Solomeo

 

” Poco dopo la notte la luce bianca che accompagna l’aurora si diffonde per le strade e lambisce le case di Solomeo accarezzandole. Dalla valle spira un vento leggero che spinge su verso l’antica rocca i profumi della campagna, profumi che aspiro a pieni polmoni come se fossero la vita stessa. Amo passeggiare in questa luce, che favorisce le idee più serene e pure, quando la natura e gli uomini ancora dormono, e tutto sembra un immenso giardino. In queste ore, prima che la porta della vita si spalanchi sulle urgenze degli affari di un industriale, sui molteplici viaggi, sull’imprevedibile serie di incontri con persone che vogliono offrire o vogliono avere, (…) in queste piccole ore sono gratificato dal pensare in quiete vagando per questo borgo dello spirito, del mio spirito, dove ogni pietra, ogni albero, ogni rosa fragrante mi richiama alla mente questo o quel ricordo pieno di tenerezza, nel quale mi riconosco. Di tutte le cose di Solomeo, due hanno radici nel cuore come fiori di piante sempreverdi: il castello, dove nacque tutto, e il teatro, simbolo centrale di quanto è stato e sarà fatto. Lo studiolo del castello, decorato con antiche pitture, con le piccole finestre che guardano il borgo e tutta la valle di Solomeo, è il luogo dei ricordi e delle idee. Stimo le idee, perché le ritengo comunque più importanti delle cose che producono. La mia passeggiata termina sempre lì, in quel luogo magico dove la memoria, la concentrazione e uno stupore eternamente giovane agiscono insieme sul mio animo come uno stimolo vitalizzante. Solo lì posso abbandonarmi in pieno ai ricordi. “

 

Brunello Cucinelli, da “Il sogno di Solomeo. La mia vita e l’ idea del capitalismo umanistico”

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *