Palette d’equinozio

ROCHAS

L’ Autunno è arrivato, e l’ Equinozio ha ufficialmente sancito il suo ingresso. La nuova stagione porta con sé una caratteristica, inconfondibile palette cromatica. Basti solo pensare al foliage, la transizione del fogliame degli alberi a tonalità quali il giallo, il rosso, il marrone in svariate gradazioni: lo spettacolo che le fronde offrono è tale da essere ammirato tramite escursioni apposite. Il beige, il ruggine, il senape e il burgundy si alternano in una suggestiva tavolozza a cui si aggiungono il celeste etereo del cielo venato di foschia, il vinaccia dei grappoli d’uva, il rosso dei frutti di bosco. Tutti colori che le collezioni AI 2018/19 non tralasciano di replicare, instaurando un connubio tra stile e meraviglie della natura declinate nelle nuance più pittoresche e intense.

 

VERSACE

ROKSANDA

ALEXANDER MCQUEEN

SIES MARJAN

MOLLY GODDARD

ALBERTA FERRETTI

 

London Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

DELPOZO –  Chic luminoso e a tinte tenui impreziosito da dettagli deliziosi

Di sfilata in sfilata, VALIUM approda alla London Fashion Week. Dove, come di consueto, seleziona 10 look decisamente cool. La capitale britannica mette al bando gli eccessi, ma coniuga estro e chic:  strutture iper ricercate, pizzi a profusione, ruche, drappeggi e linee balloon definiscono outfit che spaziano dalle tonalità pastello a nuance da mozzare il fiato. Finora, un iconico dettaglio fa da leitmotiv sia alle collezioni londinesi che della Grande Mela. Il volto velato diventa un must, e lo fa nel modo più stiloso possibile:   la veletta si associa a copricapi incredibili, oppure ricopre seduttivamente testa e viso. Così l’ abbiamo vista da Marc Jacobs, avvolta attorno al capo come un etereo bocciolo. Ryan Lo correda di veletta imponenti colbacchi “fioriti”, mentre Simone Rocha fa ricadere un velo su dei cappelli ampi, in stile Belle Epoque. Ritroveremo veli e velette anche a Milano? Non vi resta che seguire VALIUM nel suo iter dedicato alle Fashion Week.

 

 

EMILIA WICKSTEAD – Maxilunghezze declinate in colori shock per non passare inosservate

 

BURBERRY – Un blazer con maxi cintura al posto del classico trench, e ai piedi kickers con calzini per accentuare l’ allure “gamine”

 

PREEN BY THORNTON BREGAZZI – L’ abito rosso cuore seduce con drappeggi “scolpiti” ad hoc

 

RYAN LO – Ricami crochet, piume e tulle a profusione come in una fiaba

 

MM6 – Raffinatezze sporty-chic in verde menta all over

 

CHRISTOPHER KANE – A metà tra uno stile minimal e suggestioni 50s aggiornate alla contemporaneità

 

SIMONE ROCHA – Un total white adornato di pizzi e adombrato di mistero

 

MARY KATRANTZOU – Linee egg-shaped e luccichii per una sofisticatezza declinata in differenti gradazioni di blu

 

ERDEM – Pizzi in abbondanza e romantiche sovrapposizioni per un look divinamente celestiale

 

 

New York Fashion Week: 10 flash dalle collezioni PE 2019

MARC JACOBS – Volant multicolor e collant”disco” in lurex

Settembre è un mese in cui le settimane della moda si susseguono a tambur battente: VALIUM non può mancare all’ appuntamento con le sfilate, e vi accompagna in dei puntuali toccata e fuga nelle capitali fashion internazionali. Oggi è la volta di New York, dove i défilé sono terminati venerdì scorso. Impossibile un resoconto collettivo, visto l’ alto numero dei brand coinvolti. Nei post dedicati alle Fashion Week della Primavera/Estate 2019 trovate, invece, un “résumé” condensato in 10 scatti, ognuno corrispondente al look di una data collezione: 10 flash che illustrano i mood, le tendenze, o – molto più semplicemente – i miei gusti personali. Sono fotogrammi che sintetizzano in una breve panoramica alcuni spunti tratti dalle passerelle. Dopo New York proseguiremo con Londra, la cui Fashion Week è quasi in dirittura d’arrivo. Non mi resta che salutarvi con un “Enjoy it” e lasciarvi ai look che ho selezionato per voi nella Grande Mela!

 

TOM FORD – Pizzi, stile sottoveste e faux crocodile

 

CALVIN KLEIN – Graduation cap e outfit urban con cintura a frange

 

PROENZA SCHOULER – Comfort-chic e linee sporty

 

ECKHAUS LATTA – Suit gilet e profondo grigio

 

PRABAL GURUNG – Technicolor e dettagli gym

 

BADGLEY MISCHKA – Rosa cipria in total look e piume argentee

 

CHRISTIAN SIRIANO – Linee 50s e raffinate guarnizioni in tulle

 

MICHAEL KORS – Stampe floral e cromie acquerellate

 

SIES MARJAN – Tessuti hi-tech e blu Klein in duplice sfumatura

 

 

On the beach with…

 

MARTA JAKUBOWSKI. Ultimo rendez-vous con la rubrica che VALIUM dedica al beachwear. Per i vacanzieri tardivi e per chi non esita a catapultarsi al mare per sfruttare gli ultimi weekend di sole, riflettori rigorosamente puntati sul costume intero: Marta Jakubowski, designer di origine polacca ma londinese di adozione, tra le proposte della sua collezione Primavera/Estate 2018 inserisce uno “one-piece” davvero cool. Il punto di forza? Un sapiente gioco di contrasti. Il design è essenziale, quasi da nuoto, con spalline larghe e sgambatura media. Ma lo swimsuit griffato Jakubowski è tutt’ altro che classico o castigato. Completamente tinto di rosa fluo, cattura lo sguardo grazie alla tonalità vibrante e dal vago sapore Eighties; spetta a un volant sul fondo, applicato in diagonale, il compito di impreziosire il taglio minimal con un tocco di sfiziosa femminilità.  Il risultato è un capo estremamente versatile, da indossare sia in versione costume da bagno che come parte integrante di un outfit: in perfetta linea con la tendenza che abbatte ogni confine estetico tra il beachwear e il clothing più stiloso. 

 

 

Il close-up della settimana

 

Ormai è’ ufficiale: sarà New York ad ospitare Métiers d’Art, la sfilata tramite cui Chanel celebra ogni anno il savoir-faire artigianale. E nella Grande Mela, la Maison non poteva che scegliere una location d’eccezione come il Metropolitan Museum of Art, prezioso scenario – grazie alle mostre organizzate dal Costume Institute – di iniziative inneggianti alla moda nelle sue più disparate espressioni. Chanel era già approdato a New York: nel 2005, il brand aveva ambientato il défilé Métiers d’Art nella sua Boutique della Fifth Avenue, mentre risalgono rispettivamente al 2007 e al 2015 le sfilate della collezione Resort alla Grand Central Station e di una replica della Métiers d’Art Paris-Salisburgo al Park Avenue Armory. In un iter che ha spaziato tra l’ America del Nord, l’ Europa e l’Asia, l’ esclusivo show della Maison della doppia C ha toccato tappe come Edimburgo, Shangai, Roma e Amburgo – solo per citarne alcune. L’ edizione 2018/19 di Métiers d’Art, in programma per il 4 Dicembre, avrà invece lo sfondo di una metropoli (New York, appunto) associata ad un’ importante svolta nella carriera di Coco Chanel. Era il 1931, infatti, quando Mademoiselle si recò negli USA sollecitata da Samuel Goldwyn, che la volle ad Hollywood per vestire le dive dei suoi film. Il progetto prevedeva una collaborazione biennale ed in anticipo di sei mesi sulle tendenze fashion parigine, affinchè non risultassero anacronistiche nel lasso di tempo che intercorreva tra le riprese e la proiezione delle pellicole. M.lle Chanel soggiornò a New York prima di proseguire per Los Angeles, alloggiando all’ Hotel Pierre dove si tennero un’ affollatissima conferenza stampa ed un party di benvenuto in suo onore. La tappa newyorchese fu mantenuta anche al ritorno, sigillando un rapporto con la Grande Mela che vide Chanel campeggiare, negli anni a venire, nei department store di lusso oltre che nelle sue leggendarie boutique. In attesa della sfilata a stelle e strisce, intanto, a Parigi fervono i preparativi per la location che ospiterà Métiers d’Art a partire dal 2020: il megaspazio (ben 25.500 metri quadri!) di Porte d’ Aubervilliers, nel XIX arrondissement, progettato dall’ archistar Rudy Ricciotti.

 

Un look della sfilata Métiers d’Art Paris-Hamburg 2017/18

 

 

Foto del MET by (la prima dall’ alto e l’ultima) byTomàs Fano via Flickr, CC BY-SA 2.0

 

Autunno Wishlist – 10 + 1 motivi fashion per amare la nuova stagione

DOLCE & GABBANA – Il beanie in versione regale

All’ Equinozio d’Autunno mancano ancora tre settimane, ma è il momento giusto per dare un’ occhiata in giro ed esplorare le tendenze più interessanti di stagione: outfit, dettagli beauty, accessori che contribuiranno a donare un tocco speciale ai mesi a venire.  In questa selezione, qualche proposta da includere in una wishlist ad alto tasso di coolness.

 

DELPOZO – Il bolerino in ecopelliccia color blu Klein

 

MARCO DE VINCENZO – Il piumino-fiocco in PAL system

 

DSQUARED2 – L’hairstyle 60s cotonato della adv scattata da Mert Alas & Marcus Piggott

 

GUCCI – Le sneaker Flashtrek con cristalli

 

TOM FORD – L’ animalier in un mix and match di pattern, colori e materiali

 

ADAM SELMAN – I collant in full color e l’ allure 80s

 

GIORGIO ARMANI – I vistosi bijoux etno da abbinare ad accessori a tema

 

JOHN GALLIANO  – L’ abito nude in tulle da indossare sopra i pantaloni

 

DIOR – La Saddle bag in versione patchwork, cool trend di stagione

 

BURBERRY – La mantella rainbow con colletto in total red

 

 

Pre-Fall 2018: l’ incanto del dreamy dress

Delpozo

E’ tempo di Pre-Fall: con l’Autunno dietro l’angolo, la voglia di sperimentare nuovi look sale alle stelle. Le collezioni dedicate a questo periodo “ibrido”, a cavallo tra l’Estate e la nuova stagione, ci vengono incontro con creazioni ad hoc. Per esaltarne l’ incanto, niente di meglio che una selezione di abiti che sembrano usciti da una fiaba. Che siano da giorno o da sera, il risultato non cambia: denominatore comune, un’ anima dreamy e l’ esplorazione di un’ iconica femminilità.

 

Christopher Kane

Marco De Vincenzo

Roksanda

Valentino

Givenchy

Prabal Gurung

Georges Hobeika

Alexander McQueen

Carolina Herrera

 

 

Tendenze PE 2018 – Un Ferragosto che fa scintille

Greta Constantine

Il look di Ferragosto? Scintilla! Le collezioni Primavera/Estate sono invase dai bagliori. Su tutti, un tripudio di glitter che dona a suit ed abiti, pantaloni palazzo e tute accenti in puro stile Studio 54. Il mood anni ’70 prevale, con una differenza: i luccichii non si riservano più alla sera, ma spopolano “night and day” in un flusso ininterrotto di glamour. E se Greta Constantine inneggia ad un’ allure da “dancing queen” in ogni sua creazione, i fashion brand propongono svariate mise a tema. Dedicate – ça va sans dire – alle fan di un’ indimenticata e sfavillante “disco fever”.

 

Greta Constantine

Greta Constantine

Sachin & Babi

Coach 1941

Balmain

Julien McDonald

Oscar de la Renta

Altuzarra

Dior

Paco Rabanne

 

 

In a Holiday Mood

DELPOZO

Righe marinare, pattern etnici, colori che evocano il piumaggio di un pappagallo esotico…Il tutto, alternato a un bianco luminoso o ad eteree texture declinate nelle cromie di un tramonto tropicale. Le collezioni Resort  (in questo caso, 2018) celebrano “la vacanza” per definizione e con essa il viaggio, l’ esplorazione di terre lontane e di nuove culture: niente di meglio per tracciare una breve sintesi del mood che anima la tanto vagheggiata Estate.

 

MARY KATRANTZOU

GIORGIO ARMANI

GIVENCHY

MISSONI

 

Photo: Maison

 

Ode all’ acqua e all’ immensa vastità del mare: la campagna pubblicitaria PE 2018 di Stella McCartney

 

Azzurro come il mare, come iconici abiti che inneggiano al Little Boy Blue Pantone: con i piedi immersi nell’ acqua, sfoggiando pose plastiche, due modelle delineano figure asimmetriche su un’ immaginaria linea obliqua. Queste sagome ben definite, quasi scultoree, si contrappongono alla fluida vastità del mare creando un contrasto affascinante. E’ anche qui che risiede l’appeal di uno scatto tra i più belli della campagna pubblicitaria PE 2018 di Stella McCartney: lo firma il fotografo Johnny Dufort, che a uno splendido scenario marino coniuga un senso di evasione tipicamente estivo. La location è quella del mar Mediterraneo, delle spiagge più incontaminate della Sardegna, e nei loro spazi si muovono le top Sophie Hemmet, Karly Loyce e Sophie Rask. Mood spensierato e giocosità trionfano in immagini ad alto tasso di stile. Denim dai colori vivaci, evening dress sgargianti si affiancano ad accessori must have quali la Stella Star bag, la nuova Flo bag ed ai modelli più cool dell’ eyewear. In uno scatto, vediamo Sophie Rask galleggiare a pelo d’acqua come una novella Ofelia: è una foto d’ impatto, emblematica. Torna il leitmotiv del mare, un trait d’union tra l’ ispirazione della campagna e l’ impegno speso da Stella McCartney nella salvaguardia degli oceani. Non è un caso che sia proprio l’acqua, e la relazione che ci lega ad essa, il perno dell’ intera adv. Risorsa basilare per il pianeta, l’ acqua associa alle sue qualità più note un naturale senso di benessere e di quiete; preservare questo bene insostituibile rientra nel progetto di sostenibilità che la designer ha sposato da tempo. Sin dagli albori, infatti, il suo brand abbraccia valori eco-friendly e svolge un ruolo attivo nella tutela dell’ ambiente e degli animali.  Un esempio? Ha bandito pellicce, piume e pellami per sostituirli con materiali alternativi. L’ ode all’ acqua di questa campagna viene potenziata da uno short film che ne riprende i temi: potete visionarlo sul sito ufficiale di Stella McCartney e su tutte le sue piattaforme social.

 

 

 

 

CREDITS

Modelle: Karly Loyce, Sophie Hemmet, Sophie Rask

Foto e Film: Johnny Dufort

Music Track: “Sparkling World” by Roberto Cacciapaglia

Hair: Gary Gill

Make-up: Nami Yoshida