Il close-up della settimana

 

Mood primaverile, suggestioni post-pasquali che sfociano direttamente, favorite anche dall’ ora legale, verso la bella stagione in un’abbondanza di fiori e di boccioli. Oggi Pasquetta coincide con il primo Aprile, inaugurando il mese identificato, per eccellenza, con l’inizio della Primavera. L’equazione primavera=fiori, anche se di primo acchitto potrebbe sembrar banale, nel contesto della geniale inventiva che numerosi designer hanno espresso riprendendo attualmente il tema ‘floreale’, si inserisce – al contrario – in uno straordinario filone di virtuosismi di stile. E’ il caso della pre-collezione Primavera-Estate 2013 di Valentino, in cui i leit motiv di un sofisticato romanticismo e di un’ estrosa femminilità si traducono tramite un amipo utilizzo del pizzo, versatilmente giostrato in bluse, tailleur pantalone, tute e abitini. Un pizzo che viene diversificato in una molteplicità di intriganti motivi, tingendosi di volta in volta di colori pastello o più strong, unendosi a una profusione di fantasie floreali che, sul pizzo, vengono ricamate, applicate, stampate, creando ricercati effetti in rilievo che le mette in risalto. Come in una rivisitazione della Primavera di botticelliana memoria, i fiori “sbocciano” su gonne, abitini e lunghi abiti che mixano una straordinaria accuratezza sartoriale a elementi di stile della più pura tradizione boho e hippy chic, donando loro l’ irresistibile valore aggiunto di un tessuto prezioso. L’abito immortalato nella foto ne è un magnifico esemplare: sull’ impalpabile, candido tulle del corpino attillato, semitrasparente come le maniche, un’ “incursione” del pizzo interviene a creare un raffinato effetto ‘colletto’ e, a partire dal seno, si profonde in una fitta cascata di fiori che pervadono tutta la maxigonna – resa più voluminosa da un ‘corposo’ sottogonna – svasata nel fondo dopo aver sottolineato la vita. I colori di questo outfit costituiscono un altro affascinante atout: i fiori in pizzo vengono proposti in un tripudio di deliziose tonalità pastello come il giallo, il rosa, il celeste, il verde affiancati dallo smeraldo, dal turchese, dal fucsia, dal ruggine, dal bianco e dal sabbia. L’abito, oltre a rappresentare un’ eccellente testimonianza di ricercatezza sartoriale, è un inno alla Primavera valorizzato da un’eleganza bohemienne che non mancherà di sbalordire folte schiere di giovani fan, e non , della Maison. In linea con la sua pluriennale tradizione, Valentino conferma nel tempo la sua vocazione a coniugare sogno, estro, glamour a una qualità indiscutibile che si rinviene in ogni dettaglio: ingredienti che lo hanno reso uno dei brand storici, e costantemente al top, del nostro prestigioso “made in Italy”.

Buon lunedì di Pasquetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *