San Valentino

 

“Eppure, per una di quelle intuizioni dell’animo, apparentemente assurde, che magari al momento non ci si bada ma rimangono dentro, per poi ridestarsi a distanza di mesi e di anni, quando il meccanismo del destino scatterà, Antonio ebbe un presentimento: come se quell’incontro avesse importanza nella sua vita, come se il coincidere rapidissimo degli sguardi avesse stabilito fra loro due un legame che non si sarebbe spezzato mai più, a loro stessa insaputa. Già in passato, più di una volta, aveva constatato l’incredibile potenza dell’amore, capace di riannodare, con infinita sagacia e pazienza, attraverso vertiginose catene di apparenti casi, due sottilissimi fili che si erano persi nella confusione della vita, da un capo all’altro del mondo…”

Dino Buzzati, da “Un amore”

 

Buon San Valentino! Ve lo auguro con un brano tratto dal libro-capolavoro “Un amore” di Dino Buzzati e con una serie di immagini in cui il cuore – rappresentato in svariate versioni – fa da leitmotiv. Come disse Antonio Machado, “il cuore è la regione dell’ inatteso”: un concetto che lo associa all’ amore da sempre e che calza a pennello, peraltro, con la trama del romanzo di Buzzati (chi l’ha letto, mi capirà al volo). In un mondo dove dilaga l’ usa e getta dei sentimenti, celebrare l’ amore “puro” (inteso cioè nella sua quintessenza) è confortante. Viva l’ amore, dunque, e soprattutto viva il cuore: perchè se nasce dal cuore, qualsiasi cosa possiede un valore aggiunto.

 

Valentine’s medley

Tra due giorni sarà San Valentino: torna la Festa degli Innamorati, contraddistinta come sempre dalla triade “cuori – rose – cene a lume di candela”. Per celebrarla, un tripudio di spunti in ordine sparso. Spaziano dalla moda agli accessori, dal make up ai dolci “griffati”. A fare da leitmotiv è il rosso, ma non solo: lo affiancano il rosa e il nude, due nuance eteree indissolubilmente associate al femminile. Per alternare la passionalità a una spontanea, aggraziata dolcezza.

Carolina Herrera

Roger Vivier

Ashish

Charles & Keith

A.Bocca

Rodarte

Kiko, Collezione Sweet Affaires

Dolce & Gabbana

Armani Dolci

Blumarine

Giorgio Armani

Natasha Denona, Mini Crush Eye Palette

Charles & Keith

Gucci

Rochas

Neve Cosmetics, Ruby Juice extra pigmented liquid lip stain

Giuseppe Zanotti

Simone Rocha

Strathberry

Schiaparelli

Colour Pop, Secret Admirer Collection

Elisabetta Franchi

Valentino Atelier

N.21

Buti

Aniye By

Kate Spade New York

Loewe

RED Valentino

Preen by Thornton Bregazzi

Marni

San Valentino rosso fuoco con “The Love Collection” di Zara

 

Dominerò le notti,
ballerò in città,
metterò qualcosa di rosso
per risplendere di fuoco…
(Anne Sexton)

 

Rosso come la passione, l’ energia, la creatività, il movimento…Rosso come l’ amore: non è un caso che sia il colore di San Valentino per eccellenza. In occasione della Festa degli Innamorati, Zara ci regala una limited edition – The Love Collection – interamente tinta di rosso fuoco. La contraddistinguono look dalla versatilità estrema, che inneggiano ad una femminilità chic e easy al tempo stesso. Il rosso cattura l’occhio, amplificando il fascino della collezione; i capi sono iconici: l’abito satinato avvolge fluidamente il corpo, la gonna plissé è una nuvola di tulle, il gilet in cashmere viene ornato da una lunga sciarpa, il cappotto sfoggia un taglio rigoroso, la giacca sottolinea la vita grazie a una cintura annodata a fiocco, i pantaloni a zampa si abbinano alla bralette. Per festeggiare il 14 Febbraio, Zara ci invita inoltre ad esibire un make up del tutto speciale. Il Love Limited Edition Set è un kit che include un duo di ombretti più uno smalto e un rossetto Matte Ultimatte, questi ultimi declinati in un rosso squillante. Non vanno trascurati l’ impegno eco e il codice etico sposati dal brand spagnolo: Zara ha adottato lo standard Green to Wear 2.0 per ridurre l’ impatto ambientale del processo produttivo, e aderisce agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Incrementando la sinergia tra il marchio e i sindacati, i dipendenti, i fornitori e gli organismi internazionali, la griffe si adopera costantemente affinchè i diritti umani siano promossi e rispettati.

Foto di Angelo Pennetta. Modella: Anja Rubik

 

La colazione di oggi: a San Valentino, il cupcake è il dolcetto perfetto

 

Febbraio non è certo un mese che difetta di dolci tipici: a quelli “carnascialeschi” come le castagnole, le frappe, le frittelle, le chiacchiere, le zeppole, la cicerchiata, si affiancano le prelibatezze di San Valentino. Non si tratta di dessert tradizionali o ben precisi, poichè spaziano dai biscotti alle torte a forma di cuore. La colazione di oggi è un’ anticipazione del mood che, ogni 14 Febbraio, coniuga l’amore con le delizie di pasticceria; ma quale dolce scegliere, tra i tanti proposti a San Valentino? I cupcakes mi sembrano perfetti: sono autentiche minitorte, e le guarnizioni che li adornano li tramutano in piccoli capolavori artistici. Il loro punto di forza è la glassatura, detta “frosting”, che viene impreziosita dalle forme, dai colori, dagli elementi più disparati.  In questo articolo, quindi, non mi soffermerò tanto sui benefici dei cupcakes quanto sulla storia e sulle curiosità relative ai dolcetti che gli inglesi e gli irlandesi sono soliti chiamare “fairy cake”, “torte di fata”. Il che è tutto dire…

 

 

Le radici dei cupcakes affondano in terra statunitense, e sono radici antiche. Il termine “cupcake” appare per la prima volta nel 1826, ma il libro “American Cookery” di Amelia Simmons riporta la ricetta di uno speciale dolce cotto in tazza (da qui il nome “cupcake”) già nel 1796. E’ più o meno a quell’ epoca che i cupcakes fanno la loro comparsa. L’ origine del nome si basa su una doppia teoria: non esistendo ancora gli stampini, è probabile che i dolci si lasciassero cuocere in una tazza (“cup”) o in delle scodelle apposite. La seconda teoria prevede invece che la tazza fosse un’ unità di misura per gli ingredienti indicati nella ricetta. La prima ipotesi, tuttavia, appare più credibile. Le piccole dimensioni del dolce e la cottura nelle tazze di coccio, infatti, comportavano dei tempi di cottura velocissimi e permettevano di preparare cupcakes in quantità con il minimo sforzo. A proposito di preparazione, quella del cupcake è molto semplice: la glassatura o “frosting”, la farcitura e la decorazione sono i cardini della sua ricetta. La decorazione, senza dubbio, rappresenta lo step più creativo del processo di realizzazione. Si effettua sulla glassa, essa stessa un prezioso elemento ornamentale: di solito è coloratissima e sfoggia innumerevoli forme e aromi. Le decorazioni spaziano dalla tradizionale ciliegia agli ornamenti in pasta da zucchero, che viene plasmata nelle fogge più disparate: fiori, unicorni, arcobaleni, stelle, fiocchi di neve…e dato che il cupcake è ampiamente servito in occasione delle ricorrenze, abbondano l’ iconografia natalizia, pasquale, halloweeniana e via dicendo.

 

 

Perfettamente glassato e decorato, il cupcake è pronto per essere presentato nel suo pirottino di carta pieghettata. A San Valentino potrete sbizzarrirvi ornandolo con un tripudio di rose e cuori in pasta di zucchero; ho anche notato cupcakes bellissimi su cui troneggiano la scritta “Love”, “I love you” o la più nostrana “Ti amo”. Un assoluto must è il colore, rigorosamente vibrante per potenziare l’ impatto visivo. Il frosting perfetto, invece, viene ottenuto con un mix di mascarpone, panna e zucchero a velo. Dopo averlo realizzato, si passa alla colorazione e all’ aromatizzazione; non esistono limiti alla fantasia, l’ importante è che la glassatura sia profumata e catturi cromaticamente. La diffusione commerciale del cupcake risale al primo dopoguerra. Con il passar del tempo, questo dolcetto ha cominciato ad andare a ruba nelle pasticcerie e sono state aperte addirittura delle “bakeries”, negozi che vendono eclusivamente cupcakes: lì, le golose minitorte diventano opere d’arte vere e proprie. Per iniziare – ma anche concludere – il giorno di San Valentino, gustare dei cupcakes è imprescindibile. Garantisce un alto tasso di dolcezza 24 ore su 24!

 

 

Nodaleto lancia “The Wedding Collection”

(Photo by Hugo Comte)

Arriva San Valentino e Nodaleto ci stupisce con una sorpresa straordinaria: il lancio della sua prima wedding collection. Lo stile è quello signature, inconfondibile del brand, i colori sono il bianco, il panna e l’azzurro – in questo caso, nella nuance polvere – tipico della tradizione anglosassone (pensate all’ adagio che esorta la sposa ad indossare “Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di preso in prestito e qualcosa di azzurro” per avere un matrimonio fortunato). La capsule ripropone i tacchi massicci e scultorei, i vertiginosi plateau, le iconiche Bulla Babies declinate in innumerevoli versioni, ma include anche sandali impreziositi da strass, lacci e piume. Julia Toledano ha dichiarato che, dopo due anni di pandemia, è arrivato il momento di tornare a festeggiare: la sua The Wedding Collection nasce come omaggio alle donne che prediligono un bridal non convenzionale, lontano dal consueto stile classico. La cultura Pop, gli anni ’60 della Factory warholiana, il mood “wild & free” che aleggia su Los Angeles e i riferimenti all’ estetica Jap rimangono i cardini ispiratori della designer; la collezione dedicata alle spose li reinterpreta in occasione del “giorno più bello”, ma in modo del tutto esplosivo. Prova ne è la splendida campagna pubblicitaria scattata da Hugo Comte. Ambientata a Las Vegas, precisamente nelle cappelle dove si celebrano i matrimoni lampo, inneggia a un look intriso di audacia e di accenti camp. La modella Stella Maxwell, che impersona una sposa raffinata ma ribelle, sensuale e vagamente kitsch, è la perfetta protagonista dell’ ad. Potete acquistare The Wedding Collection in esclusiva nel sito di Nodaleto; però affrettatevi, perchè sarà acquistabile solo fino al 14 Febbraio!

 

 

 

Stella Maxwell nella ad campaign scattata a Las Vegas da Hugo Comte

 

CREDITS

Art direction: Olivier Leone

Photography: Hugo Comte

Model: Stella Maxwell

Styling: Georgia Pendlebury

Make Up: Sam Visser

Hair: Sasha Nesterchuk