Flash su una collezione: le preziose suggestioni anni ’70 di Wes Gordon

 

Interrogato sulla donna che ha ispirato la sua collezione, l’ha definita così: “La ragazza che si è fidanzata con uno dei Rolling Stones“. E devono decisamente essere stati i Rolling Stones dei tempi d’oro, appena glorificati da un immenso successo internazionale, quelli a cui ha fatto riferimento Wes Gordon per la prossima stagione fredda: i richiami agli anni ’70 sono un leit motiv evidente che pervade l’ intera collezione, declinando rigorosamente in chiave rock ogni traccia di lusso ed opulenza data da materiali quali il broccato, il velluto, le pellicce e da colori luminosi, ‘corposi’ come il rame, il giallo acceso, il viola metallizzato. Non è un caso, che il nostro flash sulla collezione del giovane designer statunitense vada ad esaltare proprio la vena inerente al 70s mood. I completi in cui risaltano appariscenti pantaloni a zampa, le stole in colori pastello, gli ankle boots in velluto viola brillante, le candide gonne profilate in pelliccia, la pelle nera modellata sulle asimmetrie rappresentano le principali coordinate di questo look, pervaso di dettami bohemien mixati ad uno stile hippy chic tipico dell’ era di transizione tra il Flower Power e il Glitter Rock. Sono capi che smorzano la loro preziosità con la disinvoltura ed il glamour tipici, appunto, di una musa dei Rolling Stones, rivelandosi portabili non solo la sera, ma nella quotidianità . La collezione evidenzia anche una serie di abiti: su tutti, un modello dalla maxigonna in broccato color giallo vibrante, perfetto per un potenziale red carpet dai toni squisitamente glam rock. Il top viene comunque raggiunto dalla rivisitazione dei pantaloni a zampa in versione luxury e dalle stole, vero armamentario di una rock’n roll girl nella sua quintessenza: dopotutto, come pare abbia affermato Virginia Woolf, “Dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna”. Una frase che, a quanto pare, si adatta alla perfezione anche agli storici colossi del rock.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *