANDER WANG – Soffermandosi sui concetti di “classe” e di “ricchezza”, Wang li rielabora donando loro un mood del tutto inedito: la longuette diventa una grintosa gonna in pelle, il golfino si adorna di tessuto fishnet e il cappotto “bon chic” viene ravvivato dai graffiti multicolor dell’ artista Katsu. La metamorfosi coinvolge anche l’hairstyle, tramutando dei codini laterali molto preppy in extension palesemente fake.

 

 

Paris Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

GUCCI – Cappello a falda larga, glitter, piume: un look flamboyant e audace che omaggia i Dioscuri del teatro off anni ’70 Leo de Berardinis e Perla Peragallo

Parigi è sempre Parigi, parafrasando il titolo di un noto film. E anche stavolta, la Paris Fashion Week non si è smentita: glamour, ricerca, concetti ispirativi forti ma soprattutto la “grandeur” di défilé che sono veri e propri show in cui il glitz si intreccia alla genialità creativa. Moda e spettacolo si esaltano a vicenda, danno vigore ad un “racconto”, ne sottolineano i motivi. Così è avvenuto, ad esempio, per la sfilata-tributo di Dior alla danza ma anche “chez” Saint Laurent, dove le modelle hanno sfilato a pelo d’acqua, costeggiando enormi palme al neon e con la tour Eiffel sullo sfondo in omaggio a Monsieur Yves (le palme, va da sè, erano un chiaro richiamo a Marrakesch). Che dire poi di Chanel, che ha trasformato il Grand Palais in uno dei lidi tanto amati da Mademoiselle? Gucci non è stato meno sorprendente, portando in scena una sfilata sublimata dalla teatralità del club Le Palace: underground italiano e francese a confronto per un evento che la guest star Jane Birkin ha intramezzato intonando una “Baby alone in Babylone” da brividi, forse la sua hit più suggestiva. Mai come a Parigi, insomma, la locuzione inglese “fashion show” ha espresso tutto il suo potenziale. Per quanto riguarda lo stile, svariati brand hanno optato per il consolidamento di un’estetica squisitamente signature. Tra le eccezioni rientra Celine, che con l’ arrivo di Hedi Slimane al timone creativo ha virato al rock inneggiando alle notti più folli della Ville Lumière. Periodo di riferimento? Gli anni ’80 della coldwave francese  e dei suoi indimenticati idoli.

 

DIOR – Tessuti impalpabili e gradazioni di nude per un contemporaneo tutù: la danza come strumento di esplorazione della propria essenza

 

SAINT LAURENT – Hot pants in pelle, revers da smoking e fascia argento sulla fronte: rivive tutto il glam anni ’70 adorato da Monsieur Yves

 

VALENTINO –  Mega cappello esotico, frange e  “flares” con arabeschi di glitter: un Valentino inedito, deliziosamente hippie chic

 

MAISON MARGIELA – “Create the rules then break them”, recita una voce fuori campo durante il défilé: l’iconoclasta Galliano si fa supremo alfiere dell’ iconicità

 

CELINE – Anfibi e miniabito in total gold per rievocare i tempi d’oro della nightlife parigina: Slimane rivoluziona Celine con il suo inconfondibile stile rock

 

CHANEL – Il tailleur si impregna di luminosità e sfoggia i colori di un tenue arcobaleno: sofisticatezza allo stato puro esaltata dalle suggestioni balneari del défilé

 

GIVENCHY – Come in un gioco di specchi, estetica e genere intrecciano un rapporto di mutuo scambio: plissettato, drappeggiato, sculturale pur nella sua fluidità, l’abito si tramuta in opera d’arte

 

MIU MIU – Tacchi e calzettoni, chioma da sirena, lo chemisier sfizioso indossato sotto il cappotto: dire “girly”, per Miu Miu, è sinonimo di chic

 

ROCHAS –  Il giallo carico, spettacolare ed energetico regala all’ outfit un’ allure decisamente “eye-catching”: colore e piume stemperano ogni residuo di rigore minimal rintracciabile nelle sue linee

 

 

 

 

New Icons: Binx Walton

Binx Walton per Versace, PE 2019

Al défilé di Versace irradiava glamour: in total look in pelle, top turchese e minigonna rossa, ha stregato il parterre con la sua sensualità irriverente. Binx Walton è ormai una top delle passerelle, ed il suo fascino non conosce cedimenti. Semmai si affina con il tempo, conferendole una allure sempre più magnetica e cool. Non è un caso che Binx sia una presenza pressochè fissa sul catwalk di Saint Laurent: chi la non ricorda durante la sfilata Primavera/Estate 2017 della Maison parigina? Il copricapezzolo in strass che adornava la sua mise ha fatto storia. Lei lo esibiva con innata spigliatezza, esaltandone la valenza seduttiva e al tempo stesso iconica: un momento memorabile che rimane impresso negli archivi della moda.

 

Binx per Saint Laurent, PE 2017

Classe 1996, vissuta tra le Hawaii e il Tennessee, Leona Anastasia Walton – soprannominata Binx come un personaggio di “Star Wars” dai suoi fratelli –  è letteralmente adorata da brand quali Tom Ford, Marc Jacobs, Dolce & Gabbana, Gucci, Chanel e Dior (per citarne solo alcuni).  L’ eleganza naturale è il suo punto di forza, abbinata ad un corpo slanciato e ad un ovale perfetto. Gli occhi sono neri e intensi. I capelli, color castano scuro, sono naturalmente ricci. Ai fashion show della Primavera/Estate 2019 l’ abbiamo vista finora sfilare per Marc Jacobs, Alexander Wang e Ferragamo, oltre che per la Maison della Medusa, ma Binx Walton è anche una vera e propria star delle advertising campaign: provocante e sfrontata, la ritroviamo nella campagna Autunno/Inverno 2017 di Tom Ford, mentre  più eterea – e sempre ritratta da Mario Sorrenti – appare nella adv che Alberta Ferretti dedica alla Primavera Estate 2018, dove posa insieme a Cara Taylor e a Vittoria Ceretti. Protagonista assoluta e “in alta quota”, invece, Walton campeggia negli scatti realizzati da Inez & Vinoodh  per la campagna Autunno/Inverno 2018/19 di Michael Kors: traguardi di prim’ ordine per un’ ex studentessa del Tennessee che non avrebbe mai pensato di fare la modella. Quando un talent scout la scoprì mentre nuotava in piscina, non era neppure una teen ed iniziò la sua carriera come “part-time job”.  Oggi, acclamata in tutto il mondo e richiestissima, Binx rivendica il diritto di ogni ragazza a diventare supermodel: a prescindere dal cognome famoso o dal numero di followers che vanta su Instagram.

 

Binx per Alexander Wang, PE 2019

 

Binx nella adv campaign AI 2018/19 di Michael Kors (scatti by Inez & Vinoodh)

 

Binx per Marc Jacobs, PE 2019

 

Binx con Gigi Hadid durante la sfilata-tributo Versace PE 2018

 

Binx nella adv campaign PE 2018 di Alberta Ferretti (scatti by Mario Sorrenti)

 

Binx per Ferragamo, PE 2019

 

Binx per Dior, AI 2018 /19

 

Binx nella adv campaign AI 2017 di Tom Ford (scatti by Mario Sorrenti)

 

Binx per Versace, AI 2018/19

 

Binx per Gucci, AI 2017/18

 

Binx  per Saint Laurent, PE 2018

 

Binx per Tom Ford, AI 2018/19

 

Binx per Chanel, AI 2018/19

 

 

 

 

Milano Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

PRADA L’ abitino a trapezio guadagna in femminilità grazie alle Mary Jane a punta

Terza tappa del percorso dedicato alle Fashion Week delle collezioni Primavera/Estate 2019. Oggi VALIUM vi porta a Milano, passerella per eccellenza del Made in Italy: un Made in Italy al centro dei dibattiti sia per il (temporaneo) trasloco di Gucci ai défilé di Parigi, che per la cessione di Versace a Michael Kors (la breaking news sicuramente più discussa).  In questa sede, però, daremo spazio unicamente al nostro excursus sui look, che anche stavolta sono 10 e tratti da altrettante collezioni. La città meneghina sancisce il gran ritorno delle lunghezze mini, soprattutto declinate in “hot pants” o in culotte da portare a vista, ma non mancano abitini dal deciso sapore Sixties. Il colore trionfa, con incursioni nel nero e nel nude, e accanto al sempre scenografico tulle si affermano materiali come la vernice e il PVC. Trasparenze ed elementi sparkling risaltano in un tripudio di balze, volant e nuance in degradé, alternadosi a uno chic dai toni neutri e più sobriamente minimal. Un dettaglio cool? I gambaletti da abbinare al minidress: avvistati alla sfilata di Prada e a quella di Marco de Vincenzo.

 

GIORGIO ARMANI – Iridate nuance “acquatiche” si vestono di bagliori e trasparenze in PVC

 

ALBERTA FERRETTI – Il long dress “balloon” si fa etereo adottando tessuti impalpabili e tonalità sfumate

 

VERSACE – Gambe al vento per una seduttività grintosa e sfrontatamente audace

 

PHILOSOPHY di LORENZO SERAFINI – Il mood romantico vira al sensuale tramite i pantaloni in vernice dal taglio tipicamente 80s

 

MAX MARA – Sovrapposizioni, linee pulite e ricercatezza strutturale si declinano in un intenso total look marrone

 

VIVETTA – Un tripudio di balze e sfumature di rosa dona un tocco da fiaba al lungo abito in tulle

 

MARCO DE VINCENZO – Il miniabito sfoggia cromie in degradé e volant per esaltare una allure dreamlike

 

DOLCE & GABBANA – Un’ esplosione di scintillio e colore  accentua la strepitosa vena pop dell’ evening dress

 

MSGM – Piume e rosa fluo sono il connubio vincente per un look che coniuga lo stile sporty con il glam

 

 

 

London Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

DELPOZO –  Chic luminoso e a tinte tenui impreziosito da dettagli deliziosi

Di sfilata in sfilata, VALIUM approda alla London Fashion Week. Dove, come di consueto, seleziona 10 look decisamente cool. La capitale britannica mette al bando gli eccessi, ma coniuga estro e chic:  strutture iper ricercate, pizzi a profusione, ruche, drappeggi e linee balloon definiscono outfit che spaziano dalle tonalità pastello a nuance da mozzare il fiato. Finora, un iconico dettaglio fa da leitmotiv sia alle collezioni londinesi che della Grande Mela. Il volto velato diventa un must, e lo fa nel modo più stiloso possibile:   la veletta si associa a copricapi incredibili, oppure ricopre seduttivamente testa e viso. Così l’ abbiamo vista da Marc Jacobs, avvolta attorno al capo come un etereo bocciolo. Ryan Lo correda di veletta imponenti colbacchi “fioriti”, mentre Simone Rocha fa ricadere un velo su dei cappelli ampi, in stile Belle Epoque. Ritroveremo veli e velette anche a Milano? Non vi resta che seguire VALIUM nel suo iter dedicato alle Fashion Week.

 

 

EMILIA WICKSTEAD – Maxilunghezze declinate in colori shock per non passare inosservate

 

BURBERRY – Un blazer con maxi cintura al posto del classico trench, e ai piedi kickers con calzini per accentuare l’ allure “gamine”

 

PREEN BY THORNTON BREGAZZI – L’ abito rosso cuore seduce con drappeggi “scolpiti” ad hoc

 

RYAN LO – Ricami crochet, piume e tulle a profusione come in una fiaba

 

MM6 – Raffinatezze sporty-chic in verde menta all over

 

CHRISTOPHER KANE – A metà tra uno stile minimal e suggestioni 50s aggiornate alla contemporaneità

 

SIMONE ROCHA – Un total white adornato di pizzi e adombrato di mistero

 

MARY KATRANTZOU – Linee egg-shaped e luccichii per una sofisticatezza declinata in differenti gradazioni di blu

 

ERDEM – Pizzi in abbondanza e romantiche sovrapposizioni per un look divinamente celestiale

 

 

New York Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

MARC JACOBS – Volant multicolor e collant”disco” in lurex

Settembre è un mese in cui le settimane della moda si susseguono a tambur battente: VALIUM non può mancare all’ appuntamento con le sfilate, e vi accompagna in dei puntuali toccata e fuga nelle capitali fashion internazionali. Oggi è la volta di New York, dove i défilé sono terminati venerdì scorso. Impossibile un resoconto collettivo, visto l’ alto numero dei brand coinvolti. Nei post dedicati alle Fashion Week della Primavera/Estate 2019 trovate, invece, un “résumé” condensato in 10 scatti, ognuno corrispondente al look di una data collezione: 10 flash che illustrano i mood, le tendenze, o – molto più semplicemente – i miei gusti personali. Sono fotogrammi che sintetizzano in una breve panoramica alcuni spunti tratti dalle passerelle. Dopo New York proseguiremo con Londra, la cui Fashion Week è quasi in dirittura d’arrivo. Non mi resta che salutarvi con un “Enjoy it” e lasciarvi ai look che ho selezionato per voi nella Grande Mela!

 

TOM FORD – Pizzi, stile sottoveste e faux crocodile

 

CALVIN KLEIN – Graduation cap e outfit urban con cintura a frange

 

PROENZA SCHOULER – Comfort-chic e linee sporty

 

ECKHAUS LATTA – Suit gilet e profondo grigio

 

PRABAL GURUNG – Technicolor e dettagli gym

 

BADGLEY MISCHKA – Rosa cipria in total look e piume argentee

 

CHRISTIAN SIRIANO – Linee 50s e raffinate guarnizioni in tulle

 

MICHAEL KORS – Stampe floral e cromie acquerellate

 

SIES MARJAN – Tessuti hi-tech e blu Klein in duplice sfumatura