I carillon di Villeroy & Boch, piccoli capolavori dal fascino d’altri tempi

Le sue note incantate e ipnotiche creano un sottofondo magicamente irreale: non è un caso che il carillon (anche detto “scatola musicale”) sia onnipresente in occasione delle celebrazioni più speciali. Nascite, battesimi, compleanni, ma anche il Natale, dati gli accenti fanciulleschi che impregnano questa festa. E’ un oggetto senza tempo, un cult da collezione: le sue radici sono antiche, ma il fascino che emana è sempre attuale. A Dicembre, si tramuta in un’ idea regalo tutto fuorchè scontata. Riproduce la simbologia natalizia al gran completo, e lo fa in modo eccellente: carillon a forma di angeli, giostrine, abeti addobbati, Babbo Natale e pupazzi di neve spadroneggiano, esaltati da un prezioso savoir faire artigianale.  Ma quando nasce il carillon, esattamente? Dopo l’ invenzione dell’ orologio meccanico. A quell’ epoca veniva chiamato “scatola musicale”, poichè con il termine “carillon” si indicava il meccanismo di funzionamento delle campane dei campanili e delle torri civiche. Con l’ avvento dell’ orologio meccanico, gli artigiani ebbero l’ idea di collegare al suo ingranaggio a una ruota che includeva un sistema di pioli, levette e campanelli: i pioli azionavano le leve, che a loro volta martellavano i campanelli. Dal movimento scaturiva una melodia dolcissima, quasi fatata. Fu l’ orologiaio svizzero Antoine Favre-Salomon, nel 1796, a perfezionare il meccanismo dell’ “orologio musicale”. Chiamò la sua creazione “carillon sans timbre ni marteau” e ne registrò il brevetto. La produzione su vasta scala di carillon ebbe inizio pochi anni dopo, all’ inizio dell’ ‘800. L’ estetica ricercatissima e intrisa di estro contraddistinse da subito quel poetico oggetto.

 

 

In omaggio alle antiche origini della “scatola musicale”, vi propongo la gallery che vedete in questo post: le immagini raffigurano i carillon natalizi di Villeroy & Boch, uno storico marchio tedesco. La fondazione del brand risale nientemeno che al 1748, anno in cui Jean-François Boch aprì un piccolo laboratorio di ceramica in Lorena. Nel 1836 Boch unì le forze con Nicholas Villeroy, attivo nella decorazione della ceramica a Wallerfangen, per fronteggiare la massiccia importazione dall’ Inghilterra del prodotto. Oggi, Villeroy & Boch è uno dei marchi leader nella produzione di ceramica e di articoli per la casa. I suoi carillon natalizi, dall’ aria volutamente d’altri tempi, sono dei piccoli capolavori di raffinatezza. A fare da leitmotiv è la realizzazione in porcellana, parzialmente dipinta a mano e decorata squisitamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.