Lo stile Gucci: sensualità e rigore

 

Sensuale e grintosa, non concede spazio alla dolcezza: questo il sintetico identikit della donna che Gucci, per l’ Autunno/Inverno 2013/2014, ha voluto rappresentare. Non poteva d’altronde essere altrimenti, con una collezione interamente ispirata alle sculture fetish di Allen Jones: l’ essenza altera, quasi lunare della donna pensata da Frida Giannini ha rinvenuto nel fashion show il canale di espressione che ne ha evidenziato la spigolosità armonica, il mood sofisticatamente cool, la seduttività di femme fatale contemporanea. La make up artist Path McGrath ha ideato per lei un trucco completamente basato sull’ enfasi dello sguardo, che distacca su una pelle ultracandida e levigata. Creando un deciso effetto smokey eye, McGrath ha scelto un burgundy metallizzato che evoca suggestioni pregne di seduttività e mistero. L’ ombretto, coprente e pigmentato, è stato  steso su tutta la palpebra mobile, sulla palpebra inferiore e verso la tempia, per allungare l’ occhio.  Per risaltare al massimo l’ allure altera, la make up artist ha ‘cancellato’ completamente le sopracciglia ossigenandole, e con abbondante fondotinta ha donato alla pelle un effetto ‘porcellana’ talmente accentuato da rendere il volto quasi irreale, enfatizzandone con tocchi sapienti i lineamenti. Le labbra, in sottotono e mat, sono tinte di  beige focalizzando in toto l’ attenzione sullo sguardo. Per lo smalto per unghie, firmato Mavala, è stata utilizzata la medesima nuance di beige. Anche l’ acconciatura, curata dall’ hair stylist Luigi Murenu, esprime uno chic essenziale: i capelli, lisciati dalla piastra, sono stati divisi in tre ampie ciocche e poi tirati indietro lateralmente e sulla fronte, ricadendo superpiatti sulle spalle. L’ effetto bagnato dona un look vinile che, abbinato alle linee grafiche dell’ acconciatura, conferisce all’ hairstyle un twist ‘da design’. Il risultato complessivo è uno stile raffinato che rinviene nel rigore i codici di una nuova sensualità: consapevole e decisa.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *