Gasoldo presenta il video di “Io e te per sempre”(feat Erica Mengod), il suo singolo nuovo di zecca

 

Come vi avevo anticipato nella sua intervista (per rileggerla cliccate qui), sabato 13 Novembre è uscito il video di “Io e te per sempre”, il nuovo singolo di Gasoldo. Il pezzo – prodotto da Bitinjuice – è di per sè una bomba, ipnotico e trascinante, e ha il potere di suscitare un’ autentica miriade di emozioni. Si parla di amore, in particolare della fine di un amore, senza banalità nè melensaggini: in puro Gasoldo style, insomma. Il ritmo cangiante del brano e il flow di Leopoldo Ulivieri (nome all’ anagrafe del “poeta del rap”) si intrecciano in una melodia talmente magnetica da evocare stati d’animo molteplici e variegati: il dolore, la delusione (“Io e te per sempre è stata solo un’illusione…”), la ferita dell’ abbandono, ma al tempo stesso l’ ebbrezza, l’ estasi, il benessere che si accompagnano all’ amore inevitabilmente. Nel racconto della rottura di una relazione, nonostante possa sembrare un paradosso, la potenza dell’ amore irrompe in tutta la sua maestosità. Questa magia adrenalinica viene celebrata dal pezzo e la si percepisce a pelle, nota dopo nota, mentre forgia un’atmosfera altamente coinvolgente. A raccontarvi il video di “Io e te per sempre”, che si avvale dell’ art direction di Charmante Folie e del  contributo della sand artist russa Katerina Barsukova, sarà Gasoldo stesso. Lascio a lui la parola: ” In un’ estate pre-pre-pandemia ci trovavamo a San Pietroburgo e quasi per caso abbiamo deciso di visitare l’ Artmuza, situato sull’ isola Vasil’evskij. Per me suona più come “Artmusa”, ovvero “Artmuseo di Arte Contemporanea”, ma non è semplicemente un museo: i suoi spazi, infatti, ospitano i laboratori creativi di molti artisti. Quel giorno abbiamo visitato svariate mostre e verso l’ orario di chiusura, proprio mentre stavamo per andarcene, abbiamo incontrato Katerina Barsukova che con gentilezza, intelligenza e disponibilità ci ha aperto le porte del suo mondo incantato. E che mondo! Non avevo mai visto niente di simile…Da subito è scattata una scintilla. Stavamo già lavorando a “Io e te per sempre” ed ero continuamente in cerca di un’idea che rappresentasse l’ amore, così fragile ma al tempo stesso unico, fantastico e meraviglioso. Le opere di Katerina mi sono sembrate l’ideale: lei le plasma sulla sabbia e basta un soffio di vento per cancellarle, quindi devi fare tutto il possibile per “catturarle” prima che fuggano via per sempre. In amore il concetto è lo stesso. Dati i numerosi impegni di Katerina, le ho chiesto se potevamo utilizzare e mixare le sue creazioni: questo è il risultato. L’ ispirazione del video è nata proprio dalla magia di quell’ incontro, un incontro tra artisti in un luogo altrettanto magico! Nella vita non tutto capita per caso; anche se così fosse, bisognerebbe avere la consapevolezza del valore di certi incontri e saperne far tesoro. Il resto è nel montaggio e nella scelta minuziosa delle immagini. Volevo che riflettessero gli stati d’animo suscitati dalla musica e devo dire che lo fanno alla perfezione: i movimenti, i colori, le sfumature, l’ effetto patinato della sabbia e dei suoi granelli che si mischiano, vanno e vengono, spariscono, poi ritornano e danzano di continuo…sono eccezionali. La struttura del brano aiuta parecchio, e il cantato di Erica Mengod all’ inizio è epico! Tantevvero che c’è stato un momento in cui avremmo voluto intitolare il pezzo “Highlander”. Poi però abbiamo optato per “Io e te per sempre”, un titolo più significativo e d’ impatto!”

Non ho altro da aggiungere, cari lettori di VALIUM, se non un’ augurio: enjoy it!

 

“Io e te per sempre” su Spotify: https://open.spotify.com/album/4ZShOJ9IaLY807hAdB9E4d

 

Il Ponte di Rialto ha ritrovato il suo antico splendore grazie a Renzo Rosso

 

Venezia è protagonista assoluta in questo 2021 che coincide con il suo 1600mo compleanno. L’ ultima notizia che la riguarda ha a che fare con un restauro prestigioso, quello del Ponte di Rialto. Inaugurato nel 1591, Rialto è il più antico dei quattro ponti che sormontano il Canal Grande (gli altri sono il ponte dell’ Accademia, il ponte degli Scalzi e il ponte della Costituzione) e, senza dubbio, il più celebre: una delle principali attrazioni turistiche veneziane. Oggi, Rialto è ritornato al suo originario splendore grazie al restauro finanziato dal gruppo OTB (“Only The Brave”) e dalla OTB Foundation di Renzo Rosso, il vulcanico patron di Diesel. Il costo dell’ intervento? 5 milioni di euro, che sono valsi decisamente la pena. La ristrutturazione, basata su un progetto del 2012, ha richiesto circa un anno,  80.000 ore complessive di lavoro e il contributo di 130 artigiani all’ opera su 5.500 metri quadri di ponteggi. Nel 2016 il restyling è terminato e a distanza di 5 anni, precisamente il 7 Settembre scorso, il ponte è stato mostrato al pubblico alla presenza delle istituzioni e del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia. OTB, la holding con sede a Vicenza che comprende marchi quali Diesel, Marni, Maison Margiela, Viktor & Rolf, Jill Sander, Amiri e Staff International oltre a detenere le quote di maggioranza della società calcistica L.R. Vicenza, si aggiudicò la gara d’appalto per il restauro del ponte bandita dal Comune di Venezia nel 2012; per Rialto si trattava del primo intervento di riqualificazione dal 1590, il suo anno di “nascita”. Innamorato di Venezia da sempre, Renzo Rosso ha preteso che i lavori avessero il minimo impatto sulla vita della città lagunare: nonostante tecnici, operai e restauratori abbiano profuso tutto il loro impegno nell’ operazione, ai veneziani e ai numerosissimi turisti è sempre stato consentito di transitare sul ponte. Il restyling di Rialto si è concluso con ben sei mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti, il che ha comportato anche una minor spesa del budget a disposizione. Il denaro rimanente, quindi, è stato investito nel ripristino della pavimentazione dei sottoportici attraverso i quali si raggiunge la Pescheria. La cerimonia di inaugurazione del ponte, il 7 Settembre, ha avuto come madrina l’ attrice Cristiana Capotondi ed è iniziata con l’ Inno di Mameli intonato dal tenore Andrea Bocelli, che in seguito ha cantato anche l’ aria “Nessun dorma” della “Turandot” di Puccini. All’ evento hanno presenziato, oltre al Ministro Massimo Garavaglia, il Sindaco Luigi Brugnaro, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il Patriarca Francesco Moraglia e, naturalmente, Renzo Rosso. Un suo parere sul restauro?  “E’ stato magico”, ha dichiarato a Venezia Today. “E’ stato come restaurare un quadro, quando abbiamo tolto le tele, l’ emozione è stata unica.” Non sono mancate, tuttavia, le critiche: a far discutere è stata la targa commemorativa che riporta il nome del finanziatore. Si tratta di una lastra in pietra, un “masegno” della pavimentazione, che alcuni hanno giudicato troppo vistosa o non in linea con lo stile del ponte in quanto di metallo. Contese a parte, quel che conta è che uno dei simboli di Venezia, il Ponte di Rialto, abbia ritrovato la sua antica magnificenza, e che ciò sia stato possibile grazie all’ impegno nei confronti della comunità, all’ amore per la perla lagunare, di Renzo Rosso e del suo team.

 

 

 

Le stelle cadenti da non perdere nelle lunghe notti di Settembre

 

“C’è chi si fissa a vedere solo il buio. Io preferisco contemplare le stelle. Ciascuno ha il suo modo di guardare la notte.”
(Victor Hugo)

Se la notte di San Lorenzo avete mancato l’ appuntamento con le stelle cadenti, la buona notizia è che questo mese avrete moltissime altre occasioni per ammirarle: le notti si fanno più lunghe ed avvistarle è estremamente facile. Il cielo ancora limpido di Settembre permette di distinguerle senza troppi problemi; bisogna considerare, inoltre, che nel periodo che precede l’ Equinozio gli sciami di stelle cadenti raggiungono il loro picco annuale. Basti pensare che se ne contano, approssimativamente, dalle dieci alle venti ogni sessanta minuti! Il fatto è che non ce ne accorgiamo, non ci facciamo caso. Le Aurigidi ci accompagnano nel passaggio dal mese di Agosto a quello di Settembre, mentre – save the date – tra domani e il 7 Settembre potrete ammirare le sfavillanti epsilon Perseidi nel cielo privo di chiarore lunare: si prevede che questo sciame meteorico rilascerà cinque scie infuocate ogni ora. La notte del 9 Settembre, occhio al cielo perchè verrà solcato dalle Perseidi settembrine, meteore di media luminosità generate dalla cometa Bradfield. L’ 11 e il 12 Settembre, invece, sarà possibile osservare le Alfa Triangulidi, le più “misteriose” di tutte. Un loro avvistamento nel 1993 ha evidenziato il passaggio di 11 meteore in poco più di un’ora. Ma come mai, a volte, è così difficile scorgerle? La risposta vi stupirà: considerate che all’ interno dell’ atmosfera terrestre le meteore viaggiano a una velocità di 67 km al secondo. Sì, avete letto bene! Anche l’ Equinozio di Autunno, comunque, dal punto di vista cosmico ci riserverà molte sorprese. Quest’ anno si verificherà il 22 Settembre alle ore 21.21. Le ore di buio e di luce saranno in equilibrio perfetto, e il sole tramonterà esattamente alle 19.09: un’ ottima occasione per dedicare la nottata all’ osservazione dei pianeti. Venere, ad esempio, sarà visibile per alcuni minuti extra prima di tramontare a Sud-Ovest, e così Giove e Saturno che culmineranno verso Sud. La notte del 14 Settembre Nettuno – uno dei quattro “giganti gassosi” –  si troverà in opposizione al Sole, però il fenomeno non sarà osservabile a occhio nudo. L’ evento previsto per la notte del 17 Settembre, invece, è imperdibile: una congiunzione tra Giove, Saturno e la Luna che ci regalerà attimi di puro incanto. Per ulteriori informazioni non esitare a consultare il sito della UAI, Unione Astrofili Italiani.

 

 

 

Il close-up della settimana

 

Questa settimana, la Serenissima farà da cornice a due eventi prestigiosissimi che riguardano il fashion world: domani, 14 Luglio, Saint Laurent presenterà la collezione Uomo per la Primavera Estate 2022 a La Certosa sullo sfondo di un’ opera di Doug Aitken, il celeberrimo artista californiano, mentre il 15 luglio sarà la volta di Valentino, che all’ Arsenale farà sfilare le creazioni di Alta Moda Autunno Inverno 2021 2022 (rileggi qui l’articolo che VALIUM ha dedicato ai défilé). Ma l’ estate di Venezia – città meravigliosa e più che mai associata alla rinascita artistico-culturale italiana – ha in serbo molte altre sorprese ancora, tutte all’ insegna della moda. Una notizia appena uscita ci informa che anche Stefano Dolce e Domenico Gabbana hanno scelto la perla lagunare come location dei loro prossimi show. Dal 28 al 30 Agosto 2021, nella Serenissima verranno svelate le collezioni di Alta Moda, Alta Sartoria, Alta Gioielleria e Alta Orologeria del duo, ma non solo. In quelle date è previsto, infatti, anche il lancio della linea Dolce & Gabbana Casa. Dopo Taormina e località emblematiche del Bel Paese quali Napoli, il lago di Como e Firenze, Dolce & Gabbana puntano su Venezia per  perpetuare il loro inno all’ italianità. Quella organizzata dal duo creativo sarà un’ autentica kermesse, una tre giorni che lo vedrà dialogare con le più rappresentative realtà artigianali, artistiche e manifatturiere della laguna. Dolce & Gabbana, come sempre, si preparano a fare le cose in grande. Il loro legame con la Serenissima d’altronde è noto: basti pensare che proprio a Venezia decisero di ambientare la campagna pubblicitaria delle collezioni PE 2018 Uomo e Donna. Nulla è stato detto su dove si terranno le presentazioni in programma per il prossimo Agosto; quel che è certo, è che si tratterà di location preziose e particolarmente significative. Rimanete sintonizzati su VALIUM per avere tutti gli aggiornamenti e le ultimissime news relative all’ evento.

 

 

 

Il close-up della settimana

 

“La bellezza salverà il mondo”, scrive Dostoevskij ne “L’ idiota”. Sarà perchè la virulenza della pandemia di Covid ha risvegliato in noi un forte desiderio di rinascita, o perchè il periodo del lockdown e delle privazioni ci ha spinto a riscoprire la potenza rigenerante della bellezza, ma è ormai un dato di fatto: Venezia potrebbe essere idealmente incoronata “città italiana del 2021″. Tutti gli occhi sono puntati su di lei, tutti la scelgono come location, il che non sorprende; la perla della laguna vanta uno splendore indescrivibile, unico al mondo. E’ un gioiello ricco di sfaccettature la cui la preziosità ha incantato, nel tempo, miriadi di artisti e di intellettuali. Culturalmente vivacissima, Venezia ospita ogni anno appuntamenti di spessore quali la Biennale, il Salone Nautico, il Carnevale, la Venice Fashion Week (un’ affascinante vetrina del savoir faire artigianale locale). Molte notizie emozionanti la riguardano, in queste giornate dense di eventi: tra tutte, risaltano quelle che coinvolgono il fashion world, mai immune alla malia della Laguna. Lo sa bene Rick Owens, che di recente ha ambientato i suoi show tra Venezia e il Lido, ma lo sapeva bene anche Karl Lagerfeld, che, memore della valenza che la città lagunare rivestì nella vita di Mademoiselle, elesse la Serenissima a cornice della sfilata Cruise 2010 di Chanel. Oggi, su Venezia puntano due altri prestigiosi brand: Saint Laurent e Valentino.

 

 

Anthony Vaccarello, direttore creativo dell’ iconica griffe francese, farà le cose in grande. In collaborazione con Doug Aitken, vincitore del Premio Internazionale della Biennale di Venezia 1999 con la spettacolare installazione video “Electric Earth”, manderà in scena la sua prossima collezione (presumibilmente di menswear) negli spazi di un maestoso allestimento creato dall’ artista californiano. L’ installazione, “che Saint Laurent offrirà alla città di Venezia e al suo pubblico”, come il gruppo Kering spiega in un comunicato stampa, farà bella mostra di sè durante la Biennale di Architettura e rimarrà visibile fino al 31 Luglio 2021. Dove si intende collocarla e quando verrà inaugurata, però, sono domande che al momento rimangono senza risposta. Valentino, naturalmente, in quanto a magnificenza non sarà da meno. Il défilé di Alta Moda Autunno/Inverno 2021/22 si terrà a Venezia il prossimo 15 Luglio, ma la location non è ancora nota. Quel che è certo, è che sarà possibile ammirare l’ evento in live streaming sia sui social del brand che sulla piattaforma della FHCM, la Fédération de la Haute Couture et de la Mode. La sfilata rientrerà infatti (seppure virtualmente) nella manifestazione della Paris Couture Week. Pierpaolo Piccioli ha motivato la scelta di Venezia in un approfondito press release: “L’ attuale modalità “viaggia con la fantasia” in cui ci troviamo mi ha spinto a sognare più in grande. La mia prossima collezione Couture si intitolerà “Valentino Des Ateliers” e l’ approccio generale a questo progetto ha molto a che fare con il nome stesso. Mi sono messo alla prova nell’ orchestrare una sinfonia di menti, anime e input creativi diversi. Tutte queste energie hanno portato la mia visione a Venezia, una città che genera genuinamente e spontaneamente vibrazioni su arte, teatro, musica, architettura, cinema e tutto ciò che ha a che fare con la creatività. Ecco perchè è stata una decisione naturale optare per questa idea.” Si prevede che in Laguna approderà un selezionato novero di ospiti, invitato  ad assistere alla sfilata in tutta sicurezza.

 

 

 

Magic Moments Astrali con la Contessa Pinina Garavaglia

 

A pochi mesi dal lancio di “Iconic”, la Techno hit che ha riportato in auge i travolgenti ritmi anni ’90, la Contessa Pinina Garavaglia è inarrestabile e ci regala una nuova chicca musicale. Stavolta, al calar della notte, sale sul “bianco destriero dondolante” di una magica giostra-carillon e ci trasporta in un viaggio dal sapore onirico: siamo catapultati in un luogo senza tempo, scandito da momenti irripetibili a cui fa da sottofondo una melodia fatata. Insieme alla Contessa approdiamo in un Luna Park surreale, dove i tunnel degli spettri ci danno brividi a fior di pelle e gli specchi distorcono il nostro aspetto, ma mai la nostra essenza…Ci troviamo nel regno siderale dei Forever Young, un immenso parco di divertimenti illuminato da un caleidoscopio di Led super tonici e popolato da altalene su cui volteggiamo immaginando di librarci in volo. Poi c’è la giostra, che come un carillon si ricarica innescando un perenne movimento circolare. I Forever Young non conoscono decadimento, riprendono vigore ad ogni giro, si ravvivano in loop. Condividono con noi i momenti magici “del Tempo non finito” e, forti dello status di depositari del “Segreto incantato del gioco immutato”, irradiano dinamismo e joie de vivre. Non sapremo mai se riusciremo a scoprire il loro Segreto o anche solo ad intuirlo. Per avere una risposta, dovremmo rivolgerci alla Contessa Garavaglia: lei lo conosce bene, tant’è che lo rivela nei suoi versi…Non vale la pena, però, di stare a lambiccarsi troppo. Ciò che conta è lasciarsi inebriare dal ritmo martellante di quei “Magic Moments”, che danno peraltro il titolo all’ ultima fatica discografica della Contessa. E non dimentichiamo di sintonizzarci, stasera a mezzanotte in punto e sabato 20 Marzo alla stessa ora, su Club Radio OneRadio Sirio: potremo azzerare le bad vibes dovute al coprifuoco ascoltando “Astral Planet”, un’ escursione notturna all’ insegna del Techno Sound Pleasure che vede la galattica Contessa nel ruolo di Exclusive Guest. Ogni primo e terzo sabato del mese Pinina si esibisce come vocalist in versi nella performance “L’ Infusione (poesia ritmica visuale e delirio logico)” con il sottofondo dei dj set di Vicio Martines, Rosario Turco, Angelo di Franco e Leandro Taibbi, mentre Gaipa Voxx è la voce narrante. La trasmissione si ripropone di trascinarci in un vortice fantasmagorico e rigenerante di Musica, Ballo e Poesia: più che mai decisa ad impedirci di soccombere alla nostalgia per i tempi d’oro della nightlife, Pinina Garavaglia si mette in gioco con questo appuntamento radiofonico per tener viva la luce astrale della Techno. Seguitela, ballate, scatenatevi sulle note dei dj set e preparatevi a vivere, insieme alla Contessa, un rutilante tripudio di “Magic Moments” nel regno dei Forever Young!

Il brano, prodotto da TempiINversi Records, è reperibile sulle piattaforme di Spotify, Apple Music e You Tube.

 

Photo Credits

Artwork : Charmante Folie

Photo: Silvia Cattaneo

Music: Bitinjuice

Video Concept: Max Interceptor

 

 

Il close-up della settimana

 

Oggi inizia ufficialmente il Carnevale di Venezia, ma una maschera come quella della foto la vedrete solo on line. Intanto, il colore bianco del suo abito non è casuale: rimanda al cambiamento, a un nuovo inizio, alla purificazione che precede una rinascita. E’ la tonalità ideale, quindi, per simboleggiare l’ edizione 2021 dell’ antica kermesse lagunare, che non si lascia intimidire dal Coronavirus e si mette in gioco tramite un’ inedita versione virtuale. “Tradizionale, emozionale, digitale”, così il Carnevale viene definito nel comunicato stampa di presentazione, e di emozioni ne elargirà senza dubbio. Perchè quest’ anno chiunque potrà partecipare alla più celebre festa veneziana: è sufficiente connettersi al sito ufficiale del Carnevale, ai suoi social o accedere a Televenezia, sul canale 71 del digitale terrestre.

 

 

La manifestazione carnascialesca, insomma, non rinuncia ad allietarci con la sua magia ma approda sul web per permettere al pubblico di fruirne in tutta sicurezza. Dal 6 al 7 Febbraio e dall’ 11 al 16 Febbraio, a partire dalle 17 fino alle 18,30 circa, gli streaming trasmessi da Ca’ Vendramin Calergi – il Casinò di Venezia, affacciato sul Canal Grande – ci condurranno tra i luoghi e i protagonisti del Carnevale in un vortice di euforia, spettacolari travestimenti, avvincenti interviste e suggestivi racconti. Ma per ora non vi dico altro: sono assolutamente intenzionata a non fare spoiler. Ad introdurci al perenne incanto del leggendario evento veneziano sarà un personaggio (o meglio, uno, nessuno e centomila) che chi segue VALIUM conosce molto bene. Chi altri se non lui, potrebbe raccontarvi con parole più intriganti il Carnevale di Venezia? Scommetto che avete già capito di chi si tratta…Stay tuned per non perdere questo straordinario appuntamento!

 

 

 

Il close-up della settimana

 

Il Made in Italy trionfa anche al Campidoglio di Washington DC: seppur con base a Parigi, la Maison Schiaparelli è oggi proprietà di Diego Della Valle e non va certo trascurata l’ italianità della sua fondatrice, la visionaria e mitica Elsa Schiaparelli. Proprio in uno spettacolare abito griffato Schiaparelli Haute Couture, due giorni fa, Lady Gaga ha sbalordito il parterre dell’ Inauguration Day di Joe Biden, il nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America. Durante la cerimonia per l’insediamento di Biden, a Lady Gaga è spettato l’onore di cantare l’ inno nazionale “The Star-Spangled Banner” (guarda qui il video). Un’ interpretazione, la sua, partecipata e intensa, talmente intrisa di pathos da dare brividi a fior di pelle: emozionata, radiosa e piena di grinta, Gaga ha intonato l’ inno con voce potente. A catturare i presenti, tuttavia, non è stata solo la sua performance. “Mother Monster” (come l’hanno ribattezzata i fan) si è presentata sfoggiando un look decisamente eye-catching sia riguardo all’ outfit che al make up e all’ acconciatura.  I capelli biondo platino intrecciati in una milkmaid braid, le sopracciglia scure e folte, il rossetto di un rosso smagliante sono stati esaltati da una mise composta da un corpetto sagomato color blue navy e da una voluminosa gonna in faille di seta rossa; appuntata sul corpetto, spiccava una spilla oro a foggia di colomba, emblema di pace e di salvezza. Un paio di guanti neri in pelle, tocco finale dell’ ensemble, donava risalto al microfono dorato che Lady Gaga reggeva in mano.

 

 

La sua esibizione, tra voce, presenza scenica e teatralità dell’ abito, è risultata di fortissimo impatto e di un’ iconicità senza pari: ” La mia intenzione è quella di riconoscere il nostro passato, curare il nostro presente e appassionarci ad un futuro in cui lavoriamo insieme amorevolmente”, ha twittato un paio di giorni fa la popstar, aggiungendo poi che la colomba e il ramoscello di ulivo raffigurati sulla sua spilla sono un auspicio affinchè possiamo vivere in pace l’uno con l’altro. L’ entusiasmo per la nuova era inaugurata negli USA ha permeato tutta la performance di Lady Gaga, una scena difficile da dimenticare: il look fiabesco, le vibranti emozioni che ci ha trasmesso, i buoni propositi espressi compongono un mix prorompente di stile, talento e vivi valori. Anche il direttore creativo della Maison Schiaparelli, Daniel Roseberry, ha speso parole appassionate su Gaga e sulla creazione dell’ abito che ha indossato: “Come americano che vive a Parigi, questo ensemble è una lettera d’amore al paese che mi manca così tanto e ad un’ artista di cui ho a lungo ammirato l’arte. La Maison Schiaparelli è onorata di avere l’ opportunità di vestire l’ iconica Lady Gaga in questo storico Inauguration Day God Bless Lady Gaga e God Bless America“, ha dichiarato nel sito della leggendaria Maison.

 

Foto: Maison Schiaparelli

 

 

Ottobre, la Luna Blu e altre meraviglie cosmiche

 

Il cielo notturno ci offre non poche sorprese, questo mese: la Luna Blu e Marte, il cosiddetto “pianeta rosso”, hanno deciso di regalarci delle indimenticabili visioni cosmiche.  La luna piena ha dato inizio allo show. E’ già comparsa il 2 Ottobre e tornerà per un bis il 31, la notte di Halloween. Potremmo dire che sia venuta ad inaugurare il mese e che riapparirà per concluderlo, forse per questo indosserà un sontuoso abito blu; ma solo immaginario, sfortunatamente. L’ appellativo di Luna Blu indica infatti la seconda luna piena del mese e deriva dal modo di dire anglosassone “once in a blue moon” (“una volta ogni luna blu”), riferito alla rarità di un evento o di una circostanza. Certo, la concomitanza con Halloween ci farebbe auspicare una Luna Blu di nome e di fatto: che chiedere di meglio, per la notte più magica dell’anno? Dovremo però “accontentarci” di ammirare una luna piena che, in virtù dell’ esoterico contesto in cui si mostrerà, ci riporta alla mente un famoso aforisma di George Carlin, “Ci sono notti in cui i lupi stanno in silenzio e solo la luna ulula”.

 

 

Per quanto riguarda Marte, invece, la sua presenza si inserisce in un vero e proprio spettacolo planetario. Il 6 Ottobre ha già raggiunto la distanza minima dalla Terra (62 chilometri) e stanotte sarà in opposizione, ovvero agli antipodi del Sole rispetto al suo posizionamento nei confronti del nostro pianeta. Ciò significa che potremo vederlo brillare come non mai, e rimarrà visibile per tutta la notte.  Nel corso di qualche settimana, addirittura, spetterà proprio a Marte il titolo di pianeta più  lucente delle prime ore del buio. Con l’ opposizione, il Sole, la Terra e Marte si allineeranno: quando l’ astro di fuoco tramonterà, Marte sorgerà al lato opposto del firmamento. Il “pianeta rosso” compierà una traiettoria da Est verso Ovest che avrà inizio la sera per terminare poco prima dell’ alba, culminando a notte fonda in direzione Sud.

 

 

In realtà, per tutto il mese di Ottobre sarà possibile vedere i pianeti più splendenti,  ad occhio nudo, da mattina a sera. Venere, il più luminoso in assoluto, appare ad est qualche ora prima dell’ aurora. Dopo il crepuscolo, invece, i “giganti” Saturno e Giove campeggiano a sud-ovest dalla costellazione del Sagittario; Urano, in opposizione il 31 Ottobre, resterà visibile per l’ anno intero ma con l’ ausilio di un telescopio. Per quanto riguarda i pianeti distinguibili dopo il calar del Sole, sappiate che avremo l’ opportunità di ammirarli in una serie di affascinanti “danze” con la Luna: il 29 Ottobre sarà la volta di Marte, mentre il 22 e il 23 l’ astro d’argento si congiungerà con Giove e con Saturno. La nuova stagione, non c’è che dire, è iniziata all’ insegna della pura meraviglia cosmica!

 

 

 

 

Il close-up della settimana

Pierpaolo Piccioli durante il gran finale dell’ applauditissima sfilata di Haute Couture Primavera/Estate 2019, chiusa da Naomi Campbell

Pierpaolo Piccioli, mente creativa di Valentino, ha appena ricevuto l’ ennesimo, prestigioso riconoscimento: il Council of Fashion Designers of America l’ha infatti nominato International Women’s Designer of the Year durante la cerimonia (virtuale a causa del Covid) dei CFDA Awards. Ricordiamo che, solo due anni fa, il premio di Designer of the Year ricevuto ai Fashion Awards britannici aveva già incoronato la sua carriera “da solista” dopo il trasferimento chez Dior di Maria Grazia Chiuri. Era il 2016 quando Chiuri decise di accettare l’offerta della Maison parigina, esattamente otto anni dopo dall’ esordio alla direzione creativa di Valentino in coppia con Pierpaolo Piccioli. Dopo l’ uscita di scena della collega, il designer nato a Nettuno ha portato avanti in solitario quella che verrà storicamente ricordata come la “nuova era” della leggendaria casa di moda di Piazza Mignanelli: una visione creativa inedita che coniuga mirabilmente l’heritage della Maison con una contemporaneità intrisa di fascino e stile. Oggi, questa visione è stata premiata con uno dei riconoscimenti più importanti del fashion system statunitense. L’ annuncio della vittoria di Piccioli è stato dato da Tom Ford – presidente del CFDA dal 2019 – il 14 Settembre, giorno dell’ inaugurazione della New York Fashion Week, attraverso la digital platform Runway360. Su Instagram, lo stilista ha commentato entustasticamente la sua premiazione: “Lontano dai riflettori, dalla folla, dai brindisi e dalle feste, accetto questo premio con immensa gratitudine per la fiducia e la benevolenza dei miei colleghi e amici. La condizione atipica della cerimonia sottolinea l’essenza di questo traguardo: dedizione quotidiana e amore per la bellezza, in tutte le sue accezioni. Interpreto questo premio come un promemoria, per tutto il lavoro straordinario che ha fatto il mio team, per tutto il supporto che ho ricevuto dalla mia famiglia e per l’enorme opportunità che la vita mi ha dato, facendo quello che amo come lavoro. A volte sogno ad occhi aperti cosa farei o potrei fare se non fossi uno stilista … In fin dei conti, sono esattamente dove voglio essere. Quindi, grazie al CFDA e grazie a Tom Ford per avermi ricordato quanto sono fortunato.” Ma anche eccezionalmente geniale e ricco di talento, aggiungeremmo: tanto da aver meritato in pieno di ricevere l’ ambitissimo CFDA Award.