Milano Fashion Week: mi è piaciuto…Vol. 3

Continua il mio viaggio tra le passerelle della Fashion Week milanese: ogni settimana, la mia scelta cade su quattro designer, quattro collezioni, quattro outfit: uno per ciascun brand. Una piccola postilla: Miu Miu ha sfilato a Parigi, ma ho ritenuto doveroso omaggiare ‘a prescindere’ il talento di Miuccia Prada, tra le più brillanti e geniali esponenti del Made in Italy.

 

Blugirl: colori pastello, scarpe a punta, abitino e soprabito dalle linee essenziali, leggermente a trapezio, che avrebbe potuto indossare Twiggy senza esitazioni. Una riedizione degli Swinging Sixties in versione bon ton.

 

Antonio Marras: stampe floreali di grandi dimensioni  – che ricordano i motivi di certe carte da parati d’antan – su tessuti impalpabili, balze e asimmetrie. Un inno alla Primavera. d’ Autore.

 

Versace: mescolanza di stili e di tessuti concentrati in un miniabito dai toni sexy e grintosi, perfettamente abbinato ad alti sandali con plateau dai cinturini intrecciati. Con la vulcanica Donatella il total black non risulta mai scontato!

 

Miu Miu e le sue squaw contemporanee: fitti ricami di perline, stivali alti e iperstringati, choker stile hippy al collo e un portentoso mix di colori strong e tonalità pastello. A contrasto, la borsetta con manico celeste baby in pieno stile bon chic bon genre.

 

 

Una risposta a “Milano Fashion Week: mi è piaciuto…Vol. 3”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *