Febbraio: il look e l’accessorio del mese

AK for Vivienne Westwood

 

Che ti mormora il sangue negli orecchi e alle tempie
quando è là di febbraio che nel bosco
ancora risecchito corre voce
d’una vita che ricomincia.
(Mario Luzi)

 

Febbraio, dal latino “februare”, ovvero “purificare”. Nell’ antica Roma, era il periodo che coincideva con i rituali di purificazione in onore di Februus, un dio etrusco, e di Febris, una dea romana. Per il calendario dei latini, che iniziava a Marzo, era l’ ultimo mese dell’ anno e contava 29 giorni, 30 con l’anno bisestile. Curiosamente, però, venne introdotto solo nel 700 a.C.: i latini reputavano l’ Inverno una stagione priva di mesi. Ad inserire Gennaio e Febbraio fu Numa Pompilio, mentre (secondo la leggenda) Augusto tolse un giorno a Febbraio per aggiungerlo ad Agosto, il mese che gli era stato dedicato. Augusto non sopportava infatti l’idea che il mese di Luglio, che omaggiava Giulio Cesare, fosse più lungo di quello che lo rappresentava. Attualmente, Febbraio ha 28 giorni e 29 solo negli anni bisestili. E’ l’ultimo mese invernale prima dell’ Equinozio di Primavera, e da sempre rappresenta un trait d’union tra le due stagioni. A Febbraio la natura è ancora assopita, il clima rimane polare, ma le giornate si allungano e spuntano sporadici indizi primaverili. Le festività del mese spaziano dalla sacralità della Candelora ai cuori di San Valentino per poi approdare ai fasti profani del Carnevale, un periodo di baldoria che precede la Quaresima. Maschere, coriandoli, parate, balli, feste e una mirade di dolci tipici sono i punti cardine di queste settimane goderecce e altamente liberatorie culminanti con il Martedì Grasso. In Italia, il Carnevale di Venezia (datato 1296) e il Carnevale di Viareggio (datato 1873) sono i più antichi e prestigiosi a livello internazionale.

Il look del mese

L’ abito di AK for Vivienne Westwood, composto da un bustier e da una gonna a palloncino ricca di drappeggi, ha lunghe maniche balloon “indipendenti” che scendono a strascico inglobandosi nella gonna. Il colore è bianco, rigorosamente all over: rimanda alla pianta sacra di Imbolc (rileggi qui l’articolo), il bucaneve, al latte di pecora importantissimo per il sostentamento degli antichi popoli e alla purezza di Brigid, la giovane dea del triplice Fuoco venerata dai Celti. Le scarpe abbinate all’ outfit, dotate di vertiginose zeppe con plateau, ricordano vagamente le “Chopine”, delle calzature femminili che a Venezia spadroneggiavano tra il XV, il XVI e il XVII secolo. Le donne della Serenissima adoravano questo modello di scarpa, la cui zeppa sfiorava i 50 cm. La maschera che la modella sfoggia sul catwalk rievoca invece l’ elemento più emblematico e iconico del Carnevale.

L’accessorio del mese

 

 

Non si tratta, in realtà, di un accessorio bensì di una fragranza: White Moss & Snowdrop di Jo Malone London è una Eau de Cologne candida come la neve. Contiene petali di bucaneve, il fiore simbolo di Febbraio, muschio di bosco e un accordo di cardamomo e ambra dorata che rende inebriante il suo aroma. Il bucaneve, con i suoi sognanti fiori color bianco latte, sboccia esattamente in questo periodo. Non si cura della neve che ammanta il sottobosco, schiude i petali e sembra annunciarci l’ imminente Primavera. Battezzato anche “Stella del Mattino”, è un poetico emblema di speranza e di purezza.

 

 

 

Tendenze AI 2022/23 – Piumini iconici contro il freddo polare

Versace

Ormai è un evergreen: il piumino, capospalla antifreddo per eccellenza, si rinnova di anno in anno e diventa un must dell’Inverno; i modelli raggiungono altissimi livelli di iconicità e di eclettismo. In questa gallery, la selezione che vi propongo dalle collezioni Autunno Inverno 2022/23.

 

Dolce & Gabbana

Heliot Emil

Ermanno Scervino

Dion Lee

Rick Owens

Dior

AC9

Emporio Armani

Roksanda

 

 

A qualcuno piace fucsia

Valentino

Il fucsia è, senza dubbio, il colore moda che più di ogni altro ravviva l’ attuale stagione fredda. A inaugurare la tendenza è stata la Pink PP Collection di Valentino, un vero e proprio inno al fucsia in total look. La nuance protagonista della collezione, che potremmo definire un “magenta elettrico”, è oggi un colore Pantone battezzato Pink PP: inutile dire che abbia riscosso un enorme successo. Ma anche molti altri brand hanno incluso il fucsia tra le loro proposte per l’ Autunno/Inverno 2022/23. Le sfumature sono numerose e variegate; essendo il fucsia, infatti, composto da un mix di blu e di rosso, si ottengono gradazioni più fredde con una prevalenza del blu e più calde se a predominare è il rosso. Il risultato, ad ogni modo, non cambia: il fucsia rimane un colore impattante, travolgente e non passa inosservato. Sia che lo si indossi in versione monocromo o in singoli capi che donano un tocco vibrante al look.

 

Lanvin

Act N.1

Richard Quinn

Dolce & Gabbana

Jason Wu

Poster Girl

Versace

Marco Rambaldi

Eckhaus Latta

 

 

Tendenze AI 2022/ 23 – Pellicce cruelty-free ad alto tasso di colore e di versatilità

Coperni

L’ affermazione dell’ eco-fashion e l’aderenza ai valori cruelty-free fa sì che oggi, per la gioia dei nostri amici animali, la maggior parte dei brand proponga esclusivamente pellicce sintetiche. Ciò non significa che siano meno opulente o sofisticate: la differenza in termini estetici è impercettibile, a cui si aggiungono dei plus come la disinvoltura, il colore e la versatilità. Le pellicce eco si declinano in una miriade di modelli e nuance; sono un’ ottima risorsa contro il freddo all’ insegna dello stile. In questa gallery, una selezione per tutti i gusti: scegli subito la tua!

 

Sportmax

Stella McCartney

Blumarine

Dolce & Gabbana

Michael Kors

Gucci

Bottega Veneta

Emporio Armani

Philosophy

Max Mara

Del Core

Zara

 

 

Dream Couture

Tony Ward

Come ogni fine anno, torna l’appuntamento di VALIUM con l’Haute Couture: abiti da sogno che ci accompagnano in questi ultimi giorni di festa. L’oro, l’argento, i colori di forte impatto predominano; i maxi volumi si alternano a silhouette che scivolano sul corpo e le lunghezze si differenziano: agli orli rasoterra si affiancano quelli mini, ma immancabilmente declinati in versioni ad alto tasso di preziosità.

 

Iris Van Herpen

Valentino

Giambattista Valli

Julien Fournié

Elie Saab

Schiaparelli

Raul Mishra

Chanel

Georges Hobeika

Zuhair Murad

 

 

Argento lunare

Christian Cowan

 

“In grembo alla notte nevosa, d’argento,
immensa si stende dormendo, ogni cosa.”
(Rainer Maria Rilke)

 

L’ argento, da sempre associato al femminile, alle emozioni, alla mutevolezza, risplende di bagliori lunari. L’astro che regna sulla notte è il suo emblema, la lucentezza che lo contraddistingue è estremamente sofisticata. Tra i metalli nobili, è quello che simbolicamente si lega al divino e allo spirituale: l’ intuizione, l’emotività, la profondità interiore, le visioni oniriche e la divinazione, caratteristiche storicamente attribuite alla donna, sono le doti a cui gli alchimisti l’hanno connesso. A Capodanno, scegliete l’argento se volete esaltare il vostro lato più misterioso e lunare. E’ un’ opzione d’effetto e ricca di un fascino indiscusso.

 

Philosophy di Lorenzo Serafini

Area NYC

Erdem

Miu Miu

AC9

Sportmax

Alberta Ferretti

Rick Owens

Michael Kors

The Vampire’s Wife

Dolce & Gabbana

Alexander McQueen

Bronx and Banco

Emilia Wickstead

 

 

Oro regale

Roberto Cavalli

 

” Come è giunto l’oro ad avere il massimo valore? Perché non è volgare, non è utile e luccica di mite splendore; sempre esso dona se stesso. Solo come riflesso della virtù più nobile, l’oro giunse al più nobile valore.”
(Friedrich Nietzsche)

 

Oro: prezioso, opulento, regale. Ai party natalizi o a Capodanno, il total gold non può mancare. Perchè sbrilluccica, scintilla, abbaglia, cattura tutti gli sguardi. Ma anche perchè i fashion brand lo declinano nelle più svariate sfumature, dal platino all’ oro beige passando per le nuance vagamente ramate. Nessun colore se non l’oro è in grado di donare una allure sontuosa e molto teatrale: “No gold, no party”, insomma, parafrasando lo slogan di un noto spot pubblicitario.

 

Altuzarra

Moschino

Laura Biagiotti

LaQuan Smith

The Vampire’s Wife

Dolce & Gabbana

Balmain

Greta Constantine

Paco Rabanne

Dice Kayek

Christian Cowan

Georges Hobeika

Bronx and Banco

 

 

Rosso di sera

Markarian

 

“Il rosso è un grande chiarificatore – luminoso e rivelatore. Non riesco a immaginare di annoiarmi con il rosso – sarebbe come annoiarmi con la persona che amo.”
(Diana Vreeland)

 

Rosso di sera, fastoso e impattante, per sorprendere ai party di Natale. E’ un rosso che di volta in volta avvolge, scintilla, mozza il fiato. Declinato nei più disparati stili e sfumature. Perchè oltre ad essere il colore natalizio per antonomasia, quest’anno svetta al top nella classifica delle nuance di tendenza. Ognuno scelga il suo: c’è un rosso (o un Christmas red, se preferite) per tutti i gusti.

 

Versace

Carolina Herrera

Sportmax

Philosophy

Andreadamo

Zara

Giambattista Valli

La Quan Smith

Moschino

Elisabetta Franchi

Prabal Gurung

Max Mara

 

 

Giambattista Valli AI 2022/23: 6 look da fiaba

 

Verde menta, argento, bianco e rosa ghiaccio: una palette di colori freddi, eterei, sognanti, esalta dei veri e propri abiti da fiaba. Giambattista Valli li dosa sapientemente e li abbina con cura. Le scarpe che accompagnano i look, ad esempio, sprigionano invariabilmente un luccichio argentato. I collant sono bianchi e spessi, rimandando all’ epoca che ha ispirato la collezione Autunno Inverno 2022/23 del designer romano: gli anni ’60 immortalati da Henri Cartier-Bresson in un celebre scatto ambientato a Parigi, all’esterno della Brasserie Lipp, dove un’anziana signora osserva con sguardo truce una ragazza in minigonna inguinale. Quell’ era rivive nei minidress cortissimi e minimal, dalle linee dritte o vagamente ad A. Ed è straordinario come all’ essenzialità delle forme si affianchino elementi in grado di plasmare capi più che mai iconici e preziosi. Un grande fiocco sul davanti, un top impalpabile e un pattern punteggiato di strass, un “pavé” di paillettes su un abito con colletto a punta ammantano le creazioni di fatata raffinatezza. Un corpetto con vertiginosa scollatura a cuore, orlato di ruches e impreziosito di ricami, si assembla a una full skirt tramutandosi in un sogno in total white. E poi ci sono i look nuvola: un autentico tripudio di ruches in tulle che adornano silhouette fascianti o con accenni di strascico, “sbocciano” sugli abiti e li arricchiscono di vaporosi decori. Bagliori argentei profusi valorizzano ogni creazione, inneggiando al coté fiabesco di una collezione che, nata in omaggio al ribelle mood sessantottino, non ha esitato ad avvolgerlo nell’ alone “chic and cool” che è ormai un signature di Giambattista Valli.

 

 

 

Tendenze AI 2022/23 – I cappotti lunghi: comfort e raffinatezza

Ann Demeulemeester

Sono caldi, scenografici, eleganti: i cappotti lunghi svettano sul podio dei fashion trends dell’Autunno Inverno 2022/23. Hanno orli che arrivano alla caviglia oppure rasoterra, a volte un accenno di strascico. “Raffinatezza” è il termine che meglio li connota. Slanciano la silhouette e impreziosiscono qualsiasi outfit. Dato che l’ Inverno avanza a grandi passi, è il momento giusto per inserirli nel nostro guardaroba.

 

Elie Saab

Givenchy

Max Mara

Bevza

Valentino

Del Core

Blumarine

Altuzarra

Tod’s