Milano Fashion Week: mi è piaciuto…Vol. 4

Prosegue, come ogni settimana, la mia incursione nelle collezioni Primavera/Estate 2014 presentate durante la Fashion Week milanese. Quattro designer, quattro collezioni, un outfit per ciascuna da commentare.

 

FENDIoutfit dalla struttura geometrica e dalle linee nette quasi architettoniche, colori in ton sur ton ma anche accostamenti cromatici a contrasto, mix di materiali che favorisce la comparsa ‘a sorpresa’ del tulle al termine di un insieme rigorosamente lineare. I sandali, esibiscono tutta la lucentezza della vernice. Il nuovo minimal versione 2013?

 

ALBERTA FERRETTI: ovvero, come il total white può acquistare  ulteriore raffinatezza grazie a un’ apparente semplicità fatta di trasparenze, linee pulite e ricami floreali. Le scarpe ricordano, nei nastri in raso, quelle delle ballerine di danza classica, che il nero rende più grintose.

 

EMPORIO ARMANI: nonostante le deliziose tunichette monospalla in raso, con Emporio Armani non si può prescindere dal pantalone largo e ‘squadrato’ . La lavorazione a intarsi della blusa a cui viene abbinato, stretta in vita e lunga fino a metà coscia, rende l’ insieme femminile e sofisticato. Fanno il resto, in termini di stile, il color indaco che ricorda la predilezione di Re Giorgio per le nuance dell’ alba (già citate in una precedente collezione) e le scarpe silver con cinturino.

 

FRANCESCO SCOGNAMIGLIO: un’ altra interpretazione del bianco. Pizzi, preziosi ricami, applicazioni floreali nei toni del lilla. Un outfit etereo caratterizzato dalla ricercatezza, da un nuovo romanticismo che esibisce una lavorazione minuziosa, e che in una femminilità decisa esprime la sua più profonda essenza. Gli stivaletti bianchi con fibbie laterali aggiungono un tocco Sixties e vagamente sexy.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *