Roger Vivier: l’haute couture della scarpa diventa un libro

 

In Italia è uscito in questi giorni, edito da Rizzoli: si intitola Roger Vivier ed è un libro di 304 pagine – tra le quali sono inclusi sei inserti speciali e ben 300 foto a colori – che, al costo di 85 euro, racconta la storia e l ‘esprit‘ della celebre Maison che nei suoi 60 anni di attività ha calzato i piedi delle donne più celebri del secolo scorso e di quello attuale. I loro nomi? Solo per citarne qualcuno, Elisabetta II,Elizabeth Taylor, Jackie Onassis, Elsa Schiaparelli, Grace Kelly, Sophia Loren e Brigitte Bardot. Una griffe, quella di Roger Vivier, concepita come massimo punto di riferimento delle calzature couture che solo nel 2003, dopo l’acquisto da parte del Gruppo Della Valle, sotto la direzione creativa di Bruno Frisoni e grazie all’ ‘ambasciatrice di stile’ Inès de la Freissange, è evoluta a luxury brand di accessori. Sfogliare questo libro è un po’ come accedere, privilegiatamente, agli archivi della Maison: le immagini permettono infatti di ammirare foto inedite dei modelli ‘storici’ di scarpa creati da Monsieur Vivier tramite un percorso sia fotografico che di schizzi e bozzetti, includendo collages e disegni estremamente particolareggiati ed eseguiti più recentemente. Roger Vivier, nato nel 1907 e scomparso nel 1998, ha da sempre legato il suo nome alla più alta artigianalità e sperimentazione creativa della scarpa, ideando modelli considerati vere e proprie opere d’arte. Non a caso, esemplari delle Virgola, Cancan, Guignol e molte altre sue creazioni, sono esposte nei più importanti Musei mondiali come il Victoria & Albert di Londra, il Met di New York, il Bata Shoe Museum di Toronto e il Museo del Louvre di Parigi. Le sue Miss Viv, le Marlene sono entrate ormai indelebilmente a far parte dell’ immaginario collettivo legandosi ad una dimensione da sogno. L’ “avventura” di Vivier comincia  quando, al termine della Seconda Guerra Mondiale, torna a Parigi da New York e, “arruolato” da Dior, svolge per un decennio le mansioni di shoe designer presso il grande couturier. Sue caratteristiche, la sperimentazione continua e la decorazione delle scarpe con materiali ‘preziosi’ quali la seta, il tulle, nastri e bijoux (tra cui le perle), adattandole a qualciasi momento della giornata grazie a creazioni che ne ‘sfrondavano’ la formalità. Tra i suoi modelli ‘iconici’, le calzature che Catherine Deneuve indossa in ‘Belle de jour’ e i cuissards in pelle nera sfoggiati da Brigitte Bardot nel video di ‘Harley Davidson’. Oggi, con una consolidata produzione di accessori (pensiamo solo alle favolose Prismick Bags) e una più recente linea di haute couture di lavorazione rigorosamente artigianale, Roger Vivier si conferma ancora una volta un prestigioso brand la cui inventiva ed estrosità vengono apprezzate, e scelte, dalle più note celebrities internazionali: tra le sue fan rinveniamo, fra gli altri, i nomi di Nicole Kidman, Sarah Jessica Parker, Carla Bruni, Julia Roberts e Anne Hathaway. Il libro Roger Vivier include i contributi di Virginie Mouzat, Colombe Pringle, Elisabeth Sammelhack, Olivier Saillard, Loic Prigent e due conversazioni esclusive: Inès de la Fressange a colloquio con Catherine Deneuve e Bruno Frisoni con Cate Blanchett. Già iconico must have, il volume è stato presentato a Milano lo scorso 18 aprile, presso i locali di Corso Como 10, tramite un evento-mostra il cui allestimento rimarrà aperto al pubblico fino al 28 aprile. Roger Vivier è acquistabile presso le più rinomate librerie e le boutique del marchio.

Buona domenica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *