Fiori eterei e meraviglia bucolica: la collezione PE 2021 di Rodarte

 

Il fatto che molte collezioni di moda, a causa della pandemia, siano state svelate attraverso i lookbook ha un innegabile valore aggiunto: quello di “raccontare” visivamente le creazioni, l’ ispirazione dalla quale hanno preso vita, il mood e le suggestioni di cui sono intrise. Ogni scatto rivela l’anima della collezione, scava nei riferimenti che hanno fomentato l’estro del designer. Il lookbook di Rodarte, in tal senso, è esemplificativo: le immagini, che portano la firma della fashion photographer Daria Kobayashi Ritch, colgono l’ essenza delle mise e ne rievocano l’ universo ispirativo alla perfezione. E’ un mondo in cui i fiori, l’atmosfera primaverile e il tulle impalpabile si amalgamano mirabilmente, esaltati dal clima idilliaco di un bosco affacciato su un vasto panorama collinare. Gli abiti ideati da Kate e Laura Mulleavy sono parte integrante di questo scenario. Rodarte ribadisce i propri stilemi, ma li reinterpreta in virtù delle esigenze imposte dall’ emergenza sanitaria. “Etereo”, “floreale”, “femminile” continuano ad essere le parole d’ordine, coniugandosi però con un’ alta portabilità e con un vago sapore sporty. Predominano abiti sognanti adornati da fantasie floral di tipo vintage, che rimandano di volta in volta a stampe, aiuole fiorite o a certe carte da parati rétro, riprodotte tramite pattern ben precisi. Le maniche sono prevalentemente a sbuffo, i colletti a punta e impreziositi da una rosa in stoffa al centro, le gonne fluttuano con il vento oppure sfoggiano lavorazioni plissé. Non di rado, pettorine, fiocchi e bordature in ruches arricchiscono la struttura dei vestiti. Accenti comfort, come in molte collezioni create durante il lockdown, non possono mancare. Fanno la loro comparsa, quindi, completi pigiama o in stile jogging con tanto di felpa in seta. Questi ultimi vengono declinati in una doppia versione: in alcuni casi mantengono i decori floreali, in altri esibiscono lo slogan “J’aime Rod Arte” su uno sfondo a tinta unita. Non passano inosservati, poi, gli eleganti pantaloni a vita alta dalla linea ampia. Due le nuance di cui si tingono, rosa e azzurro; la fila di bottoni in cristallo e una tasca a forma di cuore sono indizi di una femminilità incantevole. Anche la palette cromatica esprime questo mood sofisticato ed evanescente, alternando i colori pastello a nuance più intense di rosso, rosa, azzurro e verde. La cura dei dettagli va di pari passo con quella degli accessori: spiccano i guanti e i calzini in pizzo, indossati con sandali dal tacco a spillo, che rifiniscono ogni look. Ma ad esaltare lo splendore della collezione è un final touch spettacolare. Come ninfe dei boschi o ammalianti fate, le modelle ostentano una serie di “aureole” floreali mozzafiato. E’ l’ epitome del sogno, della meraviglia che aleggia su tutte le creazioni. Una preziosità aggiuntiva che sottolinea il messaggio di Rodarte: bellezza e fantasia, se inserite nel suo contesto in modo armonico, sono un efficace antidoto contro il dramma pandemico.

 

 

L’ hair stylist Rachel Lee Wright, accentuando l’ allure bucolica dei look, ha raccolto i capelli delle modelle per poi agghindarli con copricapi ricoperti da un tripudio di fiori finti. Alcune mise sono state invece accompagnate dalla chioma sciolta, ornata di fiori posizionati come due fermagli laterali. Anche il make up ha contribuito a risaltare i motivi ispiratori della collezione. Il make up artist Uzo, Director Global Artistry NARS, ha puntato su uno sguardo etereo, intensificandolo con mazzetti di ciglia finte al centro della palpebra e in direzione della tempia. Per completare l’ opera, ha tinto le labbra delle modelle di un vibrante color amarena utilizzando il Red Opulence Lipstick di NARS.

 

 

Photo by Daria Kobayashi Ritch

 

 

 

Il glicine e il suo incanto cromatico

Elisabetta Franchi

 

” E intanto era aprile,
e il glicine era qui, a rifiorire.”
(Pier Paolo Pasolini)

 

I suoi grappoli adornano le facciate delle case, le verande, i giardini. Quando scende a cascata, formando tettoie di fitte e spettacolari efflorescenze, ci lascia senza fiato: sarà per il colore, che mescola sapientemente il viola con l’azzurro e il lilla, o perchè evoca scenari onirici senza pari, ma il glicine (nome comune della Wisteria) è senza dubbio uno dei fiori più incantevoli che sbocciano in Primavera. Il fascino che emana è potente, le sfumature in cui si declina sorprendenti. E poi è ricco, scenografico, teatrale…”esplode” in fioriture massicce e si inerpica sui supporti più svariati. Le tonalità che sfoggia, oltre ad essere composte da uno straordinario mix cromatico, virano di volta in volta a gradazioni ben precise come il viola, il lilla, addirittura il rosa…Il mondo dello stile non poteva rimanere immune al fascino di questo fiore e delle sue sognanti nuance. Ecco perchè, per andare incontro al mese di Aprile, ho deciso di eleggere il glicine a colore della Primavera 2021. E se Elisabetta Franchi ha aperto la sua sfilata con una serie di preziosi abiti che rimandano alle sfumature della Wisteria, moltissimi altri brand lo omaggiano attraverso look impalpabili o raffinatissimi accessori. Perchè il glicine ci ammalia, è meraviglia nella quintessenza. Citando la nota scrittrice Pia Pera, ” è visione di pura bellezza con quell’azzurro violaceo dalla fresca tonalità di lavanda contro l’erba smeraldina”.

 

George Keburia

Versace, Medusa bag

Victoria Beckham

Dolce & Gabbana, choker

Nodaleto, Bulla Babies shoes

Stine Goya

Cote

L’Autre Chose

Bottega Veneta, Chain Cassette bag

Versace

Elisabetta Franchi

Valentino

Fendi Baguette

Gucci, 711 Jenny Purple Mat Lipstick

Kenzo

Manebì

Bottega Veneta, décolleté Almond

Victoria/Tomas

Coccinelle

Isabel Marant

Twinset

Elisabetta Franchi

George Keburia

Ulla Johnson

L’ Autre Chose

Elisabetta Franchi

The Attico, pouch Greta

Bottega Veneta, sandali Wedge

Marni

 

 

 

Simone Rocha x H&M: la collezione debutta oggi

Finalmente è arrivata! La collezione di Simone Rocha x H&M è on line e sarà possibile acquistarla da stamattina. Come? Esclusivamente nel sito del colosso svedese del low cost. Quindi, affrettatevi a collegarvi a questo link: allo scopo di evitare un sold out immediato, è stato posto il limite di un pezzo a persona per ogni acquisto (sia che si tratti di abiti che di accessori). Questa nuova co-lab ci offre l’occasione unica e irripetibile di esplorare l’universo di Simone Rocha – una designer che, come sapete, VALIUM adora – a prezzi super abbordabili. E data la crisi economica innescata dal Covid, non è di certo una chance da poco. La collezione approfondisce i motivi cari alla stilista: una femminilità che reinterpreta il romanticismo e i suoi cardini (maniche a sbuffo, abiti bamboleggianti, tulle e ruches a profusione) alla luce della contemporaneità, la cura dei dettagli e delle lavorazioni, l’ attenzione per l’ heritage, l’ ispirazione che attinge al concetto di famiglia e di comunità. Tutto questo, per Simone Rocha,  si traduce in una rivisitazione di capi appartenenti alle sue collezioni cult e nella creazione di outfit dedicati sia alla donna, che all’ uomo e al bambino. Il mood è etereo, in puro stile Rocha, e fa da fil rouge a evanescenti abiti in tulle, capispalla dai volumi bouffant, delicate fantasie floreali, pezzi in tartan e ornamenti a base di fiocchi e di perline che coinvolgono anche i gioielli e gli hair accessories. Regna sovrana una palette che include il rosso, il rosa tenue, il nude, il bianco e il nero. La collezione, composta da circa 50 look, è corposa: per questo motivo, VALIUM ha deciso di proporvi una selezione di 30 capi ed accessori molto cool.

 

 

 

 

Il focus

 

Bianco, come la rinascita. Come un foglio su cui scrivere un capitolo tutto nuovo. Una silhouette gentile e aggraziata, ma non leziosa: l’abito si restringe in vita grazie a un’ alta fascia, delinea un profondo scollo a V mentre le maniche, a tre quarti, acquistano volume appena sopra la spalla. La gonna si svasa senza eccedere e il suo orlo sfiora le caviglie. Il resto, è un’ esplosione di fiori squisitamente primaverile. Questo tripudio, però, non ha niente a che vedere con le stampe, le fantasie o con sofisticate applicazioni: un pattern floreale intagliato invade completamente l’ abito e lo adorna come un pregiato ricamo; bordure a forgia di petali impreziosiscono le maniche, lo scollo, l’ orlo della gonna. L’ impatto visivo del look è potente. L’ essenzialità delle linee si coniuga con una silhouette elegante e una raffinatezza mozzafiato. Il colore bianco, oltre a sprigionare luminosità, riflette mirabilmente il mood ispiratore della Primavera Estate 2021 di Elie Saab. Non è un caso che a questa collezione il designer libanese abbia dato il titolo di “A new dawn”: una nuova alba che è anche un nuovo inizio.

 

 

 

New York Fashion Week: flash dalle collezioni AI 2021/22

 

Il 14 Febbraio sono ufficialmente ripartite le Fashion Week nelle quattro capitali internazionali della moda. E come ogni anno, il “fashion month” è stato inaugurato a New York:  a sfilare (soprattutto virtualmente, data l’ emergenza sanitaria) sono le collezioni Autunno Inverno 2021/22, che vanno in scena anche a Londra, Milano e Parigi. L’ era del Covid, però, ha provocato degli stravolgimenti notevoli nelle modalità di presentazione e nella cronologia degli show. Sfilate a porte chiuse e lookbook diffusi via web sono stati pressochè la regola, nella Grande Mela, ma si è verificato un fenomeno ulteriore: la defezione di svariati brand dal calendario ufficiale. Non sono pochi, infatti, i marchi che hanno deciso di svelare autonomamente le proprie collezioni. In gran parte con l’ ausilio del social, dal momento che ormai rivestono un ruolo fondamentale. Differenziare le date e la prassi delle sfilate rappresenta un modo per svincolarsi dalla “maratona” modaiola e, al tempo stesso, per dirottare l’ interesse mediatico su una singola griffe, su un singolo evento. La Fashion Week newyorchese ha annoverato dei grandi assenti: top names del calibro di Michael Kors, Marc Jacobs, Tommy Hilfiger, Ralph Lauren, Proenza Schouler, Jonathan Cohen, Alexander Wang e Tory Burch presenteranno (o hanno già presentato, come Proenza Schouler) le loro creazioni in altre date, alcune di gran lunga posteriori a quelle – comprese tra il 14 e il 17 Febbraio – della Settimana della Moda. Se questo nuovo approccio, da un lato, permette una maggior libertà nel gestire il lancio delle collezioni, dall’ altro (almeno a mio parere) rischia di risultare un po’ caotico e di non ricevere il meritato risalto, vista la molteplicità delle informazioni in epoca pandemica.  Tom Ford, Presidente del CFDA (Council of Fashion Designers of America), ha prontamente ribattezzato il calendario “The American Collections Calendar”, sottolineando l’ intento dell’ associazione di “aiutare a promuovere e supportare la moda americana” a prescindere dalla tempistica degli show. Lo stesso Tom Ford, peraltro, ha scelto di posticipare al 26 Febbraio la presentazione della sua collezione. Tra i brand presenti nelle date “standard” della NYFW spiccano quelli di Gabriela Hearst, Jason Wu, Collina Strada, Coach, Carolina Herrera, Oscar De La Renta, Victoria Beckham, Zimmermann, Prabal Gurung e Anna Sui, per citarne solo alcuni. VALIUM, come ogni anno, fa scalo nelle quattro capitali del fashion per mostrarvi una serie di flash tratti dalle collezioni. Ecco la selezione relativa alle sfil…Pardon, ai lookbook di New York.

 

Adam Lippes 1

Colore, comfort e knitwear in abbondanza sono i cardini della collezione di Adam Lippes, che sceglie di coniugare portabilità e leggerezza (anche nei tessuti) per riportare un alito di gioia nella cupa era del Covid. Si fanno notare gli eleganti cappotti con orli rasoterra, i maxi fiocchi al collo e gli affusolati, ma fluidi, outfit in lana. Tra le cromie risaltano il lilla, il giallo e il rosa pastello, il marrone, il nero, il panna, il rosso. In particolare, conquista il blu Klein magnetico di un paio di pantaloni con piega abbinati a una giacca strutturata ma priva di maniche.

 

Adam Lippes 2

Adam Lippes 3

Victoria Beckham 1

Abiti pratici e portabili senza trascurare l’eleganza, denim e maglieria affiancati al tulle impalpabile e a creazioni che rielaborano lo stile militare: per Victoria Beckham l’ Autunno Inverno 2021/22 è all’ insegna della libertà. La sua collezione combina una sartorialità impeccabile con accessori sfavillanti di brio (come gli stivali, pressochè onnipresenti, cosparsi di glitter argentati). Cappotti e giacche giocano un ruolo chiave. La palette decreta il trionfo del nero e del blu notte alternandoli al rosso, al rosa pastello e a un beige luminoso che a volte sconfina nel nude.

 

Victoria Beckham 2

Victoria Beckham 4

3.1  Phillip Lim 1

Il comfort, un vero e proprio leitmotiv della New York Fashion Week, viene celebrato anche da 3.1 Phillip Lim. Il designer crea la sua collezione pensando alla quotidianità del post-lockdown, al ripristino di una vita in movimento e al ritorno in ufficio dopo lo smart working dilagante. Di conseguenza, propone outfit ad hoc: aleggia un mood anni ’70 e predomina la struttura ricercata, quasi scultorea dei capi; risaltano iconici colli alti in maglia che diventano accessori e dolcevita tempestati di ampi fori. Cromaticamente, ricorrono nuance neutre ravvivate da pennellate di giallo oro, celeste e blu oltremare.

 

3.1 Phillip Lim 2

3.1 Phillip Lim 3

Prabal Gurung 1

Gurung ha ideato la sua collezione la scorsa estate, e si nota: il temporaneo calo nei contagi aveva riportato in auge il glamour e la voglia di abiti “flamboyant”. Il designer ha elevato questo mood alla massima potenza, costellando le creazioni di pois, fiocchi, stampe floreali ed adornandole di strascichi, ruches, ampissimi orli a zampa e ricchi tessuti piumati. I colori? Una palette decisa composta dal rosso, dal bianco e nero e da un rosa ultra carico.

 

Prabal Gurung 2

Prabal Gurung 3

Zimmermann 1

Anche Nicky Zimmermann pensa all’ estate, ma alla prossima. La immagina come un periodo che porterà con sè un forte desiderio di rinascita, di divertirsi,  di spensieratezza, tutti elementi che non ci abbandoneranno al ritorno della stagione fredda. Lo stile della collezione si rifà agli anni ’70 e ’80: alterna ampi pantaloni a vita alta, lunghi cappotti e abiti in stile New Romantic. Maniche a doppio sbuffo, frange adornate di coriandoli e colli alti ricamati impreziosiscono lo “Zimmermann signature dress”; la palette cromatica spazia dal burgundy al rosa pesca, dal senape al nero passando per svariate tonalità di blu e di marrone.

 

Zimmermann 2

Zimmermann 3

Y/Project 1

La collaborazione con il brand Canada Goose dona un vago tocco sporty ai look sperimentali di Glenn Martens. Asimmetrie, sovrapposizioni, arricciature che definiscono scolli o forgiano la silhouette dell’ abito…e poi, ancora, squarci strategici, colli alti e polsini da attaccare e staccare a proprio piacimento: fanno tutti da fil rouge ad outfit sorprendenti. I capi nascono con l’ intento di assumere nuove forme a seconda dei movimenti di chi li indossa; colpiscono un abito-mongolfiera color lilla (una delle top nuance di stagione), un ensemble burgundy composto da una lunga tunica con due “oblò” aperti sulle tasche dei pantaloni sottostanti, una mantella rasoterra in total black che sembra fondersi con l’abito nella stessa tonalità.

 

Y/Project 2

Y/Project 3

 

 

 

Valentino Code Temporal PE 2021: l’ Haute Couture e il concetto di tempo

 

Pierpaolo Piccioli continua a perseguire un nuovo Umanesimo, abbracciando una visione che combina il sogno, l’ intuizione, la ricerca creativa con la manualità del savoir faire artigianale. Al momento di dar vita alla collezione Valentino Haute Couture Primavera Estate 2021, si è prefissato un’ ulteriore meta: esplorare la connessione tra la Couture e il concetto di tempo. Il nome della linea, non a caso, è “Code Temporal”, laddove “temporal” sta ad indicare l’ evolversi degli istanti, il loro fluire in relazione all’ abito e al creare. L’ epoca della pandemia ha rappresentato uno spartiacque anche per la Maison Valentino: prendendo il tempo come riferimento, Piccioli ha elaborato una filosofia che lo collega sì al “qui e ora”, alla condizione sociale, esistenziale e culturale del presente, ma simultaneamente sottolinea il valore dell’ atemporalità applicandola a creazioni svincolate da qualsiasi tendenza. Pensate, appunto, come capi senza tempo. Una concezione, la sua, associata al particolare periodo che stiamo vivendo, dove durevolezza e qualità vengono assurti a must imprescindibili. Partendo da queste riflessioni di base, il designer rivoluziona felicemente la Couture griffata Valentino. Innanzitutto, manda in scena la prima sfilata co-ed e stupisce abbigliando l’ uomo in puro stile gender fluid: cappotti cosparsi di rose ornamentali in rilievo, dolcevita di paillettes e guanti in pelle che oltrepassano il gomito. Poi, si avvale di splendide lavorazioni che si tramutano nelle superfici stesse dei vari capi. Non da ultimo, dedica lo stesso spazio al daywear (naturalmente, ricercatissimo) e a un eveningwear squisitamente “di alta moda”, ma che prende le distanze da tutte le collezioni passate. A fare da cornice alla sfilata è la sontuosa Sala Grande della Galleria Colonna di Roma, ricca di ori e lampadari di cristallo. Sulle note di “Ritual Spirit (temporal)” di Robert Del Naja, leader dei Massive Attack, vanno in scena look mozzafiato intrisi di contaminazioni.

 

 

Si alternano mantelle e coat che ricordano gli origami giapponesi, affusolati abiti in colori vibranti, top tempestati di enormi paillettes abbinati a pantaloni al ginocchio in stile athleisure, scultoree gonne a corolla accompagnate da canotte sporty, jumpsuit dorate portate con un sobrio cappotto bianco, magliette “palloncino” a collo alto e con maniche inglobate, caftani dal taglio essenziale indossati a mò di soprabito, mantelline composte da una miriade di nastri circolari in radzmir, ensemble diurni in cui predominano un ampio paltò, pantaloni e tunica dalle linee nette. L’ attenzione per il dettaglio è straordinaria, la sartorialità sopraffina. Una palette cromatica che include il taupe, il bianco, il fucsia, il giallo oro, il marrone, pennellate di verde e di arancio fluo, esalta mise prive di orpelli ma di una preziosità sorprendente.  Il gran finale accende i riflettori sulle creazioni dedicate alla sera. Spiccano un coat completamente rivestito di frange oro, un fasciante long dress argentato con pettorina e cappuccio cosparsi di perle e strass, abiti drappeggiati costellati di lustrini iridescenti. Ma è l’ultimo look a lasciare a bocca aperta: uno spettacolare evening dress in organza, dalla gonna “esagerata”, che scintilla in un tripudio di paillettes color rame con riflessi perlescenti. Gli accessori, l’ hairstyle e il make up dotano ogni outfit di un’ iconicità potente. Gli “opera gloves” in pelle e i cuissardes laminati con vertiginosa zeppa fanno da fil rouge, così come le chiome lunghissime con la riga in mezzo ideate da Guido Palau e i “volti-maschera” dorati creati da Pat McGrath.

 

 

Visita il sito ufficiale della Maison Valentino per ammirare la collezione completa

 

 

“Le Chateau du Tarot”: i Tarocchi ispirano la collezione Dior Haute Couture PE 2021 e Matteo Garrone la racconta in un corto che è pura magia

La Papessa

Se “Inverno” è uguale a “fiaba”, Maria Grazia Chiuri e Matteo Garrone ce ne regalano una ad alto tasso di magia. Il fortunato connubio tra il direttore creativo di Dior e il visionario regista romano si è ricostituito in occasione del corto (guardalo qui) che svela la collezione Dior Haute Couture Primavera Estate 2021, un racconto calato nelle atmosfere incantate tanto care a Garrone. “Le chateau du Tarot”, questo il titolo del film, è completamente incentrato sui Tarocchi: Christian Dior adorava farseli leggere, così come adorava le arti divinatorie in generale. Frequentava regolarmente le veggenti, credeva nel potere dei simboli e, superstiziosissimo, portava con sè innumerevoli talismani (che ha riprodotto in molte sue creazioni). Maria Grazia Chiuri, sempre attratta dalla passione esoterica di Monsieur Dior, ha voluto esplorarla a tutto campo e l’ ha tradotta in abiti di una magnificenza senza pari. Il concept dei Tarocchi, tuttavia, è ben ancorato anche al nostro presente: chi non ha mai pensato, in questo drammatico periodo storico, di interrogare il futuro per carpirgli qualche indizio? I Tarocchi, con le loro immagini affascinanti, la loro simbologia, il loro mistero, ci inoltrano nel labirinto dell’ avvenire consentendoci, contemporaneamente, di indagare in noi stessi. Matteo Garrone ha preso spunto dai Tarocchi Visconti-Sforza, che Bonifacio Bembo donò ai duchi di Milano nel 1400, per imbastire l’ incantevole narrazione della collezione. I preziosismi di queste carte miniate, ricche di ori, smalti e di un’ enigmaticità intensa, hanno ispirato al regista l’idea di un viaggio alla ricerca di sè: una giovane donna (Agnese Claisse, figlia di Laura Morante), nello studio di una cartomante, quando quest’ ultima le chiede cosa vuole sapere risponde “Chi sono” ed estrae a caso una carta, quella della Papessa. Inizia così il suo itinerario onirico all’ interno di un antico castello immerso nella nebbia. E’ il Castello di Sammezzano, nei pressi di Firenze, che Garrone ha scelto come location.

 

Il Castello di Sammezzano

Qui, la Papessa le porgerà la chiave di accesso al tragitto che, di stanza in stanza, la condurrà alla scoperta di se stessa. Lungo il percorso incontrerà le figure chiave degli Arcani Maggiori: la Giustizia, il Matto, l’Appeso, la Temperanza, il Diavolo…persino la Morte.  Hanno tutte una valenza simbolica. Apparentemente le indicano la via ma in realtà la confondono, la costringono a riflettere e a guardare le cose da un diverso punto di vista. Nel frattempo, i fotogrammi evidenziano scenari da sogno: basti pensare al tripudio di luci che volteggia sotto il soffitto a cupola finemente intarsiato e dipinto di blu. La fine dell’ iter di conoscenza coincide con l’ apparizione della Morte, nei Tarocchi emblema di rinnovamento e di rinascita. La giovane donna incontra la sua parte maschile, si fonde con essa, rinasce a nuova vita con una nuova consapevolezza. Questa sintesi rappresenta lo sboccio del sè in tutta la sua completezza. Le sublimi creazioni di Maria Grazia Chiuri, perfettamente incastonate nella magia della narrazione, risaltano come pietre preziose.

 

Agnese Claisse

Ricercatezza, raffinata opulenza e savoir faire artigianale raggiungono l’apice, in questa collezione che coniuga gli stilemi medievali più squisiti con l’heritage Dior. Nel corto, gli abiti che sfoggiano gli Arcani Maggiori sono la quintessenza dello splendore. Il resto delle mise non è da meno: chiffon e broccati, pizzi intarsiati dipinti a mano, velluti su cui campeggiano i segni dello Zodiaco, superbi ricami, jacquard che scintillano di stelle, cappe piumate in cromie tridimensionali e fluttuanti plissè riempiono lo sguardo di meraviglia. L’ oro predomina, alternandosi ad un sofisticato rosa antico, al blu e al blu polvere. Colpiscono i lunghi abiti a vita alta, le mantelle finemente lavorate, gli impalpabili manti con cappuccio, i corpetti che rievocano dei bassorilievi. L’ artista romano Pietro Ruffo ha arricchito i capi più fiabeschi con disegni che reinterpretano i Tarocchi tramite emblemi ammalianti e visionari dove le figure umane sono totalmente assenti.

 

La Luna

L’ hair designer Francesco Pegoretti invece, ispirandosi ai Tarocchi viscontei, ha ideato una serie di spettacolari acconciature. Su tutte, spiccano quelle esibite dalla Papessa (un raccolto sviluppato in altezza e adornato da tre corone), dalla Stella (un tripudio di stelle d’argento fissate sui rispettivi “steli”) e dalla Luna (un’ enorme parrucca a foggia di luna a spicchio completamente rivestita da capelli biondi): dei veri e propri capolavori.

 

Il Matto e la Giustizia

L’ Appeso

La Temperanza

Il Diavolo

La Stella

La Morte

Agnese Claisse nel finale del corto

LA COLLEZIONE

 

 

Visita il sito di Dior per ammirare la collezione completa

 

 

 

Speciale Natale: Oro Puro

 

Cromia associata al prestigio, al lusso, alla ricchezza ma anche al divino, l’ oro è una delle tonalità del Natale. Perchè, se sin dalla notte dei tempi ha simboleggiato l’ autorevolezza e l’ immutabile (l’ oro è un metallo che non si altera con lo scorrere del tempo), va sottolineato il legame che lo connette al sole e alla sua potenza rigeneratrice. Dal punto di vista dello stile, non esiste una nuance più ricca e luminosa: l’ oro è un evergreen, profonde preziosità anche a piccole dosi e dona una allure luxury ai look più disparati. Sinonimo di luce per eccellenza, a Natale è una scelta ad hoc. Puntate su singoli capi oro o sul total gold senza esitazione: in entrambi i casi, brillerete di uno sfolgorio sontuoso che non farà passare inosservata la vostra mise.

 

Etro

Christian Cowan

 

Paco Rabanne

Preen by Thornton Bregazzi

Celine

La scintillante stella cometa dorata in Piazza del Comune, a Fabriano

Philipp Plein

 

JW Anderson

Twinset

 

Elisabetta Franchi

Oscar de la Renta

Michael Kors

 

Christopher Kane

Prada

 

 

 

Speciale Natale: Red Parade

 

L’ ultimo weekend prima del Natale, su VALIUM, porta aria di festa: si inaugura oggi la parata di look più in linea con le ricorrenze che ci accompagneranno fino a Capodanno, e anche oltre (l’Epifania non va messa da parte!). Il rosso apre questa scoppiettante rassegna. Colore per eccellenza della Natività, è tutto fuorchè scontato: simboleggia la potenza, l’ energia vitale. Nel Feng Shui è rosso il sole che sorge e irradia vibrazioni positive sull’ universo. Il rosso, inoltre, si associa da sempre alla fortuna ed è una tonalità di buon auspicio, il che non guasta nel contesto di un Natale tristemente incupito dalla pandemia di Covid. Niente a che vedere con la “zona rossa” dell’ Italia delle feste, insomma: semmai, un tentativo di esorcizzarla con il colore del successo, dell’ esuberanza, di chi lotta attivamente per superare le situazioni avverse. Per non mollare mai e per tenere alto lo spirito natalizio.

 

Alberta Ferretti

Bottega Veneta

Brandon Maxwell

Versace

Preen by Thornton Bregazzi

Valentino

Gucci

Giambattista Valli

Christopher Kane

Molly Goddard